Concentrazione totale sulla focalizzazione: identificazione di persone, distanze e ore

“Fever” sono i preparati nei negozi concentrazioneChe dovrebbe aprire il 3 maggio dopo sei mesi di inattività.

Dal giorno successivo, annunci di Kyriakos Mitsotakis, i negozianti hanno iniziato a preparare i loro negozi per l’apertura, ma con abbastanza “spine” da creare problemi nel settore. Con questa misura in mano, alcuni imprenditori stanno cercando di posizionare i tavoli alle distanze corrette, mentre altri hanno afferrato spazzole e vernice per rinfrescare sedie, tavoli e all’aperto.

Nel 60 o 72 per cento dei debiti dell’epidemia ai fondi

È interessante notare che verranno aperte solo zone pranzo all’aperto, ma non si sa se le aziende potranno occupare ulteriore spazio dal comune, come accaduto lo scorso maggio.

Cosa forniscono protocolli sani

Durante il briefing di venerdì sulla traiettoria della pandemia, il segretario generale del Commercio, Panagiotis Stamboulides, ha analizzato il modo in cui è stato aperto il ristorante per garantire la sicurezza dei dipendenti e dei cittadini che sarebbero alla ricerca di un luogo interessante.

In sostanza, le procedure ci ricordano cosa è successo l’ultima volta che il ristorante ha riaperto dopo la chiusura. L’idea principale è quella di garantire le distanze, per sfruttare al meglio gli spazi esterni e il numero esatto di persone che potranno sedersi allo stesso tavolo.

In particolare, le società di ristorazione opereranno come segue:

  • Saranno chiusi dalle 23:00. Fino alle 17:00
  • Ai clienti sarà consentito solo sedersi all’aperto. Non saranno consentiti spazi interni semi-esterni.
  • I clienti abituali non saranno ammessi, siediti e basta.
  • Può ospitare fino a sei persone a ogni tavolo.
  • Le distanze tra i tavoli saranno le seguenti: a) quando nessuno dei due è posizionato nello spazio tra due tavolini laterali, la distanza minima tra loro è di 0,90 m, b) quando la sedia è posizionata al loro interno. Uno dei due, quindi la distanza minima tra loro è di 1,20 m. E c) quando una sedia è posizionata in ciascuno di essi, la distanza minima tra loro è di 1,80 m.
  • Allo stesso tempo, non verrà impostato il numero massimo consentito di client in base allo spazio di piede quadrato.
  • Ai clienti sarà consentito utilizzare il nastro solo con i clienti seduti. Possono essere affiancati fino a due sgabelli. Il prossimo paio di sedili dovrebbe essere a 1,5 metri di distanza.
  • Gli addetti alla ristorazione dovranno sostenere l’autoesame due volte a settimana. Lo Stato coprirà il costo di uno degli autoesami, mentre il costo dell’altro sarà a carico del datore di lavoro.
  • I disinfettanti sono su ogni tavolo.
  • I dipendenti dovranno indossare una maschera. I clienti dovrebbero anche indossare una maschera durante l’attesa, e c’è una forte raccomandazione per le maschere per i clienti seduti.
  • I cataloghi dovrebbero essere disinfettati quando i clienti cambiano tabella.
READ  Un controverso gruppo di paracadutisti andrà a Creta per "onorare l'élite del Terzo Reich" (video)

Non sono previste multe per lasciare il ristorante alle 23:00.

Il ministro dello Sviluppo e degli investimenti, Adonis Gorgadis, ha spiegato che non c’è dubbio che verrà inflitta una multa a causa del divieto di circolazione per chi lascia un ristorante alle 11.

L’orario di apertura del ristorante è fino alle 23. Parlando a Mega TV, il ministro ha spiegato: “Non ci sarà il coprifuoco per chiunque lasci il negozio alle 23:00. Non ci sono casi eccellenti dal momento in cui il ristorante apre”.

“L’intera chiave è il vaccino. Se convinciamo i nostri cittadini a vaccinare, ciò di cui stiamo discutendo non sarà importante. Una volta raggiunto il muro immunitario potremo aprire tutto senza problemi, come in Israele, per il quarto Giornata senza morire di Coronavirus. Non c’è motivo di continuare “. Con lo stesso schema, se veniamo vaccinati, il ministro ha aggiunto:” Il calendario è alle 11 perché il virus è ancora alto “.

“Spine”

Tuttavia, le principali questioni sollevate dai leader del settore sono che devono attrezzare i loro negozi nel bel mezzo delle vacanze, prima di aprire la piattaforma per potenziarli con denaro per il riavvio.

Soprattutto per i ristoranti, una “forchetta” è come fornire loro prodotti freschi per il lavoro il lunedì di Pasqua, quando la Pasqua è, ovviamente, e la Pasqua è una festa. Sia il Venerdì Santo che il Sabato Santo sono due giorni in cui i fornitori dell’azienda lavorano part-time.

Per quanto riguarda il denaro per il riavvio, Georgiadis ha affermato che l’anticipo restante sarà pagato la prossima settimana 7.

“Abbiamo ricevuto 65.000 domande e 55.000 sono state approvate. Per rimettere a fuoco, faremo un programma di due anni, tra due mesi. Entro la fine di maggio avranno i loro soldi”. Se qualcuno accede alla piattaforma il 10 maggio , che si apre, quindi possono eseguire i loro ordini di conseguenza. ”

READ  Dopo che il blocco è stato esteso in Italia e Spagna, il numero di infezioni è in aumento

Cosa succederà agli SMS

Per quanto riguarda l’invio di un messaggio al 13033 sull’andare in un ristorante, non è stato chiarito cosa verrà generato.

“Non abbiamo messo a fuoco il messaggio e sto cercando di evitare il messaggio perché abbiamo gonfiato il mondo. Ma vedremo questa settimana. Il signor Georgiades ha indicato che voglio aiutare le persone a non impegnarsi in molte operazioni”.

È interessante notare che l’orario del ristorante sarà limitato in base al divieto di circolazione, che inizierà alle 23:00, ma sono esclusi i servizi di consegna con divieto di vendita di bevande alcoliche.

KAD per le aziende che aprono

TAXIS deve dimostrare alle aziende che opereranno, previa richiesta di revisione, che KAD è l’attività principale prima del 1 marzo 2020.

In particolare, la decisione di aprire riguarda le società che lavorano con KAD 56.10

  • I servizi forniti dal ristoro KAD 56.30.10.03.
  • I servizi forniti dal bar senza giochi tecnici e meccanici 56.30.10.06.
  • Servizi bar KAD 56.30.10.07.
  • Servizi forniti dalla caffetteria tradizionale KAD 56.30.10.14.

Le aziende che hanno KAD 5621, attività di catering per eventi e 5630 e servizi di bevande e i loro otto numeri sono ancora in sospeso.

Anche l’allarme meteorologico severo da parte della Protezione Civile

Seguire Nel Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *