Da Venezia a Pechino, un italiano di 72 anni inizia il viaggio di 22.000 chilometri sulle orme di Marco Polo

Martedì 26 aprile è iniziato dalla Laguna di Venezia il colossale viaggio della Camarotta di Vienna attraverso l’Europa e l’Asia. L’italiano dovrà percorrere 1.460 giorni per riprendere il percorso intrapreso dal famoso mercante veneziano. L’arrivo nella capitale cinese è previsto per dicembre 2025.

Camminatore esperto e stagionato di 72 anni, Vienna Camarotta ha già percorso molti sentieri sulla superficie del globo, prima di lasciare Venezia per questo storico viaggio sulla Via della Seta. Ha viaggiato infatti dal Nepal all’Everest, ha ridisegnato il percorso biblico di Gesù in Palestina, ha seguito le orme del filosofo tedesco Wolfgang Goethe in Italia, ha attraversato a piedi il Madagascar, la Patagonia e l’Amazzonia.

Originaria di Salerno in Campania, questa guida è stata formata con l’unico scopo di compiere questo viaggio sulle orme del mitico Marco Polo, 750 anni dopo.

Questa epopea lo porterà a percorrere 22.000 km e ad attraversare 15 paesi come Italia, Slovenia, Croazia, Serbia, Bulgaria, Turchia, Georgia, Iran, Turkmenistan, Azerbaigian, Uzbekistan, Kirghizistan, Kazakistan, Mongolia e infine la Cina. Tre anni dopo la sua scomparsa.

Questa nonna, che ha tre figlie e tre nipoti, è la prima donna a imbarcarsi in un’avventura del genere.

“Questo è un giorno importante. È un viaggio dove ho fatto anni di preparazione fisica. Porterò con me nel cuore la mia famiglia, le mie figlie e i miei nipoti che rivedrò tra 4 anni. Sono affascinato da Marco Polo dopo essere stata affascinata da Wolfgang Goethe, un altro grande viaggiatore che amo la storia, la cultura e l’archeologia, ha raccontato al quotidiano italiano Il Giornale: “Cammino per vedere e dire, ma soprattutto per ascoltare”.

READ  Johnson: La "Lista Verde" e le regole...

Goethe e Marco Polo: i modelli da seguire

Ambasciatore dell’Archeoclub Italia, associazione per la conservazione del patrimonio, questa guida ed esploratore di una nuova specie è stato per primo come modello lo scrittore tedesco Wolfgang Goethe. Aveva visitato l’Italia tra il 1786 e il 1788 prima di pubblicare un’opera intitolata Viaggio in Italia pochi anni dopo.

Successivamente, il viennese Camarotta si innamorò di Marco Polo, autore di uno dei bestseller mondiali “Il Milione”, pubblicato nel 1300 e conosciuto in Francia come “Le Devisement du monde” o “Libro delle meraviglie”. Questo libro racconta il viaggio di 24 anni di questo famoso mercante veneziano e viaggiatore tra Venezia e l’Asia alla fine del XIII secolo.

La settantenne era dotata di uno zaino da 20 kg, una fotocamera GoPro per scattare foto del suo volo e un telefono satellitare con un’app che le consente al medico curante di controllare il suo stato di salute a distanza.

“So che ci saranno momenti davvero difficili come affrontare il freddo in Mongolia, ma sono pronto. La paura c’è ed è parte di ogni essere umano, ma è meno del desiderio di vedere, dire e incontrarsi”.

Un viaggio all’insegna della pace

Poiché la Camarota di Vienna aveva un budget per le sue spese quotidiane, avrebbe comunque cercato ospitalità dalle persone incontrate lungo il percorso, non per risparmiare denaro ma per un contatto diretto e uno scambio con loro.

Viaggia con le bandiere italiana e ucraina e considera il suo viaggio attraverso l’Europa e l’Asia una “Marcia per la Pace”.

“Questo viaggio serve a portare il discorso della cultura e dell’archeologia ovunque, perché solo attraverso la cultura possiamo portare pace alle persone”, ha detto all’agenzia di stampa Vien Camarota. EFE spagnolo, prima di partire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.