Exmouth firma un trattato vegano per ridurre l'impronta di carbonio della città

Exmouth firma un trattato vegano per ridurre l'impronta di carbonio della città

Exmouth è diventato il quinto consiglio del Regno Unito a sostenere la richiesta di un trattato globale sulle piante per affrontare gli impatti nutrizionali dell’emergenza climatica.

Il Consiglio comunale di Exmouth ha riaffermato il suo impegno a rendere Exmouth più pulita, più verde e più sana adottando la richiesta di un trattato a base vegetale, unendosi ai leader climatici di Edimburgo, Norwich, Lambeth e Haywards Heath.

“Questa certificazione rientra nel Piano d'azione per il clima, che mira a combattere la crisi climatica e a rendere la città una comunità prospera e a zero emissioni di carbonio”, si legge nella dichiarazione rilasciata.

Louise Venables, residente e consigliere comunale di Exmouth, ha sottolineato la sua gioia per gli sforzi della città per diventare una comunità a zero emissioni di carbonio e per la necessità di adottare il Trattato a base vegetale in questo momento vitale.

Secondo Louise, il passaggio a una dieta a base vegetale è il modo più semplice ed efficace per ridurre la propria impronta di carbonio.

“Le diete a base vegetale possono anche migliorare la salute, affrontare la biodiversità, migliorare il benessere degli animali ed essere vantaggiose dal punto di vista finanziario. Vogliamo che le persone siano pienamente informate riguardo all'impatto della dieta sull'ambiente e che le persone siano in grado di fare scelte alimentari informate ed essere supportati nella transizione verso una dieta vegana.” Più focalizzato sui vegetali.”

Secondo Andrew Garner, un attivista per il Trattato a base vegetale del Regno Unito, il 2023 è stato l’anno più caldo mai registrato a livello mondiale, ed Exmouth ha giustamente riconosciuto l’importanza delle soluzioni alimentari a base vegetale e del rewilding per affrontare varie sfide planetarie.

READ  Le esercitazioni navali guidate dagli Stati Uniti sono iniziate nel Pacifico tra le crescenti tensioni in Cina

“La loro leadership sul clima nel chiedere un trattato a base vegetale fa sperare che possiamo affrontare le emissioni alimentari, che rappresentano un terzo delle emissioni di gas serra. L'adozione di una dieta a base vegetale potrebbe ridurre le emissioni alimentari, l'uso dell'acqua e l'uso del suolo del 75% e abbiamo bisogno di vedere più città “E le città si stanno unendo a loro nella rapida transizione dalle nostre diete basate su carne e latticini”.

Exmouth si è impegnata ad adottare una serie di politiche sugli alimenti di origine vegetale e sul rewilding nella sua risoluzione sul trattato a base vegetale, approvata in una riunione plenaria del consiglio a dicembre.

Campagne/attività per incoraggiare il passaggio agli alimenti a base vegetale nel Piano d'azione per il clima, progettando campagne di informazione pubblica per aumentare la consapevolezza sui benefici climatici, ambientali e per la salute degli alimenti, della nutrizione e della cucina a base vegetale e mirando a ridurre il consumo pubblico degli alimenti di origine animale attraverso l’educazione nelle scuole, nelle organizzazioni e nelle imprese locali sono tutti esempi sulla promozione degli alimenti di origine vegetale.

Exmouth si impegna inoltre a passare a piani alimentari a base vegetale durante il catering per riunioni ed eventi legati al clima, contribuendo a ripristinare gli ecosistemi chiave e a rimboschire i terreni, sostenendo progetti di riforestazione e convocando un forum sugli alberi per garantire trasparenza e incoraggiare la collaborazione tra le parti interessate di Exmouth.

Verrà inoltre posto l'accento sulle soluzioni basate sulla natura per la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici (come parte della funzione di pianificazione consultiva della CTE). Le città dovrebbero incoraggiare programmi per aumentare il numero di alberi e fiori selvatici, espandere progetti verdi comunitari, corridoi naturali, tetti verdi e programmi di giardinaggio locale e mirare ad aumentare la biodiversità (attraverso il nostro ruolo di pianificazione consultiva e le politiche ambientali).

READ  Autoridades en Miami: Estamos buscando opciones para restablecer operaciones de búsqueda en edificio colapsado | Video

L'obiettivo finale è migliorare la giustizia alimentare finanziando progetti che consentano a tutti di accedere a cibo nutriente, in particolare alle comunità a basso reddito (ad esempio Mushroom, Exmouth Food Community Network).

Il Trattato Vegano è modellato sul Trattato di non proliferazione dei combustibili fossili e si ispira ai trattati che affrontavano i pericoli della riduzione dello strato di ozono e delle armi nucleari.

Ha ricevuto il sostegno di 24 comuni in tutto il mondo, tra cui Edimburgo, Norwich, Lambeth, Exmouth, Haywards Heath e Los Angeles.

Dal suo avvio nell'agosto 2021, l'iniziativa ha ricevuto il sostegno di 130.000 sostenitori individuali, 5 premi Nobel, scienziati dell'IPCC e oltre 3.000 organizzazioni e aziende, tra cui Veganuary, Ecotricity, Linda McCartney Foods, Plant Based Health Professionals e UK Health Alliance on Climate . Cambiamento, capitoli di Greenpeace e Friends of the Earth.

Il trattato a base vegetale è stato approvato da celebrità, tra cui Chris Packham, Paul and Mary e Stella McCartney, che hanno presentato una dichiarazione scritta esortando i legislatori ad approvare il trattato.

Disclaimer: I punti di vista, i commenti, le opinioni, i contributi e le dichiarazioni fatti dai lettori e dai contributori su questa piattaforma non rappresentano necessariamente le opinioni o la politica di Multimedia Group Limited.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *