È stata identificata una molecola chiave nell’innescare l’infiammazione

È stata identificata una molecola chiave nell’innescare l’infiammazione

Sappiamo di più sui meccanismi dell’allergia. Un gruppo di ricerca di Tolosa ha appena identificato una nuova molecola responsabile di scatenare l'infiammazione alla base di malattie allergiche come l'asma o la rinite allergica, lo ha annunciato mercoledì 10 aprile. Il CNRS, l'Inserm e l'Università di Tolosa-III Paul Sabatier in un comunicato stampa congiunto.

Annuncio attuale… Allarme per pollini di betulla in tutta la Francia, per pollini misti di cipressi, querce e platani… in tutto il Mediterraneo, per pollini di graminacee sulla facciata occidentale, così come per pollini di frassini e platani ovunque. all'inizio di aprile, A cura della Rete Nazionale di Biosorveglianza Aerobica (RNSA). Fenomeni aggravati dai cambiamenti climatici.

Secondo le ultime stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, le allergie sono al quarto posto tra le malattie croniche nel mondo. Si stima che nel 2050 ne soffrirà la metà della popolazione mondiale.

Leggi anche: Polline: come il cambiamento climatico sta peggiorando le nostre allergie

“La prevalenza delle malattie respiratorie allergiche come la rinite stagionale e l’asma è raddoppiata negli ultimi 20 anni nei paesi industrializzati”.secondo un report Dall'Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, ambientale e sanitaria sul lavoro nel 2014. Le allergie colpiscono 17 milioni di persone in Francia, di cui 4 milioni di persone affette da asma. Tra questi, il 5% soffre di asma grave, ovvero circa 200.000 persone. Se non trattate, le allergie possono avere un impatto significativo sulla vita quotidiana, causando diverse centinaia di morti ogni anno in Francia. Lo dice la sanità pubblica francese.

Doppio segnale di allarme

Qui i ricercatori hanno identificato una molecola della famiglia delle allarmine, chiamata “TL1A” (dal nome del ligando simile al TNF 1A). “È presente nelle cellule epiteliali degli alveoli, dei bronchi, ecc. nei polmoni di individui sani e di pazienti asmatici”.precisa Jean-Philippe Girard, direttore della ricerca dell'Inserm e direttore dell'Istituto di farmacologia e biologia strutturale (IPBS, CNRS/Università di Tolosa III Paul Sabatier), che ha condotto questo studio pubblicato con Corinne Cayrol. Nella rivista Giornale di medicina sperimentale10 aprile.

READ  Trascorri una serata da sogno in un bar stellato: Big City Life

Significativamente, pochi minuti dopo l'esposizione al fungo Alternativa alternativaÈ una muffa che si trova negli ambienti interni ed esterni ma anche nei ventilatori, e la proteina TL1A viene rilasciata dall'epitelio dei polmoni. “Coopera con un altro sistema di allarme, l’interleuchina 33 [IL-33]Per avvisare il sistema immunitario della presenza di allergeni. Questo doppio segnale d’allarme stimolerà l’attività delle cellule immunitarie, che scateneranno poi una serie di reazioni a cascata responsabili dell’infiammazione allergica.“, si legge nel comunicato stampa. “Questa cascata infiammatoria può verificarsi anche durante le infezioni virali, soprattutto durante la BPCO. [BPCO]O con altri allergeni come il polline »“, sottolinea il signor Girard.

Ti resta il 31,11% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *