Ecco cosa dice la scienza

Ecco cosa dice la scienza

dalla fine dell’Ottocento, Stanno emergendo diverse teorie Su cosa potrebbe causare la sensazione di deja vu. Ha pensato che potesse essere un difetto mentale o forse una specie di problema cerebrale. O forse è stato un evento transitorio nel normale funzionamento della memoria umana. Ma l’argomento non ha raggiunto il mondo della scienza fino a tempi molto recenti.

Dal paranormale allo scientifico

All’inizio di questo millennio, uno scienziato di nome Alan Brown ha deciso di condurre una procedura Analizza tutto ciò che i ricercatori hanno scritto sul deja vu Anche qui. Gran parte di ciò che poteva trovare aveva un sapore soprannaturale, relativo al soprannaturale – cose come vite passate o abilità psichiche. Ma ha anche scoperto che gli studi hanno catturato esperienze di deja vu nella gente comune. Attraverso tutti questi articoli, Brown è stato in grado di trarre alcune conclusioni fondamentali sul fenomeno del déjà vu.

>> Leggi anche: Qual è il posto della serendipità nella ricerca?

Ad esempio, ha stabilito che circa due terzi delle persone potrebbero aver sperimentato un déjà vu ad un certo punto della loro vita. Ha scoperto che il fattore scatenante più comune per il deja vu era una situazione o un luogo, e il secondo fattore scatenante più comune era una conversazione. Sono stati anche riportati, attraverso quasi un secolo di letteratura medica, indizi di un possibile legame tra deja vu e alcuni tipi di crisi epilettiche nel cervello.

L’analisi di Brown ha portato l’argomento del deja vu nel regno della scienza più tradizionale, come è apparso in una rivista scientifica comunemente letta da esperti che studiano la cognizione, e anche in un libro Progettato per i ricercatori. Il suo lavoro è servito da catalizzatore per la comunità scientifica per progettare esperimenti per esplorare il deja vu.

READ  Questo professore afferma che gli alieni hanno visitato la Terra

Deja vu test in un laboratorio di psicologia

Basandosi sul lavoro di Brown, il mio gruppo di ricerca ha iniziato a condurre esperimenti volti a testare ipotesi sui possibili meccanismi del deja vu. Ne abbiamo alcuni Ha studiato per quasi un secolo che indica che il deja vu può verificarsi quando c’è una somiglianza spaziale tra una situazione in corso e una che non è stata ricordata. Gli psicologi hanno chiamato questa teoria l’ipotesi della conoscenza della Gestalt.

Il layout di un nuovo luogo può essere molto simile a un altro luogo che hai visitato ma che non ricordi consapevolmente. FS Productions/Tetra Images tramite Getty Images

Ad esempio, immagina di camminare vicino alla postazione infermieristica di un’unità ospedaliera mentre ti rechi a trovare un amico malato. Sebbene tu non sia mai stato in questo ospedale, sei stupito dalla sensazione di esserci stato. La causa sous-jacente di questa esperienza di déjà vu pourrait être que la disposition de la piece, y compris l’emplacement of meubles e des objets particuliers dans l’espace, è il meme que celle d’une autre que vous avez visitée in il passato.

Il modo in cui è collocata la postazione infermieristica – i mobili, gli oggetti sul bancone, il modo in cui si congiunge agli angoli del corridoio – è probabilmente lo stesso della disposizione di un gruppo di tavoli da ricevimento. Con manifesti e mobili all’ingresso, un evento scolastico a cui ho partecipato un anno fa. Secondo l’ipotesi della conoscenza della Gestalt, se non viene in mente una situazione precedente, che è simile nella pianificazione alla situazione attuale, può ancora essere avvertita una forte sensazione di familiarità con essa.

READ  Gli ingegneri del MIT creano oggetti stampati in 3D che percepiscono come un utente interagisce con loro

Per studiare questa idea in laboratorio, il mio team ha utilizzato la realtà virtuale per inserire le persone in determinati contesti specifici. In questo modo possiamo manipolare gli ambienti in cui si trovavano le persone; Ad esempio, alcune scene condividono lo stesso layout spaziale con i loro momenti salienti. Come previsto, il Era probabile che accadesse un deja vu Quando gli individui si trovavano in una stanza i cui elementi erano disposti nello stesso modo nello spazio di un’altra stanza, l’avevano già vista, ma non la ricordavano.

Questa ricerca suggerisce che uno dei fattori che contribuiscono al deja vu potrebbe essere la somiglianza spaziale di una nuova situazione con una scena che è stata ricordata, ma non è percepita dalla memoria in quel momento. Tuttavia, ciò non significa che questa somiglianza sia l’unica ragione del deja vu. Molto probabilmente, ci sono molte cose che possono contribuire a farti sembrare familiare una scena o una situazione. Sono in corso ulteriori studi per rilevare potenziali nuovi fattori in gioco in questo misterioso fenomeno.

Conversazione
Articolo da Conversazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *