Gli astronomi scoprono una nuova galassia ai margini della Via Lattea | Tecnica

Nuova mappa panoramica dei confini via Lattea Scopri una scia di piccole stelle che sono guidate da loro La galassia Che in circa 2000 milioni di anni entrerà in collisione con la nostra teoria, inoltre potrebbe fornire nuove prove per la teoria della materia oscura.

Lo studio pubblicato in natura, Dati dal 2009 al 2018 dalla missione Gaia dell’Agenzia spaziale europea (ESA) e dal telescopio Neowise della NASA per mappare quella della regione esterna della nostra galassia, nota come alone galattico ed è scarsamente popolata.

Tuttavia, gli esperti ritengono che possa contenere Un grande serbatoio di materia oscuraÈ una sostanza ancora sconosciuta che costituirebbe la maggior parte della massa nell’universo, ma fino ad ora sono stati scoperti solo i suoi effetti gravitazionali.

Immagine del Centro Galassia della Via Lattea, scattata con il radiotelescopio Merkat

Lo studio, condotto da astronomi dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, ha rivelato che una piccola galassia chiamata Large Magellanic Cloud (GNM) “ha navigato attraverso l’aura galattica”. via Lattea Come una nave sull’acqua, che crea dietro di sé una catena di stelle. “

Studi precedenti avevano accennato all’esistenza di questo dipinto e della mappa attuale, confermandone l’esistenza e fornendo una presentazione dettagliata della sua forma, dimensione e posizione.

Impalcature di materia oscura

Questo disturbo nell’aura offre anche agli astronomi l’opportunità di studiare Materia oscura, Che pensano sarebbe una specie di impalcatura su cui sono costruite le galassie, che senza di essa potrebbero volare durante la rotazione.

Se c’è materia oscura nell’alone della Via Lattea, è un passaggio La grande nube di Magellano L’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics afferma in una dichiarazione che deve anche lasciare una scia di materia oscura in quella regione.

READ  Gli scienziati hanno scoperto un pianeta `` infernale '' così caldo che la maggior parte dei minerali evaporerà

L’interazione tra la materia oscura e la Grande Nube di Magellano ha effetti importanti sulla nostra galassia, poiché la gravità della materia oscura la trascina e la rallenta.

Ciò renderà l’orbita della galassia nana sempre più piccola, fino a quando non entrerà in collisione con la Via Lattea a circa 2000 milioni di anni.

Gli autori del lavoro ritengono inoltre che la nuova mappa – insieme a dati aggiuntivi e analisi teoriche – possa fornire prove per varie teorie sulla natura della materia oscura, come se e quale sia composta da particelle, come la materia ordinaria. Sono le sue caratteristiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *