Fai spazio ai lettori | Demistificare la scienza

Fai spazio ai lettori |  Demistificare la scienza

Ogni settimana, il nostro giornalista risponde alle domande scientifiche dei lettori.


Intendiamo lasciare a lungo i nostri rifiuti sulla superficie della luna?

Mario Grenier

Di fronte all’esplosione del numero di voli lunari pianificati, è stato istituito a Vienna un centro di ricerca internazionale sull'”Uso sostenibile della Luna”.

“Ci sono crescenti preoccupazioni circa l’impatto delle attività di esplorazione sull’ambiente lunare”, afferma Vishnu Reddy, un astronomo dell’Università dell’Arizona che lavora su un catalogo di detriti in orbita lunare. ” l’Unione internazionale astronomica Le Nazioni Unite collaborano al progetto per l’uso sostenibile della luna. Il rischio di inquinamento o incidenti è attualmente molto basso rispetto a quello che vediamo in orbita terrestre. Ma non dobbiamo aspettare che aumenti, soprattutto perché l’apparente assenza di atmosfera sulla Luna non consente ai detriti di schiantarsi contro la Luna. »

Il Gruppo di esperti per l’uso sostenibile della Luna (GEGSLA) è stato fondato nel 2020 dalla ONG viennese Moon Village, che riunisce le aziende interessate all’esplorazione e allo sfruttamento della Luna. GEGSLA ha avviato le sue attività lo scorso gennaio e da marzo partecipa alle riunioni del Comitato sugli usi pacifici dello spazio delle Nazioni Unite, anch’esso con sede a Vienna.

Immagine dal sito web della NASA

Un astronauta della missione Apollo 11

Periodicamente negli articoli di consumo, la NASA pubblica un catalogo delle cose lasciate sulla luna, dai veicoli dell’Apollo ai sacchi di escrementi lasciati sul nostro satellite dagli astronauti americani più di mezzo secolo fa. L’ultima menzione menziona 200 organismi distinti.

Da parte sua, Mr. Reddy monitora poco più di 200 oggetti in orbita attorno alla Luna.

Immagine dal sito web dell’Università dell’Arizona

Vishnu Reddy, un astronomo dell’Università dell’Arizona che lavora su un catalogo di detriti in orbita attorno alla Luna

Secondo il ricercatore dell’Arizona, non sono state rilevate collisioni nell’orbita lunare. Ma l’anno scorso, un razzo cinese si è schiantato contro la Luna dopo essere stato seguito in un’orbita irregolare. Secondo Mr. Reddy, questa non è una prova della scarsa pianificazione cinese. “Non sono stati così fortunati.”

Acqua contaminata

Inoltre, è possibile che il carburante delle missioni lunari, in particolare quelle che sono atterrate vicino ai poli, abbia già contaminato il ghiaccio nascosto nei crateri. “I nostri modelli mostrano che dal 15% al ​​20% dei gas rilasciati da una missione lunare polare finisce nei crateri”, spiega Pavarthy Prem, astrofisico della Johns Hopkins University, che ha pubblicato le sue scoperte nel 2020 sulla rivista. GJR planetario. “Per le missioni Apollo, era probabilmente più basso perché era vicino all’equatore. I gas dei voli lunari vengono rapidamente distrutti dalle radiazioni ultraviolette, a meno che non ci si possa nascondere nei crateri ai poli, dove le radiazioni ultraviolette non arrivano. »

Questo inquinamento significa che sarà necessario perforare almeno qualche centimetro per scoprire la vera composizione del ghiaccio lunare.

Idealmente, una missione di campionamento del ghiaccio lunare dovrebbe essere lanciata rapidamente per evitare di perdere queste importanti informazioni per comprendere l’evoluzione della Luna e della Terra.

Pavarthy Prem, astrofisico della Johns Hopkins University

L’inquinamento lunare non ha solo lati negativi. I sacchetti di cacca degli astronauti dell’Apollo potrebbero contenere microbi ancora vivi, che potrebbero far luce sulla possibilità che la vita si sposti da un pianeta all’altro, o anche da un sistema solare all’altro, secondo Mark Lopezella, esobiologo della NASA. Affronta questo problema nelle conferenze internazionali. “Si discute regolarmente sul ritorno ai siti Apollo per raccogliere questi sacchi di escrementi, ma non esiste ancora un piano ufficiale”.

READ  Gli ingegneri del MIT creano oggetti stampati in 3D che percepiscono come un utente interagisce con loro

Esperimenti giapponesi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale hanno scoperto che i microbi possono essere rianimati dopo aver trascorso otto anni nel vuoto dello spazio.

Hai una domanda scientifica? Chiedete a Mathieu Perrault.

Per saperne di più

  • 10 miliardi di miliardi
    Il numero di particelle per centimetro cubo d’aria a livello del suolo

    Fonte: NASA

    1.000.000
    Il numero di particelle per centimetro cubo nell’atmosfera del suolo lunare

    Fonte: NASA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *