Dietro l’accordo di tregua tra Hamas e Israele ci sono gli sforzi frenetici della CIA, del Mossad, del Qatar e dell’Egitto

Dietro l’accordo di tregua tra Hamas e Israele ci sono gli sforzi frenetici della CIA, del Mossad, del Qatar e dell’Egitto
  • Gli Stati Uniti hanno fornito i dettagli di cinque settimane di lavoro “doloroso” dietro l’accordo tra Hamas e Israele.
  • I capi del Mossad, della CIA, del Qatar e dell’Egitto sono stati profondamente coinvolti, così come lo è stato personalmente il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.
  • Dalla fine di ottobre Hamas si è offerta di rilasciare fino a 50 ostaggi, ma inizialmente non è stata in grado di fornire un elenco.

Un funzionario americano ha affermato che una cellula segreta guidata dai direttori della CIA e del Mossad, e molteplici contatti tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e i leader di Israele, Qatar ed Egitto, hanno contribuito alle cinque settimane “dolorose” che hanno portato all’accordo di tregua.

In un resoconto dettagliato ai giornalisti da parte di un alto funzionario statunitense che ha parlato in condizione di anonimato, è emerso il quadro di uno sforzo internazionale teso, afflitto da improvvisi blackout delle comunicazioni con Hamas, disaccordi sulle liste degli ostaggi e preoccupazioni sulla sicurezza sul terreno.

Il funzionario americano ha affermato che “il processo di negoziazione molto doloroso, durato cinque settimane”, è iniziato con un invito del Qatar a Washington e agli israeliani nel tentativo di liberare alcuni ostaggi rapiti dai militanti palestinesi durante i loro raid in Israele il 7 ottobre.

Israele e Hamas hanno annunciato mercoledì un accordo di tregua che consentirebbe il rilascio di almeno 50 ostaggi detenuti da Hamas in cambio del rilascio dei prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane.

Il funzionario americano ha affermato che il Qatar, che ha mediato l’accordo, “ha chiesto la formazione di una cellula per lavorare su questo problema con grande cura e totale riservatezza in collaborazione con gli israeliani”.

Il Qatar ospita un ufficio politico per Hamas e mantiene relazioni diplomatiche dietro le quinte con Israele. Ospita anche la più grande base militare americana della regione.

Il funzionario ha affermato che i funzionari dell’amministrazione Biden stavano conducendo “un alto livello di comunicazione quotidiana, e talvolta oraria, con Qatar, Egitto e Israele riguardo alla questione degli ostaggi”.

Lo stesso presidente degli Stati Uniti è entrato nei colloqui, tenendo chiamate Zoom con le famiglie delle vittime il 13 ottobre, seguite dalla sua visita in Israele cinque giorni dopo.

Il rilascio di due cittadini statunitensi il 20 ottobre è stato visto come un “giro di prova” per negoziati globali, ha detto il funzionario.

“Siamo stati in grado di seguire (gli ostaggi) in tempo reale mentre si spostavano da Gaza e, infine, attraverso il confine verso la libertà”, ha detto Al-Amriki.

Il loro ritorno sicuro “ci ha dato una certa fiducia che il Qatar possa davvero raggiungere i suoi risultati attraverso la cellula che abbiamo creato”.

Biden “partecipa ogni giorno”

Il direttore del Mossad David Parnia e il direttore della CIA William Burns furono presto profondamente coinvolti.

A ciò è seguita una raffica di telefonate tra Biden e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu il 20, 22, 23 e 25 ottobre.

Biden “era impegnato quotidianamente mentre venivano scambiati avanti e indietro colloqui e proposte molto difficili”, ha detto il funzionario, sottolineando che le discussioni erano incentrate sui corridoi e sui tempi di trasporto e sorveglianza.

READ  Uno studio rivela che la Cina rappresenta la maggior parte dei nuovi progetti di energia a carbone

Hamas ha subito forti pressioni affinché pubblicasse un elenco dei nomi degli ostaggi.

Le comunicazioni erano difficili poiché i messaggi dovevano essere trasmessi da Doha o dal Cairo a Gaza e ritorno.

Entro il 25 ottobre, Hamas affermava di poter ottenere il rilascio di circa 50 persone nella prima fase, ma la sua lista ufficiale era breve: solo 10 nomi.

Il 9 novembre, Burns della CIA si precipitò a Doha per aiutare a redigere il testo dell’accordo, ma l’identificazione degli ostaggi rimase un punto critico.

Il funzionario americano ha detto che Biden ha chiamato l’emiro del Qatar, lo sceicco Tamim bin Hamad Al Thani, il 12 novembre e “gli ha fatto capire molto chiaramente che ciò che avevamo ottenuto non era sufficiente”.

Poco dopo “Hamas ha presentato i criteri per identificare i 50 ostaggi”.

Mentre il bombardamento israeliano di Gaza si intensificava e il bilancio delle vittime civili aumentava, Biden ha chiamato Netanyahu il 14 novembre e lo ha esortato ad “andare avanti con questo accordo”, e il primo ministro alla fine ha accettato, ha detto il funzionario.

Ma all’improvviso, con l’avvicinarsi dell’accordo quel giorno, “tutto si è fermato di nuovo”, ha detto il funzionario americano. Hamas ha interrotto i colloqui.

Biden ha chiamato l’emiro del Qatar il 17 novembre, secondo il funzionario, per chiarire che l’accordo “deve essere concluso”.

Il funzionario americano ha detto che due giorni dopo, gli americani si sono incontrati con il capo dell’intelligence egiziana Abbas Kamel e hanno ricevuto assicurazioni da Hamas di “colmare le lacune”.

“Per la prima volta (loro) lo vedono davvero insieme.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *