Gli astronomi hanno scoperto prove di una luna di grandi dimensioni in orbita attorno a un pianeta delle dimensioni di Giove al di fuori del nostro sistema solare

La scoperta di un secondo esopianeta suggerisce la possibilità che le esolune siano comuni quanto gli esopianeti. Credito: Helena Valenzuela Wiederström

Il segnale della luna lunare nei dati d’archivio indica la possibilità di ulteriori scoperte.

Gli astronomi riferiscono di una seconda luna di grandi dimensioni in orbita a GioveUn pianeta grande quanto quello esterno al nostro sistema solare. Se confermata, questa visione potrebbe significare che le esolune sono comuni nell’universo quanto gli esopianeti e che queste lune grandi o piccole sono una caratteristica dei sistemi planetari. Ma può essere una lunga attesa. Il primo avvistamento in assoluto di una luna esterna quattro anni fa è ancora in attesa di conferma e la verifica di questo nuovo candidato può essere lunga e controversa.

La scoperta è stata pubblicata in astronomia naturaleGuidato da David Kipping e Cool Worlds Lab at Università della Columbia, che ha segnalato il primo candidato per l’exmoon nel 2018.

Gli astronomi ne hanno scoperti più di 10.000 pianeta extrasolare Finora è ancora più difficile, ha detto Kipping, che ha trascorso l’ultimo decennio alla ricerca di satelliti esterni. “Sono un territorio inesplorato.”

Il team ha scoperto la gigantesca luna lunare candidata in orbita attorno al pianeta Kepler 1708b, un mondo a 5.500 anni luce dalla Terra in direzione dei pianeti Cygnus e Lyra. Questo nuovo filtro è circa un terzo più piccolo di Nettuno– Grande come una luna che Kipping e colleghi prima trovato in orbita Un pianeta di dimensioni simili a Giove, Kepler 1625b.

Entrambi i candidati per la luna gigante, ha detto Kipping, sono probabilmente fatti di gas che si accumula sotto la forza gravitazionale delle loro enormi dimensioni. Se un astronomo ipotesi È vero, le lune potrebbero aver iniziato la loro vita come pianeti, solo per essere trascinate nell’orbita di un pianeta più grande come Kepler 1625b o 1708b.

READ  La scoperta di resti e strutture archeologiche durante i lavori di preparazione di Salé

Entrambe le lune si trovano lontano dalla loro stella ospite, poiché c’è meno attrazione gravitazionale per attirare i pianeti e rimuovere le loro lune. In effetti, i ricercatori hanno cercato pianeti giganti freddi e gassosi in orbite ampie nella loro ricerca di lune esterne proprio perché l’analogo nel nostro sistema solare, Giove e SaturnoTra loro ci sono più di cento lune.

Se ci fossero altre lune, ha detto Kipping, sarebbero probabilmente meno mostruose, ma anche difficili da individuare. “Le prime scoperte in qualsiasi indagine saranno generalmente piuttosto eccentriche”, ha detto. “Le cose grandi sono facili da rilevare semplicemente con la nostra sensibilità limitata.”

Gli esopianeti affascinano gli astronomi per le stesse ragioni degli esopianeti. Hanno il potere di rivelare come e dove è nata la vita nell’universo. Sono anche una curiosità a sé stante e gli astronomi vogliono sapere come si formano queste lune esterne, se possono sostenere la vita e quale ruolo, se del caso, svolgono nel rendere abitabili i pianeti ospiti.

Nel presente studio, i ricercatori hanno esaminato un campione dei pianeti giganti gassosi più freddi mai catturati NasaVeicolo spaziale da caccia planetario, Kepler. Dopo aver scansionato in profondità 70 pianeti, hanno trovato un solo candidato – Kepler 1708b – con un segnale simile alla luna. “È un segnale ostinato”, ha detto Kipping. “Abbiamo gettato il lavello della cucina su questa cosa, ma non va via.”

Saranno necessarie osservazioni da altri telescopi spaziali, come Hubble, per verificare la scoperta, un processo che potrebbe richiedere anni. Quattro anni dopo, la prima scoperta della luna lunare del kiping è ancora oggetto di accesi dibattiti. di recente cartaLui e i suoi colleghi hanno mostrato come un gruppo di scettici possa aver perso Kepler 1625b nei loro calcoli. Nel frattempo, Kipping ei suoi colleghi continuano a indagare su altre linee di prova.

READ  Un nuovo studio fornisce informazioni sulla dieta estinta di Little Bush Moa | Paleontologia

Eric Agul, Professore di Astronomia presso Università di WashingtonHa detto che dubitava che l’ultimo segnale fosse reale. “Potrebbe essere solo una fluttuazione dei dati, a causa della stella o del rumore delle macchine”, ha detto.

Altri sembravano più ottimisti. “Questa è la scienza al suo meglio”, ha detto Michael Hebeck, un astronomo indipendente in Germania. “Troviamo qualcosa di intrigante, facciamo la previsione e confermiamo il candidato per l’exmoon o lo escludiamo con osservazioni future”.

“Sono molto entusiasta di vedere un secondo candidato per un esomone, anche se è un peccato che siano stati osservati solo due crossover”, ha aggiunto. “Più dati sarebbero molto utili.”

Rilevare una luna o anche un pianeta a centinaia o migliaia di anni luce dalla Terra non è un’impresa facile. Lune e pianeti possono essere osservati solo indirettamente mentre passano davanti alle stelle che li ospitano, causando un affievolimento intermittente della luce della stella. Catturare uno di questi segnali in transito con un telescopio è impegnativo, così come l’interpretazione dei dati della curva di luce. Le lune sono più difficili da rilevare perché sono più piccole e bloccano meno luce.

La ricerca vale la pena, ha detto Kipping, poiché ricorda come l’esistenza degli esopianeti sia stata accolta con lo stesso scetticismo delle esolune di oggi. “Questi pianeti sono strani rispetto al nostro sistema natale”, ha detto. “Ma hanno rivoluzionato la nostra comprensione di come si formano i sistemi planetari”.

Riferimento: “Exomoon Survey of 70 Fascinating, Giant Exoplanets and the New Candidate Kepler-1708b-i” di David Kipping, Steve Bryson, Chris Burke, Jesse Christiansen, Kevin Hardegre-Ullman, Billy Karls, Brad Hansen, Judit Szulaghi, Alex Teachey , 13 gennaio 2022, astronomia naturale.
DOI: 10.1038 / s41550-021-01539-1

READ  I massicci corpi cosmici che distorcono lo spazio sono invisibili: come li esploriamo allora?

Gli altri autori sono: Steve Bryson, NASA Ames Research Center; Chris Burke con; Jesse Christiansen e Kevin Hardegre Ullman, Caltech; Billy Quarles, Università Statale Valdosta; Brad Hansen, Università della California, Los Angeles; Judit Solagey, ETH Zurigo; e Alex Tecchi, Colombia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.