Capi startup, “nobiltà di spada” di Emmanuel Macron

Le colazioni di lavoro a Bercy, la cena di gala o una piccola commissione all’Eliseo: sempre più capi delle startup francesi portano il portatovagliolo nei palazzi della Repubblica. Se Frédéric Mazzella, fondatore di Blablacar, o Ludovic Le Moan, estromesso a febbraio da Sigfox, sembra solo da tempo, ora è un branco di unicorni (aziende tecnologiche valutate oltre un miliardo di dollari). dollari, ovvero 840 milioni di euro), percorrendo il red carpet non registrato davanti ai fortunati dei prossimi quaranta, questa raccolta di monete che ogni anno vengono selezionate e coccolate. I più contattati hanno registrato nel loro prezioso smartphone il numero “06” di Bruno Le Maire, ministro dell’Economia e delle Finanze, o addirittura Emmanuel Macron.

“Io boicotto, primaImprenditore, non ho avuto accesso: apparire nei prossimi quaranta porte aperte per noi”, testimonia Pierre-Yves Frouen, che nel 2014 ha creato BioSerenity, un giovane diagnostico medico di crescita per la crescita eccessiva. I nostri problemi sono pratici, ciò che conta per noi è risolvere i problemi. Elysée e Percy ci chiedono regolarmente come funzionano le cose in altri paesi, al fine di migliorare la competitività della Francia. “ Nel 2019, la prima promozione per Next 40 ha così ottenuto una procedura di visto accelerata per i “talenti” provenienti dagli Stati Uniti o da Hong Kong.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Finanziare le startup: il governo alza le ambizioni

“Siamo un popolo opportunista. Quando ci viene offerto l’accesso alle tasse o ad altri servizi governativi, lo acquisiamo”., risponde Olivier Joy, fondatore della piattaforma di crowdfunding in ottobre, che è anche membro di Next 40. Nella primavera del 2020, l’imprenditore ha vinto la causa con Bercy in modo che le piattaforme di crowdfunding potessero distribuire prestiti garantiti dallo stato (PGE ) ai loro clienti. Il 25 marzo, il governo ha inizialmente limitato le sovvenzioni EMP alle società bancarie. “Beneficiamo ascoltando Percy. Abbiamo avuto lo stesso diritto anche in Italia e Olanda. Solo Spagna e Germania hanno rifiutato la nostra richiesta”Il signor Joy aggiunge.

READ  L'Italia ha segnalato 9.148 casi di Covid-19 e 144 decessi entro 24 ore

“C’è un match tra startup e mondo maconiano”

Chi avrebbe pensato che questo fosse possibile? Fondata nel 2015 per riunire giovani aziende tecnologiche emergenti nel settore finanziario, la France FinTech Association è ora tra i suoi partner… Banque de France. “Siamo al fianco delle startup”, ha colpito il governatore François Villeroy de Gallo a 1lui è Aprile, in occasione di uno dei tanti eventi organizzati dalla Fondazione a favore dell’innovazione. “La regolamentazione contribuisce alla competitività di qualsiasi Paese. Qualche anno fa, questo principio sembrava scioccante nell’Europa continentale, ma alla Banque de France è in atto una vera rivoluzione culturale a sostegno della finanza innovativa e della tecnologia finanziaria, che non impedisce al supervisore dal pretendere”, identifica Alain Clout, Presidente di France FinTech.

Hai il 48,56% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *