E se i buchi neri non fossero ciò che pensiamo? Questo studio mette tutto in discussione

E se i buchi neri non fossero ciò che pensiamo?  Questo studio mette tutto in discussione

Le singolarità dei buchi neri pongono grossi problemi alle leggi della fisica. Un nuovo studio offre una soluzione: i buchi neri potrebbero in realtà essere stelle teoriche chiamate “gravastars”, piene di espansiva energia oscura.

Stella del buco nero
Fonte: 123rf

I buchi neri sono tra gli oggetti più misteriosi dell'universo. Sono capaci di Distorsione dello spazio-tempo Così violentemente che nemmeno la luce riesce a sfuggire alla morsa della gravità. Ma, Quello che sappiamo Di queste cose misteriose potrebbe trattarsi errore. I ricercatori hanno recentemente suggerito che ciò che chiamiamo buchi neri potrebbe effettivamente essere così Sii gravastarGli oggetti virtuali sono stati introdotti nel 2001.

Gravastars, o “Stelle di gravità“, sono teorizzati come alternative ai buchi neri. A differenza di questi ultimi, che offrono… Singolarità al centro – Il punto di densità infinita dove le leggi della fisica classica crollano – Queste stelle saranno sottili sfere di materia tenute insieme dall'energia oscura, la stessa forza misteriosa che accelera l'espansione, ma potrebbe anche essere responsabile della fine dell'universo. Questa proprietà Eliminare il paradosso Dal suo centro offre una nuova prospettiva sulla composizione e la natura di questi corpi celesti.

Gravastars potrebbe essere una valida alternativa ai buchi neri?

Per determinare la fattibilità delle gravastar come surrogati dei buchi neri, i ricercatori hanno studiato le interazioni delle particelle e delle radiazioni con questi ipotetici oggetti.

Utilizzando La teoria di EinsteinHanno esaminato come apparirebbero massicci ammassi di materia calda che circondano i buchi neri supermassicci se questi ultimi fossero gravastar. I loro risultati sono stati rivelati Le somiglianze sono sorprendenti Tra le emissioni di materia provenienti da questi oggetti celesti, ciò suggerisce che questo tipo di stella potrebbe riprodurre le attuali osservazioni sperimentali.

READ  Il risultato delle valutazioni nazionali della prima media: Parigi è in testa, i DOM sono in ritardo

Una scoperta chiave è che Gravastars può farlo Producendo un'ombra visibile simile Ai buchi neri, non intrappolando la luce nell’orizzonte degli eventi, ma attraverso un fenomeno chiamato “spostamento gravitazionale verso il rosso”. Questo fenomeno fa sì che la luce perda energia mentre attraversa un'area di intenso campo gravitazionale, creando l'apparenza di un'ombra.

Per testare questa teoria, i ricercatori si affidano alla prossima generazione di esperimenti osservativi nel campo della fisica gravitazionale, come il telescopio Event Horizon e lo strumento GRAVITY+ aggiunto alla più grande fotocamera digitale del mondo in Cile. Questi strumenti potrebbero presto permettere di distinguere tra gravastar e buchi neri alunno avvicinamento Centro galatticoinclusa la nostra Via Lattea.

fonte : Riviste.aps

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *