Gli scienziati sono sconcertati dalla scoperta di un “supervulcano” in Alaska

I ricercatori hanno scoperto un potenziale supervulcano in Alaska, dove un esperto ha avvertito che potrebbe avere un “enorme impatto globale”.

L’Alaska ha fatto notizia negli ultimi giorni dopo l’eruzione del vulcano Great Sitken la scorsa settimana. E giovedì scorso, l’US Geological Survey ha detto che è stato emesso un avviso rosso, indicando la possibilità di una significativa emissione di cenere vulcanica nell’atmosfera.

leggi di più

L’Alaska Volcano Observatory ha detto che un’esplosione “di breve durata” di uno o due minuti si è verificata alle 5:04 GMT di giovedì, inviando una nuvola di cenere fino a 15.000 piedi sul livello del mare.

Ha aggiunto: “Da quell’esplosione, i terremoti sono diminuiti e le immagini satellitari mostrano che la nube di cenere si è separata dal buco e si sta dirigendo verso est”.

L’Alaska rappresenta più di tre quarti di tutti i vulcani statunitensi che sono scoppiati negli ultimi 200 anni, secondo il sito web dell’osservatorio.

Durante lo studio dell’attività vulcanica nell’area, i ricercatori sono rimasti sbalorditi nello scoprire quello che potrebbe essere un colossale vulcano nelle isole Aleutine in Alaska.

Uno studio condotto dall’American Geophysical Union nel dicembre dello scorso anno ha affermato che il gruppo di isole vulcaniche potrebbe essere un unico gigantesco vulcano simile al vulcano Yellowstone Caldera.

John Bauer, geofisico presso l’Alaska Volcano Observatory dell’US Geological Survey, ha spiegato che il gigantesco vulcano sarebbe molto grande e potrebbe causare interruzioni alle civiltà di tutto il mondo.

leggi di più

Uno studio rivela

Se l’ipotesi del supervulcano fosse confermata, potrebbe spiegare la frequente attività esplosiva osservata a Mount Cleveland, ha detto Diana Roman della Carnegie Institution for Science di Washington, DC, coautrice dello studio.

READ  La sonda spaziale Juno della NASA esaminerà più da vicino la luna di Giove Ganimede- Technology News, Firstpost

Il Monte Cleveland è probabilmente il vulcano più attivo del Nord America da almeno 20 anni. Ha prodotto nuvole di cenere fino a 15,30.000 piedi sopra il livello del mare.

Michael Bolland, un vulcanologo dell’USGS Yellowstone Volcano Observatory che non è stato coinvolto nello studio, ha fornito la sua analisi dell’ipotesi del supervulcano dell’Alaska, dicendo che potrebbe avere un “enorme impatto globale”.

“Questa caldera molto grande ha impatti molto grandi in tutto il mondo. Questa potenziale definizione ci aiuta a capire cosa potremmo aspettarci, perché Cleveland è così attiva e comprendere i rischi”, ha aggiunto la Polonia.

Fonte: Express

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *