Gli scienziati scoprono un possibile esopianeta al di fuori della nostra galassia

Gli scienziati potrebbero aver localizzato un nuovo pianeta al di fuori non solo del nostro sistema solare, ma anche della nostra galassia.

Questo esopianeta candidato si trova in Messier 51 (M51), noto anche come Galassia Whirpool, ed è stato scoperto dall’Osservatorio a raggi X Chandra, La NASA ha annunciato il 25 ottobre. Un pianeta extrasolare è un pianeta al di fuori del nostro sistema solare e, se questo corpo celeste sarà confermato, sarà il primo pianeta scoperto al di fuori della Via Lattea.

Tutti gli altri pianeti extrasolari si trovano a meno di 3000 anni luce dalla Terra. Questa nuova scoperta si trova a 28 milioni di anni luce dal nostro pianeta.

CLICCA QUI PER L’APP GRATUITA ACCUWEATHER

Per trovare esopianeti candidati, gli scienziati hanno utilizzato un nuovo metodo di ricerca basato sulla ricerca di corpi celesti con lunghezze d’onda dei raggi X.

Lo afferma Rosanne Di Stefano del Centro di Astrofisica attraverso il comunicato diffuso dalla Nasa. Di Stefano ha guidato lo studio, che è stato pubblicato il 25 ottobre sulla rivista Nature Astronomy.

Immagine composita di M51, nota anche come Galassia Whirlpool, con i raggi X di Chandra e la luce ottica del telescopio spaziale della NASA. (NASA/CXC/SAO/R. DiStefano, et al.; ottica: NASA/ESA/STScI/Grendler)

La dichiarazione della NASA ha spiegato che il processo consiste nel determinare che un oggetto transita o passa un pianeta di fronte a una stella, bloccando parte della luce della stella e producendo un “calo caratteristico”. Durante la ricerca di cali di luce ottica che hanno aiutato a trovare migliaia di pianeti, Di Stefano e i suoi colleghi hanno invece cercato cali di luminosità dei raggi X provenienti da sistemi binari di raggi X luminosi, o sistemi con stelle che in genere contengono una stella di neutroni o un buco nero tirando in gas Dalla stella compagna, secondo la NASA. Il materiale vicino a una stella di neutroni o a un buco nero diventa molto caldo e brilla di raggi X in una regione confinata, quindi quando un pianeta gli passa davanti, il pianeta può bloccare la maggior parte o tutti i raggi X.

READ  Il "bastone intelligente" per i non vedenti è la conquista di una nuova scienza

Questo metodo potrebbe consentire agli scienziati di localizzare esopianeti a distanze maggiori rispetto agli attuali studi sul transito ottico, secondo la NASA.

All’interno del sistema binario M51-ULS-1, trovato in M51, una stella di neutroni o un buco nero orbita attorno a una stella compagna che si ritiene abbia una massa circa 20 volte quella del Sole. È stato in questo sistema che il transito dei raggi X è durato circa tre ore, il che ha ridotto a zero le emissioni di raggi X, secondo una dichiarazione della NASA. Questo, insieme ad altre informazioni, ha portato i ricercatori a stimare che l’esopianeta candidato abbia all’incirca le dimensioni di Saturno, in orbita attorno a una stella di neutroni o a un buco nero a circa il doppio della distanza di Saturno dal Sole.

Tuttavia, si prevede che ci vorranno almeno 70 anni per confermare se questo esopianeta candidato è in realtà un pianeta, mentre gli scienziati aspettano di vedere se ha completato un’orbita.

“Sfortunatamente, per confermare che vediamo un pianeta, dovremo probabilmente aspettare decenni per vedere un altro transito”, ha detto la coautrice Nia Imara dell’Università della California, Santa Cruz. “A causa dell’incertezza su quanto tempo ci vorrà per orbitare, non sappiamo esattamente quando guardare”.

I ricercatori considerano improbabile che l’oscuramento sia stato causato da una nuvola di gas e polvere che passa davanti alla sorgente di raggi X perché i dati sono più coerenti con il modello del pianeta candidato, ma anche così, una risposta solida probabilmente non sarà confermato da diversi decenni.

“Sappiamo che stiamo facendo un’affermazione entusiasmante e audace, quindi ci aspettiamo che altri astronomi la esaminino con molta attenzione”, ha detto la co-autrice Julia Berndson della Princeton University nel New Jersey. “Pensiamo di avere un argomento forte, e quel processo è il modo in cui funziona la scienza”.

READ  Gli Stati Uniti hanno inventato un razzo che porta le persone su Marte dieci volte più velocemente: scienza e tecnologia dell'informazione

Per le ultime notizie meteo torna indietro AccuWeather.com. Guarda la rete AccuWeather su DIRCTVe frontierae Dominioe fuboTVe philo, E Fusibile Verizon. AccuWeather è ora disponibile sulla tua piattaforma di streaming preferita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *