Le Suore Paoline keniane celebrano il giubileo d'argento della vita monastica e condividono quotidianamente l'esperienza di dire “sì” al Signore

Le Suore Paoline keniane celebrano il giubileo d'argento della vita monastica e condividono quotidianamente l'esperienza di dire “sì” al Signore

Suor Rosemary divenne una suora cattolica, presentando otto domande a diversi ordini religiosi femminili e tutte furono accettate.

“Ciò che mi ha attratto verso le Figlie di San Paolo, tra tutte le chiese che mi hanno accettato, è stata la preghiera del Signore. La Venerabile Tecla Merlo«È una delle fondatrici delle Figlie di San Paolo», aggiungendo che recitare la preghiera l'ha aiutata a rendersi conto di appartenere alle suore paoline.

Suor Mary Kiyoko (a sinistra) e padre Rosemary Muiwa, che hanno celebrato il loro Giubileo d'argento venerdì 14 giugno, posano per una foto con monsignor Peter Makau, vescovo eletto della diocesi cattolica di Isiolo in Kenya, vescovo Paul Kariuki Njiru della diocesi cattolica di Wuti in Kenya e mons. Rodrigo Mejia Saldarriaga, Vicario Apostolico Emerito di Sodo, Etiopia. Credito: ACI Africa

La giovane Rosemary amava cantare e sapeva che il canto faceva parte della missione di evangelizzazione delle Figlie di San Paolo. “Sapevo che avrei continuato a scoprire la mia missione con loro”, ha detto della FSP. Il cui carisma È “vivere Cristo e comunicarlo al mondo nel campo della comunicazione sociale, nello spirito di San Paolo e nel clima di Maria Regina degli Apostoli”.

“Quando sono entrato in comunità, ho scoperto che il compito di evangelizzare le Figlie di San Paolo era complicato. Mi sono trovata in tante missioni apostoliche lontano dal canto», ha raccontato ad ACI Africa la Superiora Regionale delle Suore Paoline di Kenya, Malawi, Sud Sudan, Tanzania, Uganda, Zambia e Zimbabwe, a margine delle celebrazioni del Giubileo d'argento, lo scorso 14 giugno.

(La storia continua qui sotto)

READ  Sabinos, produttore di sitcom nigeriano, fa causa a due società per uso non autorizzato del marchio

Ha continuato: “Nei diversi posti in cui sono andata, ho sentito che il Signore mi amava e mi ha sfidato e mi ha chiesto più anni della mia vita. Ho scoperto che in risposta al “sì”, il Signore parlava ad alta voce. Ci sono momenti in cui Dio sussurra, ma Lee parla ad alta voce.

Mons. Rodrigo Mejia Saldarriaga, Vicario Apostolico Emerito di Sadu, Etiopia, presenta il messaggio di Papa Francesco a Suor Mary Kiyoko in occasione della celebrazione del Giubileo d'argento a Nairobi, in Kenya. Credito: ACI Africa

Suor Rosemary ha condiviso che il suo viaggio di 25 anni come figlia di San Paolo è stato segnato da profondi momenti di crescita spirituale “insieme alla sua dose di sfide e innumerevoli benedizioni”.

Nel suo sermone durante la celebrazione del Giubileo d'argento, Bishop Paolo Kariuki Njiru Seguace Diocesi cattolica di Woot In Kenya, ha esortato i membri della FSP a promuovere la reciprocità tra loro e a rendere le loro comunità di fede luoghi dove tutti si sentono amati e accettati.

Il vescovo Paul Kariuki Njiru della diocesi cattolica di Wut in Kenya presenta il messaggio di Papa Francesco a suor Rosemary Mwaiwa in occasione della celebrazione del Giubileo d'argento a Nyarubi, in Kenya. Credito: ACI Africa

“Che sia una comunione d’amore”, ha detto mons. Kariuki, invitando Suor Rosemary e Fratel Mary a imitare sempre San Francesco d’Assisi, che pregava “non tanto per cercare consolazione quanto per essere confortato, per essere compreso”. Per essere compreso e amato così come sei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *