Quanto velocemente ruota la terra intorno al sole e su se stessa?

Quanto velocemente ruota la terra intorno al sole e su se stessa?

La Terra è in continuo movimento e mentre ruota intorno al Sole, ruota anche sul suo asse, come un pallone da basket sulla punta del dito di un giocatore.

La Terra ruota sul proprio asse una volta ogni 24 ore, o, per essere precisi, ogni 23 ore 56 minuti e 4 secondi. La circonferenza del pianeta è di 24.898 miglia (40.070 km), quindi quando dividi la distanza per il tempo, significa che il pianeta sta ruotando 1.037 miglia all’ora (1.670 km/h).

Leggi di più

Nel frattempo, la Terra orbita intorno al sole a circa 67.000 miglia all’ora (110.000 km/h), secondo Ask an Astronomer, un blog gestito da astronomi della Cornell University di Ithaca, New York.

La Terra impiega circa 365 giorni per completare un’orbita intorno al Sole, in un’orbita ellittica.

Per calcolare la distanza della Terra intorno al sole, tutto ciò che gli scienziati devono fare è determinare la circonferenza del cerchio. Sappiamo che la Terra è, in media, a circa 93 milioni di miglia (149,6 milioni di km) dal Sole, e sappiamo che si muove in un percorso generalmente circolare (in realtà è più ellittico, ma è più facile fare questa equazione con un cerchio ). E quella distanza tra il Sole e la Terra è il raggio del cerchio.

Per ottenere la circonferenza di quel cerchio, l’equazione è 2 x π x raggio, o 2 x 3,14 x 93 milioni di miglia.

Una volta calcolata la circonferenza (la distanza percorsa dalla Terra intorno al sole in un’orbita), è possibile determinarne la velocità orbitale.

READ  In Côte d'Or, il tasso di infezione è di 1.650 casi ogni 100.000 abitanti, ovvero 33 volte più della soglia di allerta

Anche il sistema solare, che comprende il nostro sole e tutti i corpi che orbitano attorno ad esso, si sta muovendo e si trova all’interno della Via Lattea, che ruota attorno al centro galattico.

Gli scienziati sanno che la Via Lattea orbita attorno al centro galattico sulla base delle osservazioni di altre stelle, ha affermato Katie Mack, astrofisica teorica della North Carolina State University. E se le stelle molto distanti sembrano muoversi, è perché il sistema solare si sta muovendo rispetto alla posizione relativa di quelle stelle lontane.

Leggi di più

Finalmente.. Guarda l'esplosione di una supernova cosmica con i tuoi occhi!

Per applicare questo concetto al suolo, Mack ha detto: “Se comincio a camminare, posso dire che mi sto muovendo perché gli edifici che ho superato sembrano muoversi da davanti a dietro. E se guardo qualcosa più lontano, come un montagna all’orizzonte, si muove un po’ più lentamente perché è più lontano dagli edifici.” , ma si muove ancora rispetto alla sua posizione.”

Studiando i moti di altre stelle rispetto al Sole, gli scienziati hanno determinato che il Sistema Solare orbita attorno al centro della Via Lattea a 447.000 miglia all’ora (720.000 km/h).

Mack ha detto che sebbene tutto si muova continuamente, gli esseri viventi a terra non lo percepiscono per la stessa ragione per cui i passeggeri di un aereo non si sentono come se stessero sfrecciando in aria a centinaia di miglia all’ora. Quando l’aereo decolla, i passeggeri percepiscono la sua accelerazione sulla pista e sul decollo, e questa sensazione di pesantezza è causata dal rapido cambiamento della velocità dell’aereo. Ma una volta che l’aereo sta volando a una certa altitudine, i passeggeri non sentiranno la velocità di centinaia di miglia orarie perché la velocità non cambia.

READ  Preistoria: “Tutti i problemi che affliggono il mondo oggi hanno la loro origine nell’era neolitica”.

I passeggeri non sentiranno la velocità perché in realtà si stanno muovendo con la stessa velocità e direzione, come un aereo. L’unico modo in cui i passeggeri possono notare i propri movimenti e il movimento dell’aereo è guardare fuori dal finestrino il paesaggio che passa.

Per gli umani che stanno sulla superficie del nostro pianeta, non sentono che la Terra gira intorno al Sole perché stanno anche correndo intorno al Sole alla stessa velocità.

Fonte: Scienze dal vivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *