Esistono (davvero) due tipi di orgasmi femminili?

Esistono (davvero) due tipi di orgasmi femminili?

L’orgasmo più comune è quello soprannominato “l’onda”, che corrisponde a “una breve onda di contrazioni pelviche, preceduta da un ritmo di tensione e rilassamento del pavimento pelvico”. – Fonte: Rafael Ben Ari / Newscom / SIPA / SIPA / Rafael Ben Ari / Newscom / SIPA

IOorgasmi femminili In realtà sarebbero… tre! Ciò è stato confermato dai ricercatori della Charles University di Praga (Repubblica Ceca) nei loro risultati di ricerca pubblicati nell’agosto 2022 in Giornale di medicina sessualee coerente con gli studi dei sessuologi americani William Masters e Virginia Johnson.

Sono elencati come segue: “Onda” corrisponde a “una breve onda di contrazioni pelviche, preceduta da un ritmo di tensione e rilassamento del pavimento pelvico”. Il “vulcano” è descritto come “un orgasmo preceduto da un aumento della tensione del pavimento pelvico, con movimento verso l’alto”.

Leggi anche“Ci sono più bisessuali che eterosessuali”

Infine, la “valanga” corrisponde a “contrazioni elevate e sostenute del pavimento pelvico basale per tutto il periodo di autostimolazione, con una forma di contrazione verso il basso durante e dopo l’orgasmo”. Secondo questo studio, gli orgasmi più comuni sono del tipo “a onda”: quasi la metà delle donne nello studio ha sperimentato questo tipo di orgasmo. Poi vengono le scosse “a valanga” e, infine, quelle di tipo “vulcanico”.

Scopri la verità su oltre 250 idee sbagliate numero speciale di un punto “idee ricevute” (100 pagine, 8,90 euro).

READ  Lo giuro. Maiusthesis, un approccio a metà strada tra psicologia e comunicazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *