Chi sono gli abitanti del pianeta più colpiti dal clima?

Chi è responsabile del cambiamento climatico e chi dovrebbe contribuire maggiormente a risolverlo? Rispondere a queste domande è un punto di discussione senza fine in vertici internazionali come La COP 26 si svolge a Glasgow. Perché se guardiamo ai numeri assoluti, oggi la Cina è il Paese che emette più anidride carbonica (come Stati Uniti, India, Russia e Giappone insieme, che sono i prossimi quattro Paesi nell’ordine). Gli Stati Uniti e l’Europa, che fino alla metà del XX secolo rappresentavano l’85% delle emissioni globali, contribuiscono ora per poco meno di un terzo.


Leggi anche

Antonio Sirillo

D’altra parte, se si guarda alle emissioni pro capite, chi fa danni al clima è chi vive nei paesi occidentali. L’impronta di carbonio di un americano è il doppio di quella dei cinesi (15,2 contro 7,4 tonnellate di anidride carbonica, secondo il Dati della Banca Mondiale indicato nel 2018), e otto volte più dell’indiano, le cui emissioni sono stimate in 1,8 tonnellate all’anno.

Sebbene le emissioni di anidride carbonica della Cina siano il doppio di quelle degli Stati Uniti, le emissioni degli americani sono il doppio di quelle dei cinesi

Canadesi e australiani, con 15,5 tonnellate pro capite, sono altre importanti fonti di emissioni, anche se la classifica è ancora in testa ai residenti del Qatar (32,4 tonnellate), seguiti dal Kuwait (21,6 tonnellate) e dagli Emirati Arabi Uniti (20,5). Perché questi paesi sono i principali produttori di petrolio, quindi utilizzano fonti energetiche “sporche” e hanno una popolazione relativamente bassa.

D’altra parte, gli abitanti del pianeta che hanno la minor responsabilità per il cambiamento climatico sono gli abitanti di paesi come Etiopia, Ciad e Burundi, con emissioni di 0,1 tonnellate pro capite all’anno.

READ  Guarda le prime immagini del rover Zhurong


Leggi anche

Antonio Sirillo

Orizzontale

Le emissioni medie globali pro capite nel 2018 sono state di 4,5 tonnellate, una cifra che molti paesi europei hanno superato. Il Lussemburgo, ad esempio, emette 15,3 tonnellate pro capite principalmente a causa della sua elevata combustione di carburante.

GermaniaNonostante il calo delle emissioni negli ultimi anni, rilascia nell’atmosfera 8,6 tonnellate di anidride carbonica pro capite perché la sua principale fonte di energia è ancora il carbone.

09.12.2013, Barcellona Limite di velocità ridotto per raggiungere Barcellona (B-23) a causa dell'elevato inquinamento atmosferico.  ambiente e città, inquinamento, traffico, velocità, se#{emoji} 150;  Birra verticale informativa, layout del municipio, tubo di scappamento, fumo, foto: Jordi Play

I combustibili fossili sono responsabili della maggior parte delle emissioni di anidride carbonica

Jordi Bly / Collaboratori

Anche l’impronta di carbonio di finlandesi (8 tonnellate), olandesi (8,8), belgi (8,2) e norvegesi (7) è ben al di sopra della media mondiale. La media viene superata anche in Spagna (5,5) e Regno Unito (5,4), mentre le emissioni pro capite di Portogallo (4,8) e Francia (4,6) sono inferiori perché questi paesi generano una quota maggiore di elettricità da fonti nucleari e rinnovabili.

Quindi la Francia emette più tonnellate di anidride carbonica nell’atmosfera della Spagna (258.000 contro 310.000 secondo i dati raccolti dalla Banca Mondiale) ma ogni spagnolo contribuisce al riscaldamento globale con circa una tonnellata di anidride carbonica rispetto ai francesi, e la loro impronta di carbonio triplica Dall’India (il terzo emettitore del pianeta).

Il riscaldamento globale

Ogni spagnolo contribuisce con quasi una tonnellata di anidride carbonica in più rispetto ai francesi

Ciò che si verifica quando si esaminano le emissioni attuali nel mondo è che i paesi con le più alte emissioni nella storia – in linea di principio responsabili degli attuali problemi del cambiamento climatico – non sono oggi i maggiori responsabili delle emissioni.

READ  La scoperta della fisica porta a materiali ottici balistici

Il Regno Unito, che è stato a lungo il principale produttore mondiale di industrializzazione, rappresenta ora solo l’1% delle emissioni globali, quindi – alcuni esperti giustificano – i tagli che potrebbe apportare nei prossimi anni avrebbero un impatto planetario molto limitato. Al contrario, ridurre le emissioni della Cina dell’1% significa evitare più di un miliardo di tonnellate di anidride carbonica nell’atmosfera.


Leggi anche

Rafael Ramos

I manifestanti stanno fuori Woodhouse Colliery, a sud di Whitehaven, prima dell'inchiesta pubblica sui piani controversi per una nuova miniera di carbone profonda sulla costa della Cumbria, a Whitehaven, in Inghilterra, martedì 7 settembre 2021. Il Regno Unito ha aperto al pubblico un'indagine nei piani per la prima nuova miniera di carbone profonda del paese in tre anni decenni tra le lamentele che consentire il progetto manderebbe un messaggio sbagliato mentre il governo cerca di persuadere altri paesi a rinunciare al carbone.  Il ministro delle comunità Robert Jenrick ha ordinato un'indagine a marzo, affermando che il progetto potrebbe essere in conflitto con l'obiettivo del governo #{emoji}128;  #{emoji} 153;  Raggiungere emissioni nette di carbonio zero entro il 2050. (Owen Humphreys/PA via AP)

Ma i paesi in via di sviluppo non considerano giusto che stiano facendo il massimo sforzo per ridurre le emissioni di anidride carbonica quando i paesi occidentali hanno consumato e stanno ancora consumando enormi quantità di combustibili fossili per alimentare le loro economie e mantenere il loro stile di vita. , come indicato dai dati sulle emissioni pro capite.


Leggi anche

Antonio Sirillo

Orizzontale

Queste tensioni tra i maggiori contribuenti del passato ei maggiori esportatori del presente costituiscono una delle sfide più grandi che devono essere risolte per concludere un accordo internazionale al vertice di Glasgow su chi e come dovrebbe agire nei prossimi anni.


Partecipa alla discussione

condividere

Dibattito dei lettori: è possibile invertire il cambiamento climatico?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *