Crescenti richieste di riforma del sistema “egemonico, antidemocratico e neocoloniale” del FMI

Crescenti richieste di riforma del sistema “egemonico, antidemocratico e neocoloniale” del FMI

Un'organizzazione no-profit sta spingendo per riforme immediate della struttura azionaria di voto del Fondo monetario internazionale (FMI), poiché la manipolazione dell'Unione Europea (UE) ha sostenuto l'amministratore delegato dell'agenzia fiscale a candidarsi per un secondo mandato.

ActionAid ha affermato che l'annuncio dei governi europei del loro sostegno per un secondo mandato al direttore del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, rappresenta uno schiaffo agli sforzi volti a rendere l'istituzione più rappresentativa.

In una dichiarazione di questa settimana, ActionAid ha affermato che perpetuare il “gentlemen's agreement” che garantisce che il direttore generale del Fondo monetario internazionale per 80 anni sarà un europeo e il presidente della Banca mondiale un cittadino statunitense, è antidemocratico e neocoloniale. .

Invece, l’organizzazione no-profit ha affermato che si aspetta di vedere un processo trasparente e basato sul merito per la selezione della leadership del FMI.

“Finché rimane in vigore il “gentlemen’s agreement” sulla scelta della leadership del FMI, l’istituzione non solo priverà i diritti civili delle economie a basso reddito del Sud del mondo, ma minerà la loro legittimità e capacità di affrontare le sfide economiche globali”.

“È del tutto inaccettabile mantenere il potere decisionale formale e informale nelle mani di un piccolo gruppo di paesi ricchi, soprattutto considerando il ruolo del FMI nella gestione dei fondi pubblici per il bene globale della stabilità”, ha affermato Ross Salbrink, economista dell’Fmi. Fondo monetario internazionale “Economico”. Responsabile della giustizia economica globale presso ActionAid International.

Salbrink ha sottolineato che il sistema attuale, in cui i diritti di voto rimangono fortemente sbilanciati a favore dei ricchi governi del Nord del mondo, solleva seri interrogativi sulla responsabilità e sulla rappresentanza del Fondo.

READ  Lo studio mostra che i migliori predatori possono "rinchiudersi" nel tentativo di adattarsi ai cambiamenti climatici

Inoltre, il recente fallimento nel raggiungere un accordo per ridistribuire il potere di voto sulla base delle attuali realtà economiche nella sedicesima revisione delle quote del FMI ha riaffermato lo squilibrio.

“È necessario riconoscere che il panorama economico globale si è trasformato in modo significativo dalla creazione del Fondo monetario internazionale. Questo sostegno incrollabile allo status quo da parte dei paesi europei evoca ricordi inaccettabili delle dinamiche e delle pratiche di potere dell'era coloniale.

“Il FMI deve abbracciare un vero multilateralismo, in cui tutti gli Stati membri abbiano pari voce nel definire l'agenda economica globale. Questo fa parte delle numerose richieste di cambio di regime”, ha affermato Arthur LaRocque, Segretario generale di ActionAid International.

I paesi del Sud del mondo attualmente non hanno pari voce e non sono equamente rappresentati. Questo problema deve essere affrontato con urgenza.

I paesi africani hanno ancora pochissima influenza nel processo decisionale della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale, con una quota di voti che non supera il 10% nel Consiglio di Amministrazione del FMI – e i paesi africani non hanno molta partecipazione nel processo decisionale della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale. processo decisionale della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale.

Solo due dirigenti rappresentano 46 paesi dell’Africa sub-sahariana.

Ma il potere che le istituzioni finanziarie internazionali hanno sui governi africani ne mina ampiamente l’indipendenza politica.

“A parte qualche grande PR sugli impegni del FMI sul clima e sulla parità di genere da parte dell’Ufficio dell’Amministratore Delegato, non vediamo questi cambiamenti all’approccio di austerità a lungo termine del FMI raggiungere consulenza o monitoraggio statale”, ha aggiunto Ross Salbrink.

READ  Brussel neemt stelling tegen China: sancties tegen Europarlementariërs moeten van de baan, of investeringsverdrag gaat niet doorway

“Come ActionAid ha ripetutamente documentato, il FMI continua a imporre politiche di austerità, minando la salute, l'istruzione e l'uguaglianza di genere. Invece di cercare soluzioni globali alla crescente crisi del debito africano ed esplorare alternative ovvie come riforme fiscali progressive, il FMI continua a imporre tagli della spesa pubblica ha colpito in modo particolarmente duro le donne e i gruppi svantaggiati.

“Il FMI deve andare avanti nel parlare di uguaglianza di genere, responsabilità e governance. È necessario che ci sia una riforma globale del sistema di governance e nella prossima revisione delle quote, in cui si potranno apportare modifiche alla quota di voto, ciò deve essere raggiunto.

Il FMI dovrebbe pubblicare consigli ai paesi, programmi di prestito da discutere e approvare in parlamento e fornire risorse per valutare le politiche concrete che influiscono sull’uguaglianza di genere, ha affermato Salbrink.

ActionAid è una federazione globale di oltre 41 milioni di persone che vivono in 71 dei paesi più poveri del mondo. Cerca di vedere un mondo giusto, equo e sostenibile, in cui tutti godano del diritto a una vita dignitosa e alla libertà dalla povertà e dall’oppressione. Funziona per raggiungere la giustizia sociale, l’uguaglianza di genere e sradicare la povertà. – Newseum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *