Muore Peter Higgs, il padre della “particella di Dio”.

Muore Peter Higgs, il padre della “particella di Dio”.

La fisica fondamentale è in lutto questa settimana. Peter Higgs, il geniale teorico che predisse l'esistenza del bosone che ora porta il suo nome, è morto lunedì all'età di 94 anni, ha annunciato l'Università di Edimburgo. Ha lasciato un'eredità scientifica molto importante, attraverso la quale ha contribuito in modo significativo a rivoluzionare la fisica delle particelle.

Il suo risultato più significativo arrivò nel 1964, quando era ancora un umile assistente professore all'Università di Edimburgo. A quel tempo, stava cercando di svelare i segreti dell’interazione forte, una delle quattro forze fondamentali della natura – quella che dà coesione ai nuclei degli atomi. Secondo i modelli dell’epoca, le particelle che incarnano questa forza, i bosoni, dovrebbero essere completamente prive di massa. Tuttavia, questa idea era apparentemente incompatibile con le leggi della fisica quantistica.

Un’idea che ha cambiato la fisica

Per colmare questa lacuna, il bosone di Higgs propose che l'universo fosse attraversato da un campo energetico invisibile, chiamato giorno Campo di HiggsIn grado di imporre una sorta di resistenza alle molecole che lo attraversano, un po’ come un essere umano che cerca di avanzare in una pozza di fluido viscoso. Questa interazione è ciò che dà alle particelle la loro massa. Soprattutto, propose che parti di questo campo potessero essere incarnate sotto forma di un nuovo corpo che permetterebbe ad altre particelle di interagire con questo campo per ottenere questa massa: Bosone di Higgs.

© Journal du Geek – MidjourneyAI

L'idea, particolarmente bizzarra all'epoca, fu inizialmente respinta dai revisori del suo primo articolo. Ma tutto è cambiato dal 1967 con il lavoro di Steven Weinberg. Quest'ultimo ha dimostrato che altre due forze fondamentali della natura, l'interazione debole e la forza elettromagnetica, possono essere descritte come due aspetti della stessa forza: l'interazione elettrodebole.

READ  Gli scienziati possono rintracciare il tuo DNA nell'acqua, nella sabbia e persino nell'aria

In questa nuova situazione, il bosone di Higgs ricominciò a suscitare un notevole interesse e molti ricercatori si misero alla sua ricerca. La dedicazione arrivò quasi mezzo secolo dopo con un edificio Grande collisore di adroni (LHC). Questa macchina, che fino ad oggi rimane il più potente acceleratore di particelle del pianeta, Ha dimostrato che la sua congettura era corretta annunciando la conferma sperimentale del famoso bosone il 4 giugno 2012.

Un esperimento fondamentale ha contribuito a colmare un’importante lacuna nel Modello Standard della fisica delle particelle. Appena un anno dopo – un periodo estremamente breve in questo contesto – fu immediatamente candidato al Premio Nobel Premio Nobel per la fisica Che ha vinto senza alcuna sorpresa insieme al belga François Englert.

Oggi questo è considerato un bosone Il pezzo centrale del grande puzzle dell'universos, tanto che a volte viene soprannominato Dio delle particelle. Anche se i fisici generalmente non apprezzano questo termine, esso illustra chiaramente il fatto che oggi questo oggetto è uno dei capisaldi della moderna fisica fondamentale.

Ha una visione umile e sobria

Da parte sua, il fisico divenne una superstar nel suo campo. È uno status a cui non teneva tanto, che è fuggito dalla fama nello stesso modo in cui il suo capo è fuggito per decenni dai ricercatori. In effetti, era noto per la sua estrema modestia e immancabile modestia (rifiutò persino di essere nominato cavaliere nel 1999). Una figura che esercitò una profonda influenza sui suoi collaboratori, quasi quanto il suo imponente lavoro scientifico.

Era un uomo riservato e umile“, aggiunge Joel Goldstein, professore all’Università di BristolAgenzia di stampa. “ Non si è mai sentito a suo agio con la notorietà acquisita, anche se tutta la moderna fisica delle particelle è basata sul suo lavoro.“.

READ  Sbadigli davvero per rinfrescare il cervello?

Peter era una persona molto influente. Gentile, caloroso, sempre interessato a ciò che dicono gli altri… aperto, interessante e interessato. ShAd esso è legata una parte importante della storia e dei successi del CERN. Sono così triste, mi mancherà tantissimo.“, ricorda Fabiola Gianotti, direttore generale del CERN, citando la stessa fonte.

🟣 Per non perdere nessuna novità su Journal du Geek, iscriviti a Google News. E se ti piacciamo, abbiamo una newsletter ogni mattina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *