Cosa ricordare della prima conferenza stampa di Spalletti in Italia: i chiarimenti sull’assenza di Jorginho, il ruolo di Buffon e l’affronto di Mancini

Cosa ricordare della prima conferenza stampa di Spalletti in Italia: i chiarimenti sull’assenza di Jorginho, il ruolo di Buffon e l’affronto di Mancini

Luciano Spalletti ha tenuto la sua prima conferenza stampa da allenatore dell’Italia spiegando, tra l’altro, perché non ha inserito Jorginho e Marco Verratti e sottolineando l’importanza di Gianluigi Buffon nella sua squadra, mentre il presidente della Federazione Italiana Gabriele Gravina non ha nemmeno menzionato Roberto Mancini.

borsa

Il 64enne è rimasto davvero colpito quando è arrivato nella sala stampa di Coversiano insieme al presidente della Federcalcio Gravina. I suoi colleghi, tra cui Gigi Buffon – il nuovo capo della delegazione italiana – hanno seguito la conferenza stampa dalle prime file. Il leggendario portiere sedeva accanto al responsabile del calcio UEFA, Zvonimir Boban.

Spalletti ha citato spesso Buffon in conferenza stampa. Il vincitore della Coppa del Mondo 2006 in Italia è visto come l’uomo che deve trasmettere un senso di appartenenza ai giocatori in arrivo e spiegare i passi corretti dentro e fuori dal campo per guadagnarsi una convocazione.

L’allenatore ha subito spiegato che i suoi legali stavano lavorando su una clausola del suo contratto. Il contratto del Napoli dice che spera che lui e il suo ex club possano trovare una soluzione che soddisfi entrambe le parti. Poi la sua voce si spezzò due volte. Prima quando ha parlato del suo periodo allo stadio di Maradona, che si è concluso con la vittoria del tanto atteso titolo di Serie A, e poi quando ha ricordato la Coppa del Mondo del 1970. Ha detto che sua madre ha cucito una gigantesca bandiera italiana per celebrare la leggendaria leggenda. Vittoria sulla Germania 4-3. “Spero di poter portare oggi ai ragazzi la stessa conoscenza e lo stesso entusiasmo”, ha detto l’allenatore di Certaldo, che aveva 11 anni quando gli Azzurri, guidati da Gianni Rivera e Gigi Riva, batterono i tedeschi allo Stadio Azteca nel Coppa del Mondo. Semifinali.

READ  Manchester United XI e Real Sociedad: confermate notizie sulla formazione, la rosa prevista e l'elenco degli infortuni in European League

Dopo un inizio comprensibilmente emozionato, Spalletti è arrivato a spiegare le sue prime decisioni da Ct dell’Italia e perché ha convocato o meno alcuni giocatori nelle prime due partite contro Macedonia del Nord e Ucraina.

Ad esempio, abbiamo appreso che Jorginho, Verratti, Moise Kean e Gianluca Scamaca non sono stati convocati perché non avevano abbastanza tempo per giocare con i loro club all’inizio della stagione. La spiegazione di Spalletti però è arrivata con un avvertimento a tutti i giocatori, non solo a questi quattro. Al-Sayed ha sottolineato che “impegno e comportamento” sono la chiave delle sue scelte. “È per questo che chiamo i giocatori, non per i loro nomi”.

Ancora un monito per i giocatori che aspirano a giocare in azzurro: “I giocatori devono essere contenti di indossare questa maglia. In un mondo dove tutto è facilmente accessibile, tutto sembra accessibile. La maglia della Nazionale sarà diversa”.

Forse questo può essere letto come un cambio di strategia del suo predecessore Mancini che spesso convocava giocatori giovani, quasi sconosciuti, per permettergli di allenarsi con i big di Coverciano e acquisire esperienze che non potevano acquisire con i loro club. Un esempio è Simone Buffondi dell’Udinese. Spalletti potrebbe non fare lo stesso in futuro, anche se l’ex allenatore del Napoli ha elogiato Mancini per aver liberato molti giovani giocatori durante il suo periodo da allenatore della Nazionale e, ovviamente, per aver vinto l’Europeo nel 2021.

È stata l’unica volta in cui ha menzionato il suo predecessore, mentre Gravina, intervenuto brevemente per presentare Spalletti, non ha mai menzionato l’ex tecnico italiano che si è dimesso in modo polemico ad agosto e ha accettato un’offerta dall’Arabia Saudita solo due settimane dopo. Gravina si è detto “amareggiato” e “deluso”, ma non ha menzionato direttamente Mancini.

READ  Stefanos Didas sugli attentati in Israele: 'Siamo corsi nei rifugi con i miei figli, siamo salvi'

Una delle cose più belle della conferenza stampa di Spalletti è stata che ha parlato di calcio e di cosa avrebbe voluto fare in campo. All’inizio era molto chiaro riguardo al sistema. Giocherà con una difesa a quattro, partendo dal 4-3-3 che potrà diventare un 4-2-3-1 con l’inserimento di un trequartista. Ha ammesso che molti difensori centrali italiani giocano in una linea difensiva a tre per i loro club, anche se “alcuni principi sono gli stessi”. Ha insistito nel volere un “press alto”, anche se a volte avrebbe avuto bisogno che i suoi giocatori si ritirassero e difendessero dietro la palla.

Il trequartista chiave probabilmente influenzerà lo stile dell’Italia sotto Spalletti. Lucio ha citato Manuel Locatelli e Brian Cristante, sottolineando come il centrocampista della Roma possa infilarsi tra i difensori centrali e fornire maggiore copertura.

Si è detto soddisfatto dei tre attaccanti convocati – Ciro Immobile, Matteo Retegui e Giacomo Raspadori – che hanno tutti “caratteristiche diverse”, ma ha aggiunto che in attacco potrebbero essere schierati anche giocatori che normalmente ricoprono ruoli diversi. Guardando la lista degli attaccanti dell’Italia per le prossime due partite contro Macedonia del Nord e Ucraina, ho la sensazione che Wilfried Gonto, Federico Chiesa e Nicolò Zaniolo potrebbero tutti essere provati come attaccanti, ruolo che hanno già ricoperto a livello di club.

Lunedì sapremo di più sui pensieri e sulle scelte tattiche di Spalletti, che sarà aperto alla stampa nel suo primo allenamento a Coverciano dopo la conferenza stampa di Buffon. L’introduzione è stata sicuramente soddisfacente. Spalletti è apparso molto motivato e desideroso di intrattenere e accontentare i frustrati tifosi italiani che vogliono andare agli Europei della prossima estate da campioni e vedere finalmente gli Azzurri alla loro prima Coppa del Mondo dal 2014.

READ  I fan di Rebel Wilson adorano le sue nuove foto in bikini su Instagram - Marseille News

Twitter: @lorebetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *