La visita dell’inviato cinese dà impulso alla conferenza di pace nel Corno d’Africa

Il presidente Isaias Afwerki ad Asmara con l’ambasciatore Xue Ping. [Twitter, @ChinaEmbEritrea]

Il nuovo inviato cinese nel Corno d’Africa, l’ambasciatore Xue Bing, è attualmente in visita inaugurale nella regione che lo ha finora portato in Kenya, Eritrea, Etiopia, Sud Sudan e Somalia.

Il compito del diplomatico era valutare l’accettabilità della visione di pace e sviluppo proposta da Pechino nei paesi del Corno d’Africa. L’iniziativa, promossa dal ministro degli Esteri cinese Wang Yi durante il suo arrivo diplomatico in Africa nel gennaio 2022, mira a promuovere la pace, la sicurezza e lo sviluppo tra gli otto paesi della regione.

La visita di Xue ha rivelato alcune questioni fondamentali che potrebbero essere utili per spingere la Cina verso un secolo stabile ed economicamente prospero. Ha rivelato l’opinione prevalente e la posizione dei leader regionali sul ruolo dei partner esterni per lo sviluppo. I leader africani non sono interessati a collaborazioni basate su condizioni, ultimatum e coercizione.

C’è anche un desiderio ardente da parte dei paesi del Corno d’Africa di tessere insieme una regione stabile, pacifica ed economicamente sostenibile. L’invito dell’inviato a una Conferenza di pace per il secolo è stato ben accolto, con il Kenya e l’Etiopia che si sono offerti di ospitare la prima conferenza nei prossimi mesi.

L’Ambasciatore Xue si è scaldato dimostrando il marchio cinese delle relazioni internazionali in cui la pace e lo sviluppo sono al centro della sua cooperazione con l’Africa. Affermando che la Cina invierà ingegneri e studenti solo in punti caldi e instabili in Africa, sta chiaramente confrontando la diplomazia cinese con quella dei paesi occidentali. Come mezzo per affrontare le sfide a breve termine del Corno d’Africa, l’inviato ha annunciato aiuti alimentari di emergenza a quattro paesi: Eritrea, Gibuti, Etiopia e Somalia per un valore di 6,29 milioni di dollari (722 milioni di scellini).

READ  Plānots stingrāk kontrolēt aizdomīgus pasta sūtījumus

Non c’era dubbio che il compito in cui si era imbarcato Xue fosse difficile. Il Corno d’Africa è attualmente testimone di una serie di problemi di sicurezza come il terrorismo e le controversie territoriali, nonché i conflitti etnici e religiosi. Queste lotte richiedono risposte complesse: la loro persistenza nel corso degli anni suggerisce che le strategie precedenti non erano sufficienti.

Per avere successo nei suoi sforzi, l’inviato speciale deve essere visto e visto come un costruttore neutrale e di consenso sulle principali questioni di sicurezza e sviluppo che attualmente la regione deve affrontare. L’accordo dei leader dei paesi visitati su una conferenza di pace è un buon punto di partenza.

In secondo luogo, l’inviato deve promuovere partenariati in grado di stimolare lo sviluppo umano come soluzione a lungo termine ai conflitti in corso nella regione. La filosofia di sviluppo della Cina come prerequisito per una pace e una sicurezza durature è un obiettivo importante per vedere come lo sviluppo può essere uno strumento per mettere a tacere le armi della regione.

In quanto membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la Cina dovrebbe continuare a sostenere meccanismi, idee e politiche progressiste per promuovere la pace e la sicurezza nella regione. Pechino può raggiungere questo obiettivo attraverso un coordinamento efficace con altri membri del Consiglio di sicurezza come il Kenya. La fattibilità sociale, politica ed economica del Corno d’Africa promette di ridare speranza ai milioni di persone sradicate dalle loro case a causa del conflitto. Potrebbe porre fine alla perenne sfida dell’insicurezza alimentare e sanare le vecchie ferite dei conflitti regionali.

La Cina beneficerà anche della stabilità del Corno d’Africa. La regione è considerata un’importante porta di accesso al resto del continente. Fornire punti di ingresso e uscita per materie prime e prodotti industriali, consolidando così notevolmente il commercio tra Cina e Africa.

READ  5,1 milioni di dosi di vaccino Pfizer COVID-19 raggiungono il pH

Il Corno d’Africa ospita l’unica base militare cinese all’estero che si trova a Gibuti. I paesi del Corno d’Africa devono affrontare con coraggio e insieme le sfide prevalenti attraverso il multilateralismo. Paesi come il Kenya devono continuare ad assumere ruoli di leadership per spezzare la doppia sfida del conflitto e dell’arretratezza nella regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.