Come gli orsi polari sono diventati un simbolo controverso della crisi climatica

Come gli orsi polari sono diventati un simbolo controverso della crisi climatica

Perché l’orso polare è un simbolo problematico?

Naturalmente, gli orsi polari sono grandi predatori e costituiscono una parte importante dell’ecosistema artico.

Si trova in una parte già fragile del mondo che rischia di crollare ulteriormente con l’aggravarsi della crisi climatica. Il ghiaccio marino sta già scomparendo a un ritmo allarmante nel Mediterraneo 19 regioni Dove vivono, comprese le regioni artiche di Canada, Groenlandia, Norvegia, Russia e Stati Uniti.

Di conseguenza, gli scienziati lo hanno fatto stimato Esiste una probabilità del 70% che la popolazione mondiale di orsi polari diminuisca di oltre un terzo nelle prossime tre generazioni. Questo è ciò che hanno detto molti studiosi Forte credente È improbabile che scompaiano completamente.

Questa argomentazione è stata rafforzata in precedenza Scoperta L’anno scorso, alcuni ricercatori dell’Università di Washington hanno scoperto che una piccola ma fiorente popolazione di orsi polari viveva nel mare privo di ghiacci al largo della Groenlandia sud-orientale.

Questi orsi sono geneticamente distinti e raramente interagiscono con gruppi più grandi delle diciannove specie di cui abbiamo discusso sopra. Impararono a sopravvivere senza il ghiaccio artico, affidandosi invece ai fiordi d’acqua dolce formati dallo scioglimento dell’acqua glaciale che defluiva nel mare.

Questa sottopopolazione unica offre un barlume di speranza per la specie, nonché uno sguardo su come potrebbe essere il loro futuro mentre le temperature globali continuano a aumentare.

Non dovrebbe sorprendere, quindi, che il World Wide Fund for Nature (WWF) affermi che la preoccupazione per gli orsi polari potrebbe essere una distrazione fuorviante che distoglie l’attenzione dalle minacce che affrontano gli altri orsi polari. Specie in pericolo E Ecosistemi.

READ  بريطاني يفوز بـ 168 مليون دولار من تذكرة يانصيب

Se usiamo l’orso polare come segno di quanto bene – o male – stiamo facendo nella nostra lotta contro il cambiamento climatico, ciò potrebbe portarci a un pensiero riduzionista. Gli orsi polari sono ancora vivi, quindi va tutto bene… giusto?

Beh, non proprio.

Questioni più ampie

È importante notare che il degrado dell’ecosistema artico avrà ramificazioni globali che vanno ben oltre la potenziale perdita di orsi polari.

La scomparsa del ghiaccio marino significa che meno calore verrà riflesso nello spazio, riscaldando il pianeta e provocando lo scioglimento del permafrost. All’interno di questo permafrost vengono immagazzinati anidride carbonica e metano, che verranno rilasciati durante il processo, aumentando i gas serra nella nostra atmosfera.

Ciò non farà altro che destabilizzare ulteriormente i modelli meteorologici globali, un fenomeno che stiamo già cominciando a vedere oggi. Le inondazioni improvvise stanno ora causando problemi alle industrie agricole e alle forniture idriche, mentre gravi incendi boschivi alimentati dalla siccità e dalle ondate di caldo hanno iniziato a devastare aree un tempo ricche di fauna selvatica e specie in via di estinzione.

La cosa più importante è che questi eventi hanno avuto conseguenze disastrose per le persone che vivono nel Sud del mondo perché l’adattamento climatico non avviene in modo naturale per gli esseri umani. Allo stato attuale, le stime per Il costo dell’adattamento al clima globale Il minimo è di circa 140 miliardi di dollari all’anno e si prevede che questa cifra salirà a 500 miliardi di dollari entro il 2050.

Detto questo, è ironico che il mondo si concentri così intensamente sulla perdita degli orsi polari invece di guardare ai loro simili che sono maggiormente a rischio.

READ  "Continui a fare la storia"

La perdita dell’Artico creerà un effetto a catena che alla fine influenzerà ogni pianeta vivente, animale e umano sulla Terra, il che dovrebbe essere un motivo ancora maggiore per chiedere la fine di comportamenti distruttivi per l’ambiente.

Perché alla fine abbiamo molto più da perdere oltre agli orsi polari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *