GeForce è ora disponibile per i browser M1 Mac e Chrome

Fornendo giochi ad alta intensità di risorse per laptop e altri dispositivi che potrebbero non essere in grado di riprodurli da soli, Nvidia ha ora lanciato una versione beta GeForce Now del suo servizio di cloud gaming per browser web Chrome e Mac M1.

GeForce è ora disponibile per i browser M1 Mac e Chrome

Fornendo giochi ad alta intensità di risorse per laptop e altri dispositivi che potrebbero non essere in grado di riprodurli da soli, Nvidia ha ora lanciato una versione beta GeForce Now del suo servizio di cloud gaming per browser web Chrome e Mac M1.

Secondo The Verge, GeForce Now aveva già app per Android e Windows 10. Tuttavia, si è espanso a un pubblico più ampio con un lancio beta dei Chromebook nell’agosto del 2020, ed è stato successivamente seguito dalla vittoria di Google Stadia sui dispositivi iOS con un Web alternativo soluzione app. Consente all’utente di trasmettere i giochi tramite il browser web Safari.

In teoria, chiunque abbia un browser Chrome può ora riprodurre in streaming i giochi andando al sito Web di GeForce Now e creando un account, anche su un laptop vulnerabile. Per i nuovi utenti Mac M1, secondo le note di rilascio, c’è una nuova app dedicata. Il log delle modifiche di Nvidia elenca anche alcune altre modifiche per rendere il servizio più utile nel browser, come la possibilità di creare scorciatoie personalizzate per i tuoi giochi e un nuovo modo di condividere collegamenti che possono inviare il tuo amico direttamente a un gioco.

Simile a Google Stadia e Amazon Luna, GeForce Now è anche principalmente un computer nel cloud che gli utenti noleggiano per lo streaming dei loro giochi. I giochi possono essere giocati con un mouse, una tastiera, un gamepad e persino un auricolare wireless, tutti questi funzionano perfettamente in Chrome. Vale la pena notare che sebbene Microsoft Edge sia ora il browser Chromium, al momento non è supportato.

READ  Tecnologia: puoi provare l'aspetto dei plug-in MagSafe sul sito mobile di Apple

Secondo The Verge, l’espansione di GeForce Now non è stata tutta rose e fiori. Il servizio contiene l’integrazione di Steam, che può sbloccare i giochi per PC che un utente potrebbe già dover trasmettere tramite il servizio, ma non tutti i giochi funzionano perché gli sviluppatori devono iscriversi.

Molti di questi sviluppatori non sono molto soddisfatti di Nvidia perché GeForce Now consente ai giocatori di riprodurre in streaming i propri giochi senza autorizzazione (consentendo a Nvidia di guadagnare da un abbonamento mensile). Sebbene il suo rivale Google Stadia abbia una libreria più piccola di giochi più strettamente formattati, spesso offre un’immagine più chiara e una risoluzione più elevata rispetto a Nvidia ora.

(Con input da ANI)

Dichiarazione di non responsabilità: questo post è stato pubblicato automaticamente dal feed dell’agenzia senza alcuna modifica al testo e non è stato rivisto da un editore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *