Gli scienziati affermano che un teschio di 140.000 anni scoperto in Cina rappresenta una nuova specie

Credito: Xijun Ni tramite il New York Times e nbsp

i punti principali

  • L’esemplare, che è stato effettivamente trovato ad Harbin nel 1933, è stato soprannominato “Dragon Man” e solo di recente ha attirato l’attenzione degli scienziati.
  • Secondo quanto riferito, è stato nascosto in un pozzo per 85 anni per proteggerlo dall’esercito giapponese
  • Il cranio ha più di 140.000 anni, ma è ancora perfettamente conservato nel nord-est della Cina

Un gruppo di ricercatori in Cina ha scoperto un antico teschio che si ritiene appartenga a una specie umana completamente nuova.

L’esemplare, che è stato effettivamente trovato ad Harbin nel 1933, è stato soprannominato “Dragon Man” e solo di recente ha attirato l’attenzione degli scienziati. Secondo quanto riferito, è stato nascosto in un pozzo per 85 anni per proteggerlo dall’esercito giapponese.

Nel 2018. È stato scavato e consegnato a Ji Qiang, professore all’Università di Hebei Jiu.

Secondo i rapporti, il cranio ha più di 140.000 anni ma è ancora perfettamente conservato nel nord-est della Cina.

Ora, l’analisi del cranio ha rivelato che rappresenta una nuova specie di antichi umani che sono più strettamente imparentati con gli umani rispetto ai Neanderthal.

I ricercatori ritengono che la scoperta potrebbe cambiare radicalmente il nostro modo di pensare e la nostra comprensione dell’evoluzione umana.

Lo studio ha affermato che il campione era un uomo sulla cinquantina con un cervello grande, occhi profondi e sopracciglia folte.

Ha anche aggiunto che il maschio aveva una faccia larga con zigomi bassi e piatti che lo facevano sembrare più simile alle persone moderne rispetto ad altri membri dell’albero genealogico umano estinto, secondo AFP.

READ  L'Agenzia spaziale europea lancia una nuova missione per misurare i cambiamenti climatici con dettagli senza precedenti

Lo studio è stato ora pubblicato sulla rivista innovazione.

Il coautore Chris Stringer del Museo di storia naturale ha dichiarato all’AFP: “Nelle nostre analisi, il gruppo di Harbin è più strettamente correlato all’Homo sapiens che all’uomo di Neanderthal, ovvero Harbin ha condiviso con noi un antenato comune più recente di quello dell’uomo di Neanderthal”.

Ha aggiunto che “Dragon Man” sarebbe la “specie fraterna” degli umani e gli antenati più vicini degli umani moderni ai Neanderthal.

Il professor Ji Qiang ha affermato che l’esemplare rappresentava “un mosaico di caratteri primitivi e derivati ​​che si distingue da tutte le altre specie precedentemente chiamate Homo”.

Nel 2019, gli scienziati hanno trovato un cranio rotto in una grotta greca e hanno affermato che era il più antico fossile umano moderno trovato al di fuori dell’Africa. Il cranio è stato trovato nella grotta di Apedema sulla penisola di Mani nel sud del Peloponneso.

Il cranio parziale è stato datato ad almeno 2.10.000 anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *