Con il riscaldamento globale, questa competizione ha ancora un futuro?

Con il riscaldamento globale, questa competizione ha ancora un futuro?

La competizione dovrebbe svolgersi nelle Alpi francesi. Ma l’aumento delle temperature complica l’organizzazione dell’evento sportivo invernale e solleva interrogativi sulla sua importanza.

pubblicato

aggiornare


Tempo di lettura: 5 minuti

Il fondista francese Richard Jouve, 13 febbraio 2022 a Zhangjiakou (Cina), durante le Olimpiadi invernali di Pechino.  (Dispari Andersen/AFP)

È ancora ragionevole organizzare le Olimpiadi e le Paralimpiadi invernali? La Francia la pensa così. La candidatura delle Alpi francesi per il 2030 è stata l’unica accettata dal Comitato Olimpico Internazionale, mercoledì 29 novembre. Salvo catastrofe, dovrebbe essere ufficialmente selezionata nel luglio 2024. Permettendo alla Francia di realizzare un insolito double, dopo aver ospitato i Giochi estivi di Parigi nel 2024.

Mentre gli effetti dei cambiamenti climatici causati dall’uomo diventano sempre più evidenti in Francia e nel mondo, Emmanuel Macron ha promesso di organizzare i Giochi. “continuo”. Presidente Lo assicura il Comitato olimpico e sportivo nazionale francese (CNOSF), David Lapartien “La nomina ovviamente ha tenuto conto delle questioni legate alla transizione e del riscaldamento globale”. I decisori indicano che l’85% dei siti proposti esistono già o saranno strutture temporanee. Ma questa nomina francese crea comunque divisioni. Al progetto si sono opposte numerose ONG, associazioni e funzionari eletti che ne hanno messo in dubbio l’importanza, citando in particolare il costo ambientale della neve artificiale.

Le nevicate sono sempre più incerte

Il responsabile del CNOSF ha ignorato queste critiche, insistendo sul fatto che le tracce sarebbero state tali “In modo schiacciante” Coperto di neve naturale, l’uso dei cannoni da neve sarà limitato. Ma questa discussione mette in luce le reali conseguenze che il riscaldamento globale potrebbe avere sui Giochi invernali, così come ha avuto su molte competizioni di sport di montagna in questa stagione. Mentre il pattinaggio artistico, l’hockey su ghiaccio e tutti gli altri sport indoor non soffrono realmente dell’aumento delle temperature, gli eventi all’aperto – sci alpino, sci di fondo, biathlon e pattinaggio artistico – dipendono dal tempo, dal manto nevoso e quindi dal clima.

READ  Il Belenenses chiede alla Lega di rigiocare la partita con il Benfica

Con il passare degli anni, ci sono sempre meno candidati a organizzare le Olimpiadi invernali a febbraio e le Paralimpiadi a marzo. Secondo uno studio Pubblicato nel 2022 sulla rivista Problemi attuali nel turismoTuttavia, solo quattro dei 21 siti in cui si sono svolti i Giochi invernali dal 1924 avranno la certezza di poter ospitare un evento del genere nel 2050, se le emissioni di gas serra continueranno a seguire il percorso attuale. Così viene giudicata la città che ospiterà le prime Olimpiadi invernali, Chamonix “Non ci si può fidare”Come Grenoble e altre sette città. Otto siti rappresentano un rischio “margine” Condizioni meteorologiche inadatte, inclusa Albertville. Alla fine del secolo. Sapporo (Giappone) è l’unica città ex organizzata ancora in grado di ospitare senza incidenti un gran numero di sport invernali – ce ne sarebbero otto se l’aumento della temperatura fosse limitato a 2°C rispetto all’era preindustriale, come previsto dal Conferenza di Parigi. un accordo.

Questa crescente incertezza è accompagnata da un aumento dell’uso di chip sintetici. La pratica è iniziata ai Giochi di Lake Placid (USA) nel 1980. Poi ci sono state le Olimpiadi di Vancouver del 2010 e la consegna della neve in elicottero; Quello ritrovato a Sochi nel 2014, e la sua polvere è stata conservata diversi mesi fa; Infine i Giochi di Pechino del 2022, che saranno i primi a svolgersi su neve artificiale al 100%.

Molteplici conseguenze per gli atleti

Lo hanno pubblicato gli autori dello studio Problemi attuali nel turismo Ha intervistato quasi 400 atleti e allenatori sulle condizioni ideali per la competizione. Gli atleti preferiscono la neve lucida o sintetica per la sua densità e affidabilità. Temono invece le condizioni atmosferiche – sbalzi di temperatura, vento, nebbia – che potrebbero rendere la neve soffice o impraticabile. “La temperatura è altrettanto importante, se non di più, della presenza o assenza di neve naturale”.“, spiega a France Info Daniel Scott, geografo canadese e autore principale dello studio.

READ  GR 69, un nuovo circuito che segue i vecchi percorsi di congestione

COME, “Forse sarebbe meglio farlo [les JO d’hiver] In Francia che in Arabia Saudita, che dovrebbe organizzare i Giochi asiatici invernali del 2029”.osserva Michael Ferrisi, fondatore della società mediatica Ecolosport, interessato alla trasformazione ambientale negli sport professionistici. “Ma i Giochi, e quindi le competizioni invernali, non sono più praticabili”.

L’annullamento delle quattro gare di discesa libera di Zermatt-Cervinia, tra Svizzera e Italia, a metà novembre, ha portato ad un sollecito Difficoltà della Coppa del Mondo di sci Per affrontare il cambiamento climatico. In Francia, uno studio condotto ad agosto ha stimato che il 93% delle località delle Alpi e il 98% delle località dei Pirenei sarebbero a rischio se il riscaldamento globale raggiungesse i +3°C rispetto all’era preindustriale. Il percorso tracciato dalle politiche attuali nel 2100

“Ci sono due opzioni: o prendiamo atto [du changement climatique] «Passiamo a un modello più sobrio, ovvero riproduciamo quello che è successo a Pechino, con la neve artificiale».

Michele Ferrisi, specialista nella trasformazione ambientale dello sport professionistico

In Francia Informazioni

Per David Roizen, esperto associato alla Fondazione Jean Jaurès specializzato in questioni legate allo sport, la sobrietà non è all’ordine del giorno: “Il CIO, come altri grandi organizzatori di eventi sportivi, sta portando avanti una corsa verso il gigantismo. Il peso degli sponsor è così grande che continuiamo come prima, senza sollevare la questione dell’impatto ambientale.”

Il Comitato Olimpico Internazionale cerca “soluzioni per il futuro”

Tuttavia, il CIO sta cominciando a pensare ai Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali e alla loro fattibilità nell’era del cambiamento climatico. Nel 2022, il suo Comitato Esecutivo è migliorato notevolmente Ha convenuto di introdurre due criteri per la selezione dei futuri ospiti dei Giochi invernali: l’uso di sedi esistenti o temporanee, nonché le condizioni È climaticamente affidabile almeno fino alla metà del secolo.

Secondo studi commissionati dal Comitato Olimpico Internazionale. Solo dieci paesi potranno ancora ospitare i Giochi invernali entro il 2040, rispetto ai circa quindici di oggi. Il suo presidente, Thomas Bach, ha ammesso lo scorso ottobre che gli organizzatori dovevano fare proprio questo “Adattare i Giochi invernali tenendo conto dell’impatto del cambiamento climatico e cercando soluzioni per il futuro”. Con il passare degli anni, le opzioni diminuiscono e la questione ambientale aumenta., David Roizen prevede.

READ  Re d'Italia dal 2018 Cristiano!

Ma le Olimpiadi invernali non sono destinate al fallimento. “Ci saranno siti ospitanti climaticamente affidabili in Nord America, Europa e Asia fino alla fine del 21° secolo”.Daniel Scott pensa. Ma il ricercatore è più pessimista riguardo alle Paralimpiadi, che tradizionalmente si tengono a marzo, dopo le due settimane olimpiche. Mese “Più vulnerabili ai cambiamenti climatici”. Per i geografi, anticiparli a febbraio, o addirittura organizzarli contemporaneamente in un’altra città o Paese, può essere fondamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *