Flavien ha lasciato Lisieux per raggiungere il Giappone in bicicletta

Flavien Godon, lexoviano e avventuriero, lasciò Lisieux (Calvados) per raggiungere il Giappone in bicicletta. (©Il Pays d’Auge)

Flavien Godon, ex maratoneta e appassionato di viaggi, vive l’avventura con la A maiuscola. Viaggia in una ventina di paesi, pedalando per raggiungere il Giappone entro l’estate del 2023.

Notizia: In cosa consiste il tuo viaggio?

Flavien Godon: Il 25 agosto 2021 ho lasciato Lisieux (Calvados) con l’obiettivo di andare in Giappone in bicicletta. Ci ero già stato quattro anni fa, volevo tornarci per rimanere più a lungo. Finora ho già viaggiato attraverso Francia, Portogallo e Spagna. Eccomi ora nel sud Italia, a Formia.

Perché hai scelto la bicicletta come mezzo di trasporto?

FG: Questo è il mio primo viaggio in bicicletta. La bicicletta mi permette di essere vicino alle persone e di fermarmi quando e dove voglio. Dopo la reclusione, è stato difficile trovare una bicicletta. Sono riuscito a comprarne uno che fa bene il suo lavoro. Non avevo mai guidato una bicicletta prima. Sono partito durante la notte, non avevo tempo di preparazione con la bici. Ho iniziato ad allenarmi quando me ne sono andato. (Ride)

E va tutto bene?

FG: Essendo un ex maratoneta, il ciclismo non è qualcosa di difficile. Viaggiare in bicicletta è poco costoso a differenza di un furgone che ha bisogno di benzina. Spendo dieci euro al giorno in bici, è per la spesa. Questo è sufficiente per preparare i miei pasti con il mio fornello. Tuttavia, la bici è meno sicura di un furgone e non posso lasciarla per fare la spesa. Su una spiaggia spagnola nel cuore della notte, dei giovani hanno cercato di rubare la mia bicicletta. Questi sono i rischi del dormire in bivacco (NdR: dormire sotto le stelle o in luoghi naturali). Per due settimane ho viaggiato con un tedesco che era anche lui in bicicletta. Insieme, ti permette di accamparti in sicurezza e mangiare meglio. Anche le persone che mi seguono sui social network sono state con me per qualche giorno.

READ  In Italia, il governo Meloni in una situazione di stallo sulla gestione dei flussi migratori

Hai un limite di chilometri percorsi durante il giorno?

FG: In media cerco di fissarmi un limite di 50 chilometri al giorno. Se ci sono le costole, ne faccio di meno. In genere ne faccio circa 70 e posso fare fino a 100 chilometri al giorno. Mi concedo anche giorni liberi.

Dormi spesso nella tua tenda o qualche volta dormi altrove?

FG: A volte dormo presso l’abitante ma se è impossibile dormo nella mia tenda. Recentemente ho dormito con un italiano che avevo conosciuto a Santiago de Compostela. Dato che ho un blog e modifico i miei video per il mio canale YouTube, devo fermarmi negli ostelli per avere una buona connessione. Uso anche l’app Warmshower. Come suggerisce il nome, le persone forniscono una doccia calda, un letto o un giardino per piantare la tenda. Sono stato accolto da una ventina di persone gratuitamente. In genere, mi imbatto in persone davvero simpatiche. Ricordo Jacques, 63 anni, malato di cancro. Mi aveva messo a disposizione la sua cucina e una camera da letto quando era stanco.

Video: attualmente su Actu

Quali sono le difficoltà di attraversare il mondo in bicicletta?

FG: La parte più difficile del viaggio è partire. Ma a parte questo, sono appassionato di viaggi, quindi non ci sono davvero difficoltà. Inizialmente, avevo programmato di attraversare il Marocco per trascorrere l’inverno caldo. Purtroppo i confini hanno chiuso il giorno dopo il mio arrivo. Quando viaggi in bivacco, affronti pioggia e freddo. A volte dormivo in tenda sotto i 10 gradi. In Italia, a volte ho pedalato in autostrada, poiché non c’erano altre scelte di percorso. L’Italia è terribile in termini di piste ciclabili. Con il mio canale YouTube vi consiglio piste ciclabili e percorsi percorribili.

READ  Homehardware Store torna a Startford con volantini

Perché hai aperto il tuo canale YouTube?

FG: Per il piacere di condividere. Ho deciso di andare su YouTube perché non riuscivo a trovare nulla quando cercavo com’era un viaggio in bicicletta. Attraverso i miei contenuti, mostro che questo tipo di viaggio è accessibile e che non devi essere ricco per viaggiare. Con dieci euro al giorno e un po’ di volontà, puoi andare all’avventura. Filmo anche le difficoltà, l’attrezzatura, il cibo. Quando viaggio di solito prendo pochissimi souvenir perché non ne sento il bisogno. Tutto è inciso nella mia testa. Mi fa molto piacere quando i miei iscritti mi dicono che sono affascinati dai paesaggi o che hanno deciso di iniziare a pedalare. Ma non pensavo che la modifica dei video mi avrebbe richiesto così tanto tempo. Ho dei donatori che mi supportano sul mio blog, mi sento in debito di mostrare il viaggio. Pubblico anche foto ogni giorno sul mio account Instagram.

Il giramondo ha già viaggiato attraverso Francia, Spagna, Portogallo, Italia e presto Grecia.
Il giramondo ha già viaggiato attraverso Francia, Spagna, Portogallo, Italia e presto Grecia. (©Il Pays d’Auge)

Cosa significa per te il termine “libertà”?

FG: È l’assenza di coercizione. Quando siamo liberi, non abbiamo responsabilità. Il viaggio rappresenta pochissimi vincoli. Guido nella direzione che voglio. La bicicletta è libertà. Ecco perché ho chiamato il mio canale YouTube “One Bike To Break Free” che significa una bici per allontanarsi da tutto.

Cosa rappresenta per te il viaggio?

FG: Ho iniziato a viaggiare a venticinque anni e da allora è una filosofia di vita. Sono abituato a girare il mondo in uno zaino, senza una vera preparazione. Ho viaggiato sei mesi in Australia, anche in India e nel sud est asiatico. Ho avuto i migliori ricevimenti nei paesi musulmani. Per più di dieci anni vivo per la maggior parte del mio tempo in Thailandia per motivi professionali. Non appena si avvicina l’inverno, vado al caldo. È così gratificante viaggiare, incontrare persone di culture diverse. Evito di cadere nella routine, è mortale. Molte persone mi chiedono se non fosse complicato solo i festeggiamenti di fine anno. In realtà, non mi ha dato fastidio. Questi sono giorni come gli altri. D’altra parte, è complicato costruire cose con i miei viaggi. Ma non ho rimpianti, vivo la mia passione e il mio sogno al massimo. È difficile fermarsi.

READ  Italia: i nostri indirizzi più belli con piscina sulle sponde del Lago di Como

Che consiglio daresti a qualcuno che vorrebbe intraprendere l’avventura?

FG: Dico sempre: “Vivi i tuoi sogni, non sognare la tua vita”. Certo, devi volerlo perché non è facile tutti i giorni. Ma è un viaggio che non è costoso finanziariamente. Non dobbiamo andare in Giappone. Ho incontrato dei francesi che stavano attraversando la Bretagna in bicicletta ed erano molto felici.

In che direzione andrai nei prossimi mesi?

FG: Ora mi sto dirigendo verso Bari, nel sud est d’Italia. Poi prenderò un traghetto per la Grecia. Viaggio con le stagioni. Ho intenzione di viaggiare in Turchia, Iran e anche in Kirghizistan. Il prossimo inverno mi piacerebbe trascorrerlo nel sud-est asiatico. Avevo programmato di arrivare in Giappone nell’estate del 2023, sperando di poter ammirare la stagione dei fiori di ciliegio.

Questo articolo ti è stato utile? Tieni presente che puoi seguire Le Pays d’Auge nello spazio Le mie notizie. In un click, dopo la registrazione, troverai tutte le novità delle tue città e dei tuoi brand preferiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *