Cento nuove potenziali specie scoperte sott'acqua al largo delle coste del Cile – rts.ch

Cento nuove potenziali specie scoperte sott'acqua al largo delle coste del Cile – rts.ch

Immagini straordinarie scattate nel cuore dell'oceano, al largo delle coste del Cile, hanno permesso agli scienziati di scoprire circa un centinaio di potenziali nuove specie sottomarine. Questi includono pesci e crostacei ma anche coralli.

Gli scienziati hanno poi mappato il fondale marino al largo delle coste del Cile. Ma il viaggio d'istituto Schmidt Oceano Potrebbe aver scoperto dozzine di nuove specie sottomarine.

Abbiamo visto in particolare una foresta di bambù corallo che probabilmente aveva migliaia di anni.

Erin Easton è professore associato presso l'Università del Texas Rio Grande Valley

Pesci rossi usciti da un cartone animato, coralli a spirale, spugne e perfino molluschi e crostacei: il gruppo di ricerca si è imbattuto in un mondo tanto misterioso quanto affascinante, esulta la professoressa Erin Easton, al microfono delle 19:30. con l'Università del Texas Rio Grande Valley.

“Siamo stati in grado di osservare oltre 150 specie che non erano mai state segnalate nella zona e crediamo che un centinaio o più di loro siano nuove per la scienza. In particolare, abbiamo visto una foresta di coralli bambù che probabilmente si contava a migliaia.” Abbiamo anche osservato: “Molte altre specie di coralli hanno sicuramente diverse migliaia di anni”.

Un ecosistema di ricchezza inaspettata

Inizialmente, la spedizione da lei guidata questo mese avrebbe dovuto mappare diverse montagne sottomarine situate al largo delle coste del Cile. I ricercatori hanno quindi inviato un robot sottomarino dotato di telecamere per esplorare le scogliere sommerse. Solo scoprendo queste immagini gli scienziati si sono resi conto dell'importanza della loro scoperta. È appena stato portato alla luce un ecosistema dalla ricchezza inaspettata.

READ  Inizia a sviluppare una tecnologia di comunicazione ottica satellitare 100 volte più veloce in Corea: Dong-A Science

>> Galleria fotografica di alcune scoperte osservate al largo delle coste del Cile:

Ciò è stato seguito da un lavoro prolungato, compreso il prelievo di dozzine di campioni. La loro analisi è appena iniziata per identificare le nuove specie scoperte.

L’unica certezza al momento è che il loro habitat è ormai a rischio, in particolare a causa della pesca a strascico e dell’estrazione mineraria in acque profonde. (scatola di lettura).

Attualmente è stato esplorato solo il 5% delle profondità oceaniche.

Julian von Roten/fgn/sjaq

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *