Bobby Hundreds festeggia il 20° anniversario del suo marchio Streetwear e un nuovo libro

Bobby Hundreds festeggia il 20° anniversario del suo marchio Streetwear e un nuovo libro

Secondo Bobby Kim, meglio noto come Bobby Hundreds, lo streetwear è “morto di grigio” diverse volte nei 20 anni trascorsi da quando ha fondato la sua etichetta The Hundreds.

abiti da strada “Muore e rinasce costantemente”, ha detto durante una chiamata Zoom, in occasione del 20° anniversario del suo marchio. “Ha affrontato molte vite e iterazioni diverse. Mi piace dire che la generazione dello streetwear è tutta incentrata sull’innovazione e questo mi ha sempre fatto andare avanti. È sempre una sfida e si mette costantemente in discussione”.

Altro da WWD

Hundred ha lanciato la sua etichetta da Los Angeles nel 2003, in un momento in cui lo streetwear era ancora considerato una sottocultura. Ha affermato che gran parte della moda di strada era divisa in moda per lo skateboard e cultura urbana, che ha spiegato sono il codice rispettivamente per “vestiti bianchi e vestiti neri”. Ha scelto di avviare la propria etichetta per persone come lui che non si adattano né alla demografia, ma sono interessate alle sottoculture.

Fin dall’inizio del marchio, Hundreds ha fatto della democratizzazione dello streetwear e della costruzione di una comunità la sua missione. Lo ha fatto essendo uno dei primi ad adottare nuove piattaforme e tecnologie per costruire un seguito.

Quando il marchio è stato fondato, centinaia di persone avevano già bloggato per diversi anni, utilizzando la piattaforma per condividere il suo entusiasmo punk rock. Continua a usare il suo blog per parlare di centinaia in un tempo prima che i social media diventassero mainstream e molte delle piattaforme odierne venissero lanciate.

“All’inizio, l’unica differenza tra noi era che eravamo schietti”, ha spiegato. “Eravamo completamente trasparenti, e penso che fosse fastidioso. Era anche un po’ offensivo per gran parte della sottocultura che era molto chiusa, segreta e riservata apposta. Ed eccoci qui, due ragazzini che entrano e dicono: ‘Questo mondo era molto esclusivo e il punto era tenere fuori le persone. Dovevi trovare la tua strada. Siamo rimasti così colpiti da tutto ciò che stavamo scoprendo e imparando che volevamo condividere “.

READ  I 5 migliori pacchetti di risorse aggiornati per Minecraft 1.17.1

Centinaia ha continuato questo approccio e la convergenza con le nuove tecnologie fino ad oggi, con l’etichetta di moda di strada che è stata una delle prime ad adottare NFT e Web3, che sono argomenti del suo prossimo libro, “NFT Are a scam / NFTs are the future”, che uscirà martedì.

Bobby centinaia & # 39;  libro "  Gli NFT sono una truffa / Gli NFT sono il futuro "

Il libro di Bobby Hundreds “Gli NFT sono una truffa / Gli NFT sono il futuro”.

Il co-fondatore ha spiegato che la sua affinità per le nuove tecnologie non è uno stratagemma di marketing o segue le tendenze, ma deriva piuttosto dalla sua naturale curiosità per le nuove piattaforme e i modi di connettersi con le persone.

L’adozione di NFT nella sua attività è stato un altro modo per entrare in contatto con la sua comunità e offrire ai clienti un modo per possedere un pezzo del marchio.

“È sempre stata questa strana dinamica in cui le aziende escono e propongono i loro prodotti ai giovani che spendono i loro sudati risparmi per supportare queste gigantesche società”, ha spiegato. “Al di fuori dello scambio, ottengono un po’ di leva finanziaria, forse un po’ di valore sociale, ma in termini di qualsiasi tipo di proprietà reale o qualsiasi tipo di successo o crescita finanziaria, non lo vedono. Nel frattempo, le aziende lo fanno Questi marchi sembrano essere E le aziende stanno diventando più grandi e i consumatori rimangono nello stesso posto.

Centinaia di persone hanno spiegato che spera che il risultato del suo libro sia che le persone imparino ad essere più aperte all’apprendimento di queste tecnologie, piuttosto che avere una posizione ferma a favore o contro di esse senza comprendere appieno i mezzi.

READ  Commenti: Non a tutti piacerà la nuova versione di Windows: le impostazioni standard causeranno grattacapi

“La verità è che non sappiamo ancora degli NFT”, ha detto. “Sono passati solo tre o quattro anni. Sono tipo tre o quattro anni su Internet se dici, ‘Cos’è questo?’ Come se non ti saresti mai aspettato i social media o eBay o Amazon. Non puoi capire come, sto inviando e-mail avanti e indietro con il mio ragazzo. Posso farlo con la posta ordinaria, non hai bisogno di Internet per farlo. E poi [the internet] Comunicazioni trasformate e sistemi globali trasformati.

Nei successivi 20 anni di attività del marchio, Hundreds non poteva prevedere dove il marchio avrebbe preso il controllo dei molteplici settori in cui lavorava, ma si è impegnato a rimanere concentrato sulla creazione di una comunità.

“Non mi piace limitarmi o limitarmi a ‘questo è quello che sarò'”, ha detto. “Dico sempre alla gente che non so ancora cosa voglio essere quando crescere. Come se non avessi mai immaginato di essere così immerso nella tecnologia tre anni fa. Tecnologia e finanza sono due ambienti da cui ero fuori ed escluso. Queste due lingue a cui ero allergico. Ora sono nelle mie conversazioni quotidiane.”

WWD migliore

Clicca qui per leggere l’articolo completo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *