Dopo un anno nello spazio, il corpo dell'astronauta è cambiato e i risultati sono stati allarmanti

Dopo un anno nello spazio, il corpo dell'astronauta è cambiato e i risultati sono stati allarmanti

La vita nello spazio influenza il nostro corpo? L'astronauta Frank Rubio lo ha sperimentato dopo aver trascorso un anno nello spazio. Spiegazioni.

Come reagisce il nostro corpo dopo diversi mesi nello spazio? Una domanda che può sembrare “lunare”, ma è nella mente di molti astronauti. Il 27 settembre 2023, l'astronauta Frank Rubio è tornato sulla Terra dopo quasi un anno trascorso lì. Cioè, l'astronauta detiene il record per la quantità di tempo trascorso nello spazio per un astronauta della NASA.


Credito: iStock

Conseguenze sul corpo

Quando una persona atterrava sulla Terra, poteva vedere fin dai primi secondi che il suo corpo era stato influenzato dal suo viaggio nello spazio. Come accennato LadBibleL'esperta Dott.ssa Jennifer Fogarty, direttrice scientifica dello Space Health Translational Research Institute presso il Baylor College of Medicine, ha parlato di tutti i cambiamenti fisici che Frank Rubio ha dovuto affrontare: “La mancanza di gravità porta ad una diminuzione della massa muscolare e persino alla perdita di tessuto osseo fin dai primi mesi della missione”.

Credito: Instagram

Lei ha aggiunto: “Inoltre, quando si vive nello spazio, la circolazione sanguigna di un astronauta può essere influenzata in modo significativo. Ciò può causare sintomi come visione offuscata o occhi gonfi a causa della cosiddetta sindrome neuro-oculare associata al volo spaziale.”

Credito: iStock

Oltre all’impatto fisico, i viaggi spaziali hanno implicazioni sulla salute mentale, in particolare sul ritorno sulla Terra: “Ci si adatta incredibilmente rapidamente allo spazio, ma sfortunatamente il processo di riabilitazione sulla Terra a volte può essere un po’ più lungo e difficile”.L'astronauta ha detto al Times. Vogliamo crederci!

READ  I meteoriti in Antartide sono minacciati dal riscaldamento globale - rts.ch

State tranquilli, pochi mesi dopo il suo ritorno, l'astronauta annunciò di aver riacquistato quasi tutte le sue capacità: “A questo punto mi sento come se fossi tornato al 90-95%, quindi c'è molta pratica, molti test e scienza. Ce n'è abbastanza per farci venire voglia di andare nello spazio! non è questo ?

Iscriviti alla newsletter di Demotivator!

Inserendo il tuo indirizzo email accetti di ricevere la nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *