Gaza: Il Segretario generale delle Nazioni Unite lancia un appello ai paesi che hanno smesso di finanziare l'UNRWA

Gaza: Il Segretario generale delle Nazioni Unite lancia un appello ai paesi che hanno smesso di finanziare l'UNRWA

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha lanciato un appello a 10 paesi occidentali affinché riconsiderino la loro decisione di interrompere i finanziamenti all’agenzia delle Nazioni Unite a Gaza, UNRWA.

“Faccio un forte appello ai governi che hanno sospeso i loro contributi affinché, almeno, garantiscano la continuità delle operazioni dell'UNRWA”, ha affermato domenica in una dichiarazione.

Guterres ha spiegato che due milioni di civili a Gaza dipendono dall’assistenza vitale fornita dall’UNRWA per la sopravvivenza quotidiana, ma gli attuali finanziamenti dell’agenzia non le consentiranno di soddisfare tutti i requisiti per sostenerli a febbraio.

In seguito alle accuse di Israele secondo cui parte del personale dell’UNRWA era coinvolto nell’attacco del 7 ottobre 2023 che ha ucciso più di 1.000 persone in Israele e rapito circa 250 ostaggi, 10 paesi occidentali, tra cui Stati Uniti e Regno Unito, hanno dichiarato che avrebbero sospeso i finanziamenti l'agenzia. .

Altri paesi includono Australia, Canada, Italia, Germania, Finlandia, Paesi Bassi, Svizzera e Scozia.

Guterres ha affermato che le Nazioni Unite stanno “prendendo provvedimenti rapidi a seguito di accuse molto gravi contro diversi membri del personale dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione (UNRWA)”.

Nel comunicato si legge che l'indagine condotta dall'Ufficio delle Nazioni Unite per i servizi di supervisione interna è stata immediatamente attivata.

Allo stesso modo, il commissario generale dell'UNRWA Philippe Lazzarini ha affermato di aver licenziato diversi dipendenti e di aver avviato un'indagine sulle accuse.

“Per proteggere la capacità dell'agenzia di fornire assistenza umanitaria, ho preso la decisione di rescindere immediatamente i contratti di questi dipendenti e di aprire un'indagine per stabilire la verità senza indugio”, ha detto sabato in una dichiarazione separata.

READ  Nouvelle alliance stratégique dans la zone indo-pacifique

Lazzarini non ha menzionato il numero esatto dei dipendenti accusati o i cui contratti sono stati risolti.

La dichiarazione di Guterres afferma che il numero dei dipendenti accusati era 12.

“Delle 12 persone coinvolte, nove sono state immediatamente identificate e licenziate dal commissario generale dell'UNRWA, Philippe Lazzarini; uno di loro è stato confermato morto, e gli altri due sono ora in fase di identificazione”, ha aggiunto.

Ha sottolineato che qualsiasi dipendente delle Nazioni Unite coinvolto in atti terroristici sarà ritenuto responsabile, anche attraverso procedimenti penali, aggiungendo che il Segretariato è pronto a cooperare con un’autorità competente in grado di perseguire individui in linea con le normali procedure del Segretariato per tale cooperazione.

Annuncio di Taksim

Guterres ha osservato che le “presunte azioni ripugnanti” del personale accusato dovrebbero avere conseguenze, ma il resto del personale non dovrebbe essere punito.

“I terribili bisogni delle popolazioni disperate che servono devono essere soddisfatti”, ha aggiunto.


Sostieni il giornalismo di PREMIUM TIMES che si caratterizza per integrità e credibilità

Il buon giornalismo costa un sacco di soldi. Tuttavia, solo un buon giornalismo può garantire la possibilità di una buona società, di una democrazia responsabile e di un governo trasparente.

Per continuare ad avere accesso gratuito al miglior giornalismo investigativo del Paese, vi chiediamo di prendere in considerazione l’idea di dare un modesto sostegno a questo nobile sforzo.

Contribuendo a PREMIUM TIMES, contribuisci a mantenere il nostro giornalismo rilevante e a garantire che rimanga gratuito e disponibile a tutti.

Dona

READ  Volevo lasciare Oxford due volte - DJ Cuppy piange mentre completa la mia tesi






Annuncio di testo: Chiama Willy – +2348098788999








Annuncio della campagna PT Mag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *