Gala lirico a El Jem: Viaggio musicale nel cuore dell’opera italiana con Maria Callas ed Enrico Caruso

Gala lirico a El Jem: Viaggio musicale nel cuore dell’opera italiana con Maria Callas ed Enrico Caruso

L’opera simbolo di Maria Callas ed Enrico Caruso, due leggende della musica classica italiana e mondiale di cui quest’anno si celebrano rispettivamente il centenario e il 150°, ha viaggiato nel prestigioso anfiteatro romano di El Djem, patrimonio mondiale e testimone della commistione culturale tra la Tunisia e l’Italia risalenti a diversi secoli.

A mettere in risalto queste due grandi personalità del repertorio classico è stato il concerto “Musica e Drama”, condotto dal celebre Maestro iraniano Nima Keshavarzi, che si è svolto sabato sera, terza serata del Festival Internazionale di Musica Sinfonica nella città di El. -C. Presentato dall’Orchestra Filarmonica di Firenze e dai musicisti del Conservatorio Luigi Cherubini, questo concerto è stato l’occasione per presentare brani inediti eseguiti da cinque giovani cantanti lirici.

Maria Callas ed Enrico Caruso in Tisdro

Classificato come patrimonio mondiale dell’UNESCO, El Jem e il suo prestigioso Colosseo romano sono una tappa obbligata per gli amanti della musica classica. Per questa festa italiana gli spettatori erano troppi, soprattutto la popolazione occidentale ei turisti in cerca di un’escursione nel mondo degli imperatori e dei gladiatori che occupavano il Colosseo Thysdrus in forme di intrattenimento tipiche dell’epoca.

I musicisti ei cantanti hanno offerto un viaggio attraverso le opere più famose del repertorio italiano, arie e romanze che fanno parte del patrimonio culturale mondiale. Opere inedite sono state eseguite dai soprani Alexandra Gregoras, Evelyn Saavedra, il mezzosoprano Magdalena Urbanovich, il tenore Alfonso Zambotto e il baritono Eric Jang.

In una dichiarazione alla TAP al termine dello spettacolo, il direttore d’orchestra Nima Keshavarzi ha espresso il suo stupore dicendo “È fantastico essere in questo luogo di un piccolo Colosseo che in realtà è così grande”. “È bello e stimolante fare musica in uno spazio così bello. Ci siamo divertiti molto e speriamo di tornare per altri concerti”, ha detto il giovane direttore d’orchestra.

A proposito del programma pensato per questo concerto, ha offerto “una serata un po’ particolare perché quest’anno si festeggiano, in Italia e nel mondo, il centenario della nascita di Maria Callas e il 150° compleanno di Enrico Caruso, tutti due di i più importanti cantanti lirici del secolo scorso”. E per aggiungere: “Attraverso queste due personalità che hanno fatto la grandezza dell’opera italiana e di tutto il mondo, abbiamo voluto riportare qui in Tunisia e al meraviglioso pubblico di questo Paese la bellezza dell’opera italiana”.

READ  Canada: La foto dalla faccia nera che "brucia" Justin Trento

Nell’ambito di questo omaggio alla Callas e a Caruso, abbiamo selezionato alcune delle opere che hanno reso celebri i grandi cantanti lirici come Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini, La Bohème di Giacomo Puccini e La Traviata di Giuseppe Verdi..”. le opere perfettamente rappresentative di questi cantanti, interpretate da un importante cast composto da cinque giovani, talentuosi ed eccellenti cantanti che stanno conducendo una carriera in Italia e all’estero.

Nello stadio El Jem risuonano gli inni nazionali tunisino e italiano

In occasione di questo concerto italiano in onore di Maria Callas ed Enrico Caruso, gli inni nazionale tunisino e italiano sono stati cantati, sabato sera, al Colosseo di El Jem. Nel suo intervento, Fabrizio Saggio, ambasciatore italiano in Tunisia, ha parlato del potere della “musica come espressione universale che interpreta individui e società, diventando un messaggio storico comprensibile a tutti”.

Saggio ha espresso il piacere di incontrarlo “nel magnifico anfiteatro di El Jem, dicendo che arrivando qui questa sera, tocchiamo con mano la nostra storia comune, il passato che lega indissolubilmente i nostri popoli, un legame naturale che unisce Italia e Tunisia e che oggi si manifesta in una partnership globale a 360 gradi.”

L’ambasciatore ha anche parlato di una festa avvenuta l’altro giorno prima dell’importante visita di domani, la terza visita del presidente del Consiglio italiano, Giorgia Meloni, credendo di averne “inaudito”. A tal proposito ricordiamo che, domenica 16 luglio, Midoni è rientrato in Tunisia con la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, e il primo ministro olandese, Mark Rutte. La Presidenza della Repubblica ha annunciato, questo pomeriggio, “la firma di un memorandum d’intesa su un partenariato strategico e globale tra la Tunisia e l’Unione Europea”.

READ  “C’è il pericolo di trasformare il Buddismo in un intrattenimento adatto all’immaginazione moderna”.

Per il diplomatico italiano, questa visita “è una testimonianza del forte e continuo impegno dell’Italia nei confronti di questo Paese, segnando l’ampiezza e la profondità della nostra cooperazione unilaterale in tutti i settori politici, economici e culturali”.

“Siamo lì al fianco della Tunisia e il concerto di questa sera è un’occasione eccezionale per ribadire l’impegno dell’Italia”, ha aggiunto.

Tra Roma ed El Jem, un sodalizio musicale che dura dal 1998

In precedenza, il responsabile del Festival Internazionale di Musica Sinfonica El Jem, Ramzi Jeniyeh, aveva elogiato la collaborazione tra l’Ambasciata d’Italia in Tunisia, l’Istituto Italiano di Cultura in Tunisia e l’Associazione del Festival Internazionale di Musica Sinfonica in Tunisia. Orchestra italiana e omaggio a due icone del canto lirico, Maria Callas ed Enrico Caruso, attraverso una selezione delle più belle arie dell’opera italiana.

Dal 1998 questa collaborazione ha permesso la partecipazione annuale delle orchestre italiane alle varie sessioni del festival. Grazie a questa iniziativa, il pubblico di El Jem ha potuto scoprire la musica classica italiana e le sue opere famose in tutto il mondo. Tra gli esempi notevoli che hanno raggiunto questo grande palcoscenico grazie a questa collaborazione ci sono diversi concerti come quelli tenuti nel 2004 sotto la direzione del grande direttore d’orchestra napoletano Riccardo Muti.

Il piccolo Colosseo di El Jem ha ospitato anche un concerto in onore di Luciano Pavarotti (1935-2007), questo modenese che è una delle voci più emblematiche dell’opera italiana e delle rappresentazioni della musica del cinema italiano. Composto da Ennio Morricone (1928-2020). Questo artista rumeno è un compositore, musicista, produttore, arrangiatore e direttore d’orchestra riconosciuto come uno dei migliori compositori di musica da film.

Genieh ha ancora una volta elogiato il Console Onorario della Tunisia a Firenze, Gualcerio Zamperini, per il supporto offerto a questi preziosi impegni. In segno di apprezzamento per tutto il sostegno dato al Festival Internazionale di Musica Sinfonica El Jem, un attestato di apprezzamento è stato consegnato a Zamperini, dal direttore artistico del festival, Mabrouk El Oyoun.

READ  Mario Draghi annuncia la riapertura parziale delle scuole

Zamperini ha detto che è alla sua quinta visita in Tunisia con concerti molto importanti.” Console onorario della Tunisia a Firenze da 15 anni, il fiorentino ha aggiunto di considerare la Tunisia il suo “secondo Paese”.

Genieh ha espresso il suo ringraziamento al rappresentante della città di Firenze, all’Ambasciata d’Italia in Tunisia Fabrizio Saggio, e al Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi (IIC), Fabio Rugello, per il sostegno e il sincero impegno che hanno reso possibile . Il festival e molti amanti della musica tunisina apprezzano la musica classica italiana ei suoi famosi artisti. “La loro dedizione alla promozione della cultura e dell’arte è un’ispirazione per tutti noi”, ha affermato Ramzy Gniya.

Riferendosi alla partnership del festival con la Fondazione Arte e Cultura della Banca UIB, ha espresso il desiderio che questa fruttuosa collaborazione continui “negli anni a venire e ancora in modo che possa arricchire le nostre vite attraverso la musica e la cultura”.

Fin dalla sua prima edizione nel 1986, il Festival Internazionale di Musica Sinfonica di El Jem si è dimostrato un evento culturale di dimensione internazionale che richiama molti appassionati di musica a Thysdrus, la millenaria città di Eljem e al suo prestigioso teatro romano” Le Little Colosseum”, elencato come Patrimonio dell’Umanità. UNESCO.

La trentaseiesima sessione del Festival Internazionale di Musica Sinfonica della Repubblica di El Jem si terrà dal 5 luglio al 12 agosto, nell’anfiteatro romano della città di El Jem. Dieci serate si svolgono nel programma di questa edizione 2023 sotto il tema “Les Nocturnes d’El Jem” in onore del lavoro di Chopin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *