Coppa Davis 2023 | Semifinale Serbia – Italia: Novak Djokovic – Jannik Sinner, come ci rivediamo

Coppa Davis 2023 |  Semifinale Serbia – Italia: Novak Djokovic – Jannik Sinner, come ci rivediamo

David Haggerty ha bisogno di arricciarsi i baffi. Non solo il presidente della Federazione Internazionale di Tennis (ITF) può vantare questa settimana – e a differenza delle edizioni precedenti – di un vero successo popolare per la sua versione della Coppa Davis di Malaga, ma un poster darà ancora più risonanza alla competizione. Sabato andrà in scena il terzo episodio della rivalità di fine stagione tra Novak Djokovic e Jannik Sinner, nel corso del secondo singolare della semifinale tra Serbia e Italia.

Una vera manna dal cielo, visto che i due hanno monopolizzato l’attenzione la scorsa settimana durante il Masters di Torino, con il serbo (battuto nella fase a gironi) che si è preso la rivincita sull’italiano nella finale di domenica scorsa. Da allora, i due sono tornati in campo, riposandosi appena prima di tornare in campo giovedì, dove hanno vinto in singolare nei quarti di finale contro l’olandese Tallon Griekspoor per Sinner (7-6 , 6-1) e il britannico Cameron Norrie per Djokovic (6-4, 6-4). Quindi nemmeno stanco? La realtà è più complessa di così.

12 anni di invincibilità in singolo per Djokovic…

Giocare per il tuo paese è sempre la più grande pressione e motivazione che ci sia. Dopo una lunga stagione, te lo senti nelle gambe. Sono felice di apparire fresca, ma a dire il vero non lo sonoha confidato Nole in conferenza stampa dopo la vittoria. Ma c’era da aspettarselo, visto il numero di tornei e partite a cui ho giocato ultimamente. Non potrei essere più felice del tennis che sto giocando, cavalcando quest’onda di fiducia. Una parte di me non vede l’ora di riposarsi, ma non posso permettermi di pensare alle vacanze: devo cercare di tirare fuori il mio miglior tennis e vincere tutte le mie partite.”

READ  Italia: entusiasmo per la bicicletta

Djokovic, l’incubo del circuito: “La sua voglia di vincere sempre di più è cresciuta ancora di più”

L’adrenalina e la fiducia compensano ampiamente la stanchezza. E il serbo non conta solo sulle sue fantastiche dinamiche attuali. In Coppa Davis, nel singolare, probabilmente ha dimenticato cosa vuol dire perdere. L’ultima volta che gli è successo è stato all’indomani del suo primo piccolo Slam, nel… 2011. Pochi giorni dopo il trionfo agli US Open, aveva già provato a proseguire in semifinale di Coppa Davis ma è stato costretto al ritiro contro Juan Martin Del Potro (7-6, 3-0 ab.) e Argentina. Quindi sono 12 anni di invincibilità e 21 vittorie consecutive per il “Djoker”.

Essere imbattuto dal 2011 evidenzia la mia dedizione e il mio approccio a cosa significa giocare per il mio Paeseha sottolineato. E più vinci, più vuoi che la serie di vittorie continui. Di fronte a Sinner, questo sarà il terzo duello in poco più di una settimana. Sarà fantastico per gli appassionati di tennis, soprattutto quelli provenienti da Serbia e Italia. Ultimamente abbiamo sviluppato una bella rivalità. Ho molto, moltissimo rispetto per lui. Sta giocando il tennis della sua vita in questo momento. Ho visto un po’ di queste partite oggi (giovedì) in singolo e doppio. Era fantastico. Ho potuto vedere che era motivato dall’idea di giocare per la sua nazione. Ed è stato impressionante il modo in cui hanno invertito lo slancio dopo aver perso il primo punto.”

…ma Sinner è più preparato per il raddoppio

Sinner, infatti, sarà ansioso di strappare questa bellezza tra i due uomini. E come a Torino, dovrebbe beneficiare del sostegno della maggioranza del pubblico nella sua missione, visto che giovedì gli italiani erano numerosi, mentre i tifosi serbi erano stati un po’ sopraffatti da quelli britannici. Ma Djokovic sa meglio di chiunque altro come resistere a questo tipo di atmosfera ostile. In caso di sconfitta, il giovane italiano potrebbe comunque avere l’ultima parola se tutto si riducesse al raddoppio decisivo. Se questo non è il suo esercizio preferito – come Djokovic, che ha vinto 4 sconfitte su 11 in Coppa Davis – la sua convincente vittoria di giovedì con Lorenzo Sonego contro la coppia olandese Griekspoor/Koolhof potrebbe aiutarlo.

La cosa più importante è stata l’atteggiamento in campoha osservato ai giornalisti. E funziona bene tra noi. Abbiamo entrambi una grande energia, in campo non ci lamentiamo di nulla e poi cerchiamo di vivere il momento, cosa che oggi ci ha aiutato (giovedì, ndr). Lorenzo mi ha reso tutto molto facile. Ovviamente non ho giocato molti doppi negli ultimi anni, ma pur sapendolo, il capitano ci ha scelto. Siamo buoni amici fuori dal campo e questo rende le cose più facili. È stata una delle mie migliori prestazioni in doppio, che mi dà fiducia per il futuro..”

Tuttavia, il “Djoker” è in missione per il suo paese, il che potrebbe renderlo ancora più irresistibile, se possibile. “Tutti hanno dei dubbi, io prima delle partite o anche durante, ha infine stimato. Ma la convinzione che uscirò e vincerò è più forte dei miei dubbi. È sempre una battaglia interna. L’esperienza che ho dopo tanti anni sul circuito mi aiuta a gestire i miei nervi e le mie aspettative. Ho sempre avuto grandi aspettative su me stesso, e ce ne sono ancora di più nei confronti della squadra e della nazione. So che tutti vogliono avere il mio scalpo: vogliono vincere, giocare il loro miglior tennis. Ma è un bel problema avere, non mi lamento. Sono molto orgoglioso della mia carriera e della mia posizione attuale. La pressione mi motiva, mi costringe ad entrare nella mia bolla, a raggiungere il livello ottimale di concentrazione e a tirare fuori il meglio di me stesso.”

READ  A Lampedusa, centinaia di migranti dall'“altro Afghanistan”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *