Gli esperti del turismo sollecitano VN a concedere esenzioni dal visto a più paesi

Gli esperti del turismo sollecitano VN a concedere esenzioni dal visto a più paesi

Poco dopo la fine delle vacanze del Tet, il Primo Ministro Pham Minh Chinh, nella sua Direttiva n. 08 del 23 febbraio 2024 sullo sviluppo del turismo sostenibile, ha sottolineato la necessità di adeguare la politica dei visti e di considerare l’esenzione dal visto per più paesi.

Hoang Nhan Chinh, capo segretariato del Tourism Advisory Board (TAB), ha affermato che l'esenzione dal visto si applica in molti paesi della regione.

La Tailandia, ad esempio, applica questa politica ai cittadini di 76 paesi, Malesia 156, Singapore 162 e Filippine 157. Nel frattempo, il Vietnam offre l’esenzione dal visto solo a 25 paesi.

Gli analisti sottolineano che la Thailandia ha le politiche sui visti più flessibili.

Il 29 febbraio è scaduta l’esenzione dal visto thailandese per i viaggiatori cinesi (la policy è in vigore da cinque mesi, dal 25 settembre 2023). Tuttavia, nell’ultima fase, Thailandia e Cina hanno collaborato offrendo esenzioni permanenti dal visto ai cittadini di entrambi i paesi, a partire da marzo.

Tutti i viaggiatori provenienti da entrambi i paesi potranno entrare e soggiornare fino a 30 giorni senza visto.

L'esenzione dal visto ha contribuito notevolmente agli sforzi della Thailandia per attrarre viaggiatori stranieri. Il Paese ha accolto 28 milioni di viaggiatori stranieri nel 2023, tre milioni in più rispetto al livello target, e ha realizzato ricavi per 35 miliardi di dollari.

Oltre alla Cina, altri tre nomi sono stati aggiunti all'elenco dei paesi soggetti alla politica di esenzione dal visto della Thailandia, tra cui India, Taiwan e Kazakistan.

La Tailandia sta valutando la possibilità di estendere il soggiorno massimo da 30 giorni a 90 giorni per i viaggiatori provenienti da 50 paesi esenti dal visto.

La Tailandia applica anche l’esenzione dal visto a tutti i 27 paesi dell’Unione Europea, agli Stati Uniti e all’Australia, che sono grandi mercati con viaggiatori alto-spendenti.

In Vietnam, la nuova politica sui visti e sui visti elettronici, entrata in vigore il 15 agosto 2023, ha contribuito ad aumentare il numero di viaggiatori stranieri nel 2023 a 12,6 milioni.

Solo nel gennaio 2024 il numero ha raggiunto 1,5 milioni, il massimo storico.

Tuttavia, Chinh ha sottolineato che esistono ancora problemi con la politica dei visti. I viaggiatori stranieri, per ottenere il visto elettronico, devono comunque dedicare del tempo all'accesso al sito web, fornire informazioni personali e attendere l'approvazione. I requisiti rigorosi e i lunghi tempi necessari per richiedere il visto possono scoraggiare i viaggiatori.

“Una migliore politica di esenzione dal visto aiuterà ad aprire ampiamente le porte ai turisti internazionali”, ha affermato Chinh.

Da un sondaggio sull'impatto della politica di esenzione dal visto è emerso che il numero di viaggiatori provenienti da Regno Unito, Francia, Germania, Spagna e Italia è aumentato del 20%.

Viaggiatori che spendono molto

Il presidente di Vietravel Holding, Nguyen Quoc Ky, ritiene che il Vietnam debba prendere in considerazione l’esenzione di più paesi dal visto, in particolare mercati come l’Australia, che spende 4 miliardi di dollari all’anno in viaggi, il Canada (33 miliardi di dollari), i Paesi Bassi, la Svizzera e il Belgio (21-26 dollari). miliardi di dollari). .

Altre compagnie di viaggio sperano che anche i turisti provenienti da Svizzera, Belgio e Lussemburgo possano godere dell'esenzione dal visto quando si recano in Vietnam.

Il presidente di Lux Group, Pham Ha, ha esortato il governo a prendere in considerazione l'esenzione dal visto per i viaggiatori provenienti da Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda e cittadini europei, attirando così più viaggiatori con spese elevate.

La risoluzione governativa n. 82 stabilisce che il Ministero degli Affari Esteri, i ministeri e le filiali competenti si adoperano per ampliare l'elenco dei paesi esenti dal visto.

Il TAB ha affermato che le agenzie devono considerare determinati criteri quando ampliano l'elenco.

In primo luogo, dovrebbero concentrarsi sui paesi che hanno molti viaggiatori in Vietnam e che hanno un potenziale di crescita; Paesi con viaggiatori ad alta spesa; e paesi appartenenti all'Unione Europea e altri gruppi di paesi.

Gli esperti hanno stilato un elenco di 33 paesi da prendere in considerazione, inclusi i restanti 20 paesi dell’UE e altri 13 paesi.

Inoltre, il Vietnam deve considerare quattro mercati con un grande potenziale, vale a dire Cina, Taiwan, Hong Kong e India.

Ngoc ah

READ  Nigerian EYN associates pray within church demolished by Borno govt [PHOTOS]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *