Dopo il Tour de France, Nivernais arbitrerà Julien Coutant nel Giro d’Italia

Dopo il Tour de France, Nivernais arbitrerà Julien Coutant nel Giro d’Italia

Napoli, Bergamo, Roma. Se Julien Coutant scoprirà queste città italiane nelle prossime tre settimane, non è per le vacanze. Nivernais è stato scelto come arbitro del Giro d’Italia, in programma sabato 6 maggio a Fossacesia, in Abruzzo.

Un battesimo di fuoco per lui all’estero, ma è già il suo secondo Grand Tour dopo il Tour de France della scorsa estate. Il suo primo calvario di tre settimane da cui è uscito “stanco. Senza avere una visione completa di quello che è successo. Di minuto in minuto, è finita. È sconvolgente. Ci chiediamo cosa abbiamo passato per tre settimane”. Per tornare subito nella sua bolla, l’ingegnere del Technicentre SNCF di Varennes-Vauzelles ha ripreso a lavorare due giorni dopo il suo arrivo agli Champs-Élysées. Rebelote questo maggio. “Domenica finisce il Giro, lunedì volo e martedì torno al lavoro”.

Avvicinati a tutti i sessi allo stesso modo

A dicembre, Julien Coutant sapeva di poter fare il Giro d’Italia. “Non direi che è stato un sogno, perché nella realtà non era possibile. Al mio livello, posso giudicare tutte le gare in Francia. Andiamo all’estero solo quando le federazioni o gli organizzatori di gare hanno bisogno di arbitri. Ma in paesi come l’Italia o Spagna questo è raramente il caso.” Sì, perché hanno abbastanza persone”, spiega il licenziatario JGSN, che è arrivato giovedì 4 maggio nel bagagliaio.Julien Coutant arbitra il Tour Nivernais Morvan nel 2022. Foto Pierre Destrade

In Italia Julien Coutant sarà il giudice in moto, come lo sarà al Tour. Si avvicina a questo nuovo evento come i precedenti. “Qualunque sia la gara, è pur sempre una gara ciclistica. Devi adattarti a ogni situazione. Perché ovviamente siamo più numerosi in un Grand Tour e dura più a lungo, diciamo, del Tour of Nivernais Morvan. Ma li tratto con la stessa filosofia. Comunque mi sto concentrando sul mio ruolo”.

READ  Accordo totale con Fabio Grosso, che succederà a Laurent Blanc sulla panchina del Lione

Tutti i nostri articoli riguardano il ciclismo

Un ruolo che dovrà ricoprire in diversi momenti della gara. “Faremo ruotare gli arbitri, tra davanti e dietro. Davanti siamo con le fughe, ci sono meno macchine, meno persone. Dietro ci sono più veicoli, devi regolare il flusso, è un po’ diverso. Il lavoro più importante sono le barriere”.

Al Giro, i giudici della moto saranno da quattro a sei nel Grand Buckle. Non abbastanza per infastidire i nivernesi per i quali la parola chiave è “adattamento”. Anche se i cambiamenti alla fine non sono molti. “È lo stesso rituale, gli organizzatori ci inviano tutte le informazioni in anticipo. Le regole sono le stesse. Lo stesso per il road book, ogni organizzatore porta il proprio tocco, ma nel complesso è lo stesso”. Concentrato sui suoi compiti durante la gara, Julien Coutant non si nega nemmeno la gioia della scoperta.

Questa è la mia prima volta in Italia. Scoprirò Napoli e Roma… Questo aspetto geografico mi interessa, è esotico. Così è stato durante il Tour della scorsa estate, con partenze in Danimarca, Lille, Carcassonne e le Alpi con luoghi magici…

La varietà dei paesaggi in Italia andrà con le temperature. Perché in questo periodo dell’anno c’è ancora la neve sulle cime delle Alpi e le condizioni a volte non sono chiare. Sorride: “Ho delle magliette nella borsa, ma ho anche l’attrezzatura da sci”. Adattarsi ancora e ancora.

Remi Marshall

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *