Al-Ittihad (Mustafa Ofa)
Gli astronomi hanno preparato la più grande mappa mai mostrata sulla posizione della materia oscura in tutte le parti dell’universo utilizzando la luce di 100 milioni di galassie, secondo quanto riportato dal quotidiano “Daily Mail”.
Gli astronomi dell’University College di Londra e dell’Ecole Normale Supérieure di Parigi hanno collaborato per creare una mappa della materia invisibile in tutto l’universo.
La materia oscura costituisce circa l’80% di tutta la materia nell’universo. Ma non è direttamente visibile. Invece, vengono rilevati dalla loro interazione con altre cose.
Lavorando nell’ambito dell’International Dark Energy Survey, gli scienziati hanno cercato la luce che viaggia sulla Terra da galassie lontane.
Il team afferma che questa mappa accurata della diffusione della materia oscura potrebbe un giorno aiutare a rispondere a domande, incluso di cosa è fatto l’universo e come si è evoluto.
Il coautore principale, il dottor Niall Jeffrey dell’Ecole Normale Superior di Parigi e dell’University College di Londra, ha detto al giornale che il team ha disegnato finora circa un quarto del cielo dell’emisfero australe e ha scoperto che la materia oscura copre sette miliardi di anni luce.
Mentre la materia invisibile piega lo spaziotempo attorno ad essa, gli astronomi possono mappare la sua esistenza studiando la luce che arriva sulla Terra da galassie lontane.
C’è una grande quantità di dati coinvolti nel tracciamento della luce da 100 milioni di galassie, ognuna delle quali appare come punti luminosi di larghezza non superiore a 10 pixel. Quindi, il team ha inserito i dati in un algoritmo di apprendimento automatico, utilizzando l’intelligenza artificiale per identificare schemi che assomigliano alla distorsione prevista alla luce.
Quindi hanno mappato i luoghi in cui era stata trovata la materia oscura, mostrandola nella parte anteriore delle galassie osservate.
Il dottor Geoffrey ha detto che la maggior parte della materia nell’universo è materia oscura, aggiungendo: “È una vera meraviglia che diamo uno sguardo a queste vaste strutture nascoste in un’ampia porzione del cielo notturno”.
“Ci racconta l’origine dell’universo, dove si sta dirigendo e da dove proviene”, ha spiegato, sottolineando che “puoi anche cercare una combinazione di interazioni tra materia reale e materia oscura in tutto l’universo”.

READ  Johannes Kepler è stato accusato di aver ucciso il suo collega