Erik Orsenna / (Musica, fraternità, Italia: i piaceri di Erik Orsenna)

Qual è il tuo più grande piacere scoprire in questa indagine su Beethoven?

Questo è il suo senso di fratellanza: anch’io ho esitato a chiamare questo libro “Le Génie fraternel”. Beethoven accumulò disgrazie e problemi di salute ancor prima della sua sordità. Era molto burbero, rude, arrabbiato, violento, anche prima di diventare sordo a 28 anni. È così perso nella sua vita che diventa fraterno. Il suo testamento ai suoi fratelli nell’estate del 1802 è travolgente. È un grande testo nella storia dell’arte. Voglio farne una commedia.

Perché Beethoven?

Dopo aver lavorato a Beaumarchais, volevo raccontare Mozart dal punto di vista del passaggio di confine. È stato il violoncellista Henri Demarquette a dirmi: perché non fai Beethoven? Il suo carattere mi ha sopraffatto. La sua vita personale è piena di drammi. E poi, alla fine del XVIII secoloe secolo, quando la Germania unificata non esisteva, incarna tutte le lacrime e le speranze dell’Europa.

Come sei arrivato alla musica?

La musica mi ha attraversato. Ho iniziato a suonare il pianoforte sette anni fa e ora lo faccio per un’ora al giorno. È diventato un appuntamento assolutamente necessario. Inoltre, da cinque anni sono sponsor della Fondation Les Arts Florissants di William Christie. Ho fatto spettacoli su Lafontaine e Beaumarchais nei suoi giardini, in Vandea, con musicisti barocchi. Ho un progetto d’opera con il liutista principale Thomas Dunford e il mezzosoprano Léa Desandre. Questo è il sogno assoluto di tutta la mia vita.

Scrivere è un dolore o un piacere?

Scrivo da quando avevo otto anni. Non ho ansia per la pagina bianca. Per me, la rielaborazione è una felicità totale. Tessere tra il sonno e la veglia: dormo cinque ore, ho due ore di insonnia, dormo ancora un’ora e poi trascrivo ciò che ho composto nella mia testa durante l’insonnia. Per me scrivere significa felicità, tranne quando stavo scrivendo la mia tesi. In fondo, non so cosa sia il lavoro.

READ  Coronavirus, il vaccino cinese BBIBP-CorV si è dimostrato sicuro

Quale piacere ti manca di più oggi?

Questo è quello che ho scoperto con William Christie. È suonare o leggere con i miei amici musicisti: la fratellanza dell’emozione in comune. Per trasmettere una passione o una storia davanti a un pubblico. È un grande piacere raccontare la storia del Congresso di Vienna o della Sonata 32. Questa doppia energia è un momento impagabile. Il truffatore che sono pensa che io sia un musicista per un po ‘. Così, lo spettacolo sublime dei 40 anni di Arts Florissants alla Philharmonie è stato un momento folle.

Erik Orsenna, scrittore e accademico: “Ho fatto una promessa a me stesso: andare in Italia almeno due volte all’anno. “Dorian Prost per Les Echos Week-End

Qual è il tuo ricordo più felice nella tua vita accademica?

Quando leggevo il mio libro su Le Nôtre a Jacqueline de Romilly sorseggiando un whisky torbato a casa sua, o quando mi imbattevo in Claude Lévi-Strauss nel soggiorno dell’Accademia, ogni giovedì per otto anni. Mi ha detto cose incredibili sull’Amazzonia. Ho anche ricordi di incredibili amicizie con l’immenso studioso degli occhi, Yves Pouliquen, ma anche Jean d’Ormesson o René de Obaldia, il membro più anziano dell’Accademia, a 102 anni.

In questo momento, cosa ti piacerebbe di più?

Ritorno in Italia. Mi sono fatto una promessa che ho mantenuto per dieci anni: andarci almeno due volte l’anno, sapendo che Venezia non conta. Ho una passione per la laguna.

“La passione della fraternità”, Erik Orsenna, Stock / Fayard, 180 pagine, 19,50 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *