Eurozona: di nuovo in agenda la riduzione del disavanzo fiscale

Inserito il 5 settembre 2021 alle 13:15Aggiornato il 5 settembre 2021 alle 15:01

Con la maggioranza della popolazione vaccinata, l’economia europea in solida ripresa e la fine del proclamato “a qualunque costo”, le domande rabbiose torneranno rapidamente alla ribalta. Il debito pubblico europeo tornerà lentamente ma sicuramente questo autunno. E in particolare venerdì prossimo, quando i ministri delle finanze europei si riuniranno in Slovenia durante l’Eurogruppo.

Il debito pubblico dei paesi dell’eurozona ha superato il 100% del PIL a fine giugno, con un aumento di 8 punti in un anno. Bisognava affrontare gli effetti economici negativi del Covid. Tuttavia, il Fondo Monetario Internazionale prevede che il disavanzo generale della zona euro raggiungerà il 7,9% del PIL quest’anno, un livello superiore rispetto allo scorso anno.

La novità è che l’economia si sta riprendendo più velocemente del previsto e gli economisti ora ritengono che a partire dall’inizio del prossimo anno il PIL dell’eurozona tornerà ai suoi livelli nel quarto trimestre del 2019, cioè prima della crisi.

Diventerà sempre più difficile per i paesi finanziare i propri disavanzi fiscali aumentando il debito sui mercati.

Fabio Balboni, economista presso HSBC

I paesi del Nord Europa, le cui finanze pubbliche sono meno deteriorate di quelle del Sud, potrebbero dare una buona voce e iniziare a fare pressioni sui meridionali per ridurre il loro deficit. Per ora, non c’è alcuna indicazione, al di là degli annunci, dell’imminente stretta di bilancio, poiché i leader europei avevano nel cuore di evitare l’errore del 2011-2012 poiché il ritorno dell’ortodossia fiscale ha rotto la fragile ripresa che era appena iniziata. .

Più difficile indebitarsi in futuro?

Cosa sarà questa volta? La Banca centrale europea dovrà ridurre gradualmente il suo programma di riacquisto del debito pubblico man mano che l’economia europea si riprende. Fabio Balboni, economista di HSBC, prevede che diventerà sempre più difficile per i paesi finanziare i propri deficit fiscali aumentando il debito sui mercati.

READ  07:44 - Olio d'oliva greco, "oro verde" non sfruttato

Quindi il deficit deve essere ridotto a una velocità simile a quella del programma di riacquisto di attività della BCE, altrimenti è probabile che i tassi di interesse aumentino. Ciò porterebbe a difficoltà di finanziamento per la maggior parte dei paesi carichi di debiti, come l’Italia.

“Il timore è che gli Stati escano dalla crisi con deficit fiscali strutturali più elevati rispetto a prima, viste le nuove spese ricorrenti che sono state messe in atto”, ha affermato Fabio Balboni. Quindi ridurre il deficit potrebbe essere più complesso di prima. Sarà poi necessario che la crescita sia maggiore di quanto non fosse prima del Covid o che i costi di finanziamento siano inferiori. La speranza risiede negli effetti futuri del piano di stimolo europeo e della politica della Bce.

Non interrompere il recupero

Altri chiedono cautela. Il consolidamento fiscale porterà solo a una leggera riduzione del debito pubblico perché avrà l’effetto di limitare la crescita dell’attività economica. Olivier Blanchard, l’ex capo economista del Fondo monetario internazionale, ha dichiarato lo scorso giugno presentando il suo rapporto con Jean Tirol, tornando a Emmanuel Macron:

“La Francia non può vivere per sempre con un deficit pubblico del 9%, ma non scenderemo nemmeno al 3% in un anno o due”, ha affermato il giudice Xavier Ragot, capo dell’Osservatorio francese delle condizioni climatiche (OFCE). Il dibattito dovrebbe concentrarsi sulla velocità con cui ridurre il deficit, prima per stabilizzare il debito pubblico e poi per ridurlo, secondo l’economista.

Anche il risultato delle elezioni tedesche del 26 settembre conterà. Il nuovo favorito, l’ex ministro dell’Economia della SPD Olaf Schulz, si presenta come l’erede di Angela Merkel e potrebbe non essere molto conciliabile con i Paesi del sud.

READ  Turisti texani in picnic a Roma: 'Pensavamo di sfuggire al caldo, ma qui fa molto più caldo'

Presidenza francese dell’Unione europea – per un periodo di sei mesi dal 1egli è Il prossimo gennaio – conterà anche. E deve avviare i negoziati sulle nuove regole di bilancio, poiché la vecchia pandemia è diventata obsoleta.

In definitiva, per l’eurozona potrebbe essere più facile gestire la crisi stessa che uscirne. Al centro della tempesta, gli europei hanno rapidamente concordato un piano di risanamento e lo hanno finanziato con obbligazioni europee. Concordare il ritmo della riduzione del deficit e le regole fiscali che diventeranno legge nel prossimo mondo sarà un’altra storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *