Calcio femminile – Forte la sfida contro l’Italia

Inserito

La squadra svizzera ha vinto a pieni voti le prime 4 gare della campagna di qualificazione ai Mondiali 2023. Ma il loro livello non può essere davvero valutato se non dopo il duello contro la Squadra Azzurra.

Non sempre il calcio segue una certa logica: non sempre il risultato finale di una partita ne rispecchia la fisionomia. Venerdì gli svizzeri hanno sorvolato i dibattiti contro la Romania, ma si sono accontentati di un 2-0. Hanno creato una miriade di opportunità dettando un ritmo elevato e non ne hanno concesso. Un’ampia superiorità che non si è riflessa sulla bacheca, lasciando un piccolo assaggio di affari incompiuti. “Con un po’ più di successo, avremmo potuto battere i rumeni 5 o 6-0, e lì tutti avrebbero detto che avevamo fatto una grande partita”, ha riassunto Ana-Maria Crnogorcevic. Non possiamo che essere d’accordo con lui, se finalmente tre dei quattro importi fossero finiti in fondo, la Svizzera avrebbe festeggiato una vittoria esplosiva.

Martedì contro la Croazia, gli elvezi hanno vinto quanto basta per rispondere allo 0-5 inflitto dall’Italia alla Lituania e conservare così il primo posto nel girone G. Ma questo punteggio di 5-0 non rispecchia le difficoltà che hanno provato a superare una squadra si diceva che fosse più friabile dell’ostacolo rumeno. “Vincere con cinque gol di vantaggio significa che abbiamo fatto una buona partita”, ha commentato Noelle Maritz. Di nuovo, difficile dire il contrario, anche se i Nati concedevano ai croati alcune azioni di rottura che avrebbero potuto far male. L’essenziale è stato curato, e alla fine sono i gol che contano nel calcio. “Non posso essere felice”, ha aggiunto l’allenatore Nils Nielsen, ma non del tutto soddisfatto.

READ  Al via il processo a Matteo Salvini, processato per aver bloccato i migranti in mare

Tuttavia, la squadra svizzera non si è davvero rassicurata prima della sfida contro l’Italia a fine novembre a Palermo. Nel senso che non ha confermato la sua progressione nel gioco. “Oggi non siamo stati così prepotenti come avremmo voluto, ha ammesso l’allenatore della nazionale. La nostra qualità di passaggio è stata un po’ carente, e ci è mancata la precisione”. È vero, La Nati non ha lasciato questa impressione di controllo nella circolazione del pallone che aveva dato in queste ultime uscite.

Una squadra fiduciosa

Nils Nielsen ha però preferito vedere il bicchiere mezzo pieno e ha sottolineato l’attitudine conquistatrice della sua squadra. “Sono felice che quasi in ogni partita continuiamo ad andare avanti per segnare gol fino alla fine della partita”. In effetti, lo stato d’animo svizzero è degno di lode. La squadra sta progredendo nel gioco, rispetto a 6 mesi fa. E questo si riflette anche nell’atteggiamento dei giocatori, che sono fiduciosi.

Ramona Bachmann al PSG, Ana-Maria Crnogorcevic al Barça, Lia Wälti e Noelle Maritz all’Arsenal sono tutte in testa ai rispettivi campionati con una serie di vittorie. Per non parlare di Lara Marti, Irina Pando del Bayer Leverkusen, né Luana Bühler dell’Hoffenheim, né Sandrine Mauron del Francoforte, né Coumba Sow del Paris FC, che giocano regolarmente in squadre che giocano ruoli da protagonista in Germania e Francia. Tutto questo porta ad una dinamica positiva che si fa sentire nel gruppo. E chi può dare qualcosa di molto interessante. Non è anche caratteristico delle grandi squadre vincere le partite senza brillare, come contro i croati?

Ovviamente la Svizzera non fa ancora parte del gratin europeo. Ma lei aspira a competere con i migliori. Cresce e progredisce insieme, continua il suo apprendimento, su un sentiero che non è un lungo fiume tranquillo. Forte lo shock contro l’Italia del 26 novembre, per poter davvero localizzare questa selezione nazionale a poco più di 7 mesi dall’Euro in Inghilterra.

READ  Vela. Vela GP. Bene e male per i francesi in Italia - Vela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *