Gli scienziati affermano che distribuire regali abbassa la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca

Dare è davvero meglio che ricevere: gli scienziati dicono che fare regali abbassa la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca

  • Gli scienziati hanno scoperto che fare regali abbassa la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca nei volontari
  • Ma ricevere un regalo non ha avuto lo stesso forte effetto
  • I consumatori britannici spendono fino a 80 miliardi di sterline all’anno durante le festività natalizie


Secondo la Bibbia è meglio dare che ricevere.

E in termini di mantenimento di un cuore sano, sembra proprio che sia così.

Gli scienziati hanno scoperto che fare regali ai volontari abbassa la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca e le arterie nutrono il cuore in buona forma.

Ma essere il destinatario di un regalo non ha avuto lo stesso forte effetto.

I risultati degli psicologi dell’Università della California, Los Angeles, suggeriscono che fare regali di Natale ad amici e familiari può aiutare a ridurre il rischio di infarti e ictus.

Gli scienziati hanno scoperto che il dono ha abbassato la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca dei volontari e ha mantenuto le arterie che alimentano il cuore in buona forma (immagine memorizzata)

I consumatori britannici spendono fino a 80 miliardi di sterline all’anno durante le festività natalizie, la maggior parte dei quali va in regali.

Precedenti studi hanno dimostrato che l’atto di donare può giovare all’umore e al benessere mentale migliorando l’autostima.

Ma il team dell’UCLA voleva vedere se poteva fare bene anche al cuore.

READ  Le prime due società hanno riaperto a Pak Jiang

Hanno reclutato 90 studenti universitari e prima li hanno esposti a una situazione stressante e hanno detto loro che avevano solo pochi minuti per prepararsi per un discorso che dovevano tenere davanti a un pubblico. I monitor hanno misurato la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna mentre lo facevano.

Subito dopo, a metà degli studenti è stato detto che potevano scegliere una carta regalo e inviarla a chi voleva, insieme a un’e-mail che spiegava perché li avevano scelti.

Agli altri è stato permesso di scegliere una carta regalo per se stessi. I risultati, pubblicati sulla rivista Psychophysiology, hanno rivelato che la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna sono diminuite in modo significativo quando agli studenti stressati è stato permesso di inviare un regalo ai propri cari.

Ma in chi riceveva un regalo, l’effetto era molto minore.

I ricercatori hanno affermato che il comportamento prosociale – in cui le persone fanno cose per gli altri piuttosto che per se stesse – è già noto per migliorare il benessere psicologico. Ma l’ultimo studio mostra che fa bene anche al cuore.

Ma essere il destinatario di un regalo non ha avuto lo stesso effetto forte (immagine di riserva)

Ma essere il destinatario di un regalo non ha avuto lo stesso effetto forte (immagine di riserva)

In un rapporto sui risultati, i ricercatori hanno affermato: “Il comportamento sociale – o il caldo bagliore del dare – può avere molti vantaggi.

Oltre a ridurre la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, riduce anche i tassi di depressione e stress.

Abbiamo scoperto che ha un effetto maggiore rispetto al comportamento di ricompensa soggettiva.

Il professor Cary Cooper, psicologo ed esperto di stress presso l’Alliance Manchester Business School, ha dichiarato: “Fare regali o aiutare gli altri ci rende più socievoli e meno aggressivi.

READ  Suicidi in corso: Google rimuove le app in prestito dal Play Store! | Google ha rimosso dal Play Store app per smartphone inappropriate che violavano le norme di sicurezza degli utenti in India | Puthiyathalaimurai - Tamil News | Ultime notizie Tamil | Tamil News Online

“Trascorriamo gran parte della nostra vita normale facendo soldi per prenderci cura di noi stessi e delle nostre famiglie, spesso in lavori in cui a volte devi essere duro con le altre persone.

“Fare i regali di Natale è un’opportunità per rimediare e fa bene alla nostra salute”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *