Gli anelli degli alberi rivelano che l’estate del 2023 è stata la più calda degli ultimi 2000 anni

Gli anelli degli alberi rivelano che l’estate del 2023 è stata la più calda degli ultimi 2000 anni
L’analisi degli anelli degli alberi ha mostrato che l’estate del 2023 è stata l’estate più calda degli ultimi 2000 anni. Foto di Simon Stankowski su Unsplash
Kerry Taylor Smith Kerry Taylor Smith Meteorite Regno Unito 6 minuti

Le informazioni climatiche conservate negli anelli degli alberi hanno rivelato che il 2023 è stata l’estate più calda nell’emisfero settentrionale Negli ultimi 2.000 anni la temperatura è stata di circa 4°C più calda dell’estate più fredda dello stesso periodo.

Gli scienziati utilizzano prove utili risalenti al 1850 circa – che sono rari e incoerenti – hanno dimostrato che il 2023 è stato l’anno più caldo mai registrato, ma una nuova ricerca suggerisce che sia stato eccezionale.

Carta da parati con anelli di albero

I ricercatori che hanno confrontato i primi dati strumentali con un set di dati sugli anelli degli alberi su larga scala risalenti a più di due millenni hanno scoperto che la temperatura di riferimento del 19° secolo utilizzata per determinare il contesto del riscaldamento globale era di diversi decimi di grado Celsius più alta di quanto si pensasse in precedenza. Questa ricalibrazione della linea di base ha rilevato che le condizioni nell’estate del 2023 nell’emisfero settentrionale erano 2,07°C più calde rispetto alle temperature medie estive tra il 1850 e il 1900..

“Molte delle conversazioni che abbiamo sul riscaldamento globale sono legate a una temperatura di riferimento della metà del 19° secolo, ma perché questo riferimento?” afferma il professor Ulf Böntgen del Dipartimento di Geografia dell'Università di Cambridge. “Cosa è normale, in un contesto climatico in costante cambiamento, quando abbiamo solo 150 anni di misurazioni meteorologiche? ? Solo studiando le ricostruzioni del clima possiamo spiegare meglio la variabilità naturale e contestualizzare i recenti cambiamenti climatici indotti dall’uomo.

READ  Fallo per sapere dove sei e prendere le decisioni giuste quest'estate 2022!

Questo contesto è fornito dagli anelli degli alberi. Questi anelli contengono informazioni annuali risolte e completamente datate sulle temperature dell'estate passatache consente ai ricercatori di tornare indietro nel tempo senza l'incertezza associata ad alcune prime misurazioni strumentali.

Periodi più freddi o più caldi

I dati sugli anelli degli alberi rivelano i periodi più freddi degli ultimi 2.000 anni, che hanno seguito una grande eruzione vulcanica Ricco di zolfo, che emetteva enormi quantità di aerosol nella stratosfera, portando ad un rapido raffreddamento della superficie. L'estate più fredda si verificò nel 536 d.C Dopo una di queste esplosioni la temperatura era di 3,93 gradi più fredda rispetto all’estate del 2023.

La maggior parte dei periodi più caldi osservati nei dati sono dovuti all’oscillazione meridionale di El Niño (ENSO), che influenza il clima in tutto il mondo e porta a estati più calde nell’emisfero settentrionale. Ma, Il riscaldamento globale sta rendendo El Niño più intenso, portando ad estati più calde. Si prevede che l’anno 2024 batterà nuovamente i record Si prevede che l’attuale fenomeno El Niño continui.

I dati suggeriscono che l’accordo di Parigi del 2015 per limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali è già stato violato.  Immagine: Adobe
I dati suggeriscono che l’accordo di Parigi del 2015 per limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali è già stato violato. Immagine: Adobe

“È vero però che il clima cambia continuamente L’aumento delle temperature nel 2023, causato dai gas serra, sarà ulteriormente esacerbato dalle condizioni di El Niño“Quindi ci ritroviamo con ondate di caldo più lunghe e intense e periodi prolungati di siccità”, spiega l'autore principale, il professor Jan Esper dell'Università Johannes Gutenberg di Magonza. “Quando guardiamo la situazione nel suo insieme, vediamo come È urgente ridurre immediatamente le emissioni di gas serra“.

READ  Emas de Beja presenta il progetto "Center for Water Sciences"

Variazione naturale

Anche tenendo conto delle fluttuazioni climatiche naturali nel corso di centinaia di anni, Gli anelli degli alberi mostrano che il 2023 è stata l’estate più calda dai tempi dell’Impero Romanosuperando di 0,5°C i limiti massimi delle fluttuazioni climatiche naturali.

“Quando guardiamo a un lungo periodo storico, possiamo vedere quanto drammatico sia stato il recente riscaldamento globale”, aggiunge Böntgen.Il 2023 è stato un anno eccezionalmente caldo e questa tendenza continuerà “A meno che non riduciamo significativamente le emissioni di gas serra”.

Anche i risultati lo dimostrano L’accordo di Parigi del 2015 per limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali nell’emisfero settentrionale è già stato violato.. Tuttavia, i dati per l’emisfero australe sono scarsi a causa della difficoltà di ottenere medie globali; Inoltre rispondono in modo diverso ai cambiamenti climatici perché sono coperti da oceani in misura maggiore rispetto al nord.

Riferimento alla notizia:

Jan Esper, Max Torbenson, Ulf Bontgen. (2024) Calore estivo senza precedenti nel 2023 negli ultimi 2.000 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *