Einstein aveva torto?! … una teoria dell’universo che sfida

Non possiamo vederlo, ma sappiamo che esiste a causa della forte influenza che esercita sullo spazio e, per capirlo di più, gli astronomi stanno cercando di creare la più grande mappa della materia oscura nell’universo.

Un team internazionale ha scoperto vasti vuoti cosmici nel cielo che potrebbero sfidare la teoria della relatività Dal famoso scienziato Albert Einstein.

Gli scienziati hanno creato la più grande mappa mai vista di questa misteriosa sostanza che costituisce circa il 27% dell’universo, che potrebbe rivelare qualcosa di sbagliato nella teoria di Einstein.

Hanno anche determinato la posizione dei vasti vuoti cosmici in cui le leggi tradizionali della fisica potrebbero non essere applicabili, secondo un rapporto pubblicato dal quotidiano britannico The Guardian.

Crea una mappa

Gli astronomi possono mappare l’esistenza della materia oscura analizzando la luce che viaggia verso la Terra da galassie lontane e, se viene interrotta in determinate posizioni, significa che c’è una sostanza che la blocca.

Utilizzando metodi di intelligenza artificiale per analizzare le immagini di 100 milioni di galassie, i membri del team dell’International Dark Energy Survey (DES) hanno creato una mappa che copre un quarto del cielo nell’emisfero australe.

Inoltre, le regioni più luminose della mappa, che sono viola, rosa e nero, raggruppate in un anello pallido, mostravano le regioni più dense della materia oscura, mentre le macchie nere sulla mappa mostravano vuoti cosmici.

Nuove parti dell’universo

Da parte sua, il dottor Niall Jeffrey, dell’University College di Londra e il suo collega Ecole Normale Superior, di Parigi, che ha co-condotto il progetto, ha detto che la mappa mostra nuove parti dell’universo che non sono state viste prima.

READ  Il fungo killer del caffè di 70 anni è tornato in vita per combattere le malattie

Hanno aggiunto che è possibile vedere la struttura della rete cosmica, comprese le enormi strutture chiamate vuoti cosmici, che sono regioni a densità molto bassa nell’universo in cui ci sono pochissime galassie.

Come ha spiegato Jeffrey, “Se guardi l’universo, la materia non è così grumosa come previsto – ci sono indizi che è più liscia”.

Ha anche spiegato che se questo studio si è rivelato corretto, significa che c’è qualcosa di sbagliato nella teoria della relatività generale di Einstein, che è uno dei grandi pilastri della fisica.

Da parte sua, il coautore, il professor Ofer Lahav, che lavora anche all’UCL e presidente del consorzio DES UK, ha affermato che una possibilità è che alcune delle misurazioni utilizzate per calcolare come dovrebbe apparire l’universo non siano del tutto corrette.

Ha spiegato che questo punto può rappresentare un problema nel modello di base creato da Einstein.

Una più profonda comprensione dell’universo

Gli scienziati sono interessati a queste strutture perché sospettano che la gravità possa comportarsi in modo molto diverso al loro interno. Definendo le loro forme e posizioni, la mappa può fornire un punto di partenza per ulteriori studi.

La mappa, che sarà pubblicata negli Avvisi mensili della Royal Astronomical Society, aiuta a comprendere i componenti dell’universo e come si è evoluto.

Secondo la cosmologia, l’universo è iniziato con il big bang e poi ha espanso ed evoluto la materia secondo la teoria della relatività generale di Einstein, che descrive la gravità dalla forza che crea le masse e i vuoti della materia che compongono la rete cosmica.

READ  La sonda UAE Hope entra con successo nell'orbita di Marte

Si dice che la teoria di Einstein è considerata una delle più importanti teorie fisiche moderne, a causa del suo ruolo nel cambiare molti concetti fisici.

La ricerca relativa a questa teoria è stata pubblicata nel 1905 da Einstein e si chiama relatività speciale ed era correlata alla risposta a domande sulle proprietà e sul comportamento della luce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *