Spagna e Italia inaspriscono le condizioni di ingresso

Plaza de Cibeles, a Madrid.

Dopo la Germania della scorsa settimana, i paesi confinanti con la Francia sono irti di barriere contro la diffusione del virus, particolarmente elevate in Francia. La Spagna ha chiesto dal 30 marzo un test PCR o TMA negativo risalente a 72 ore quando si entra nel suo territorio, sia via terra – auto o treno -, aria o mare. Le uniche eccezioni seguenti sono i professionisti del trasporto su strada, i lavoratori transfrontalieri e le persone che vivono nella zona di confine, a condizione che rimangano entro un raggio di 30 chilometri intorno alla loro casa. Per quanto riguarda i biglietti aerei e navali, ” i passeggeri in transito attraverso un aeroporto o porto spagnolo con destinazione finale in un paese terzo non sono soggetti all’obbligo di prova PCR / TMA“, Specifica l’Ambasciata di Spagna.

Da parte sua, l’Italia, secondo AFP citando un funzionario del ministero della Salute italiano, dovrebbe presto richiedere a qualsiasi viaggiatore proveniente da un paese dell’Unione Europea di fornire una nuova prova della propria salute, vale a dire un test negativo prima della partenza, rispetto di una quarantena di cinque giorni, prima di un nuovo test alla fine di questo periodo. L’entrata in vigore di queste misure, che riguardano sia i viaggiatori in arrivo che quelli in partenza, è ancora sconosciuta.

Come promemoria, La Germania ha rafforzato i suoi controlli attorno ai suoi confini terrestri con la Francia, ma anche con la Danimarca e la Polonia. Venerdì scorso l’intera Francia è stata classificata come area “ad alto rischio”, compresi i suoi territori d’oltremare, da qui la necessità di poter presentare alle autorità un test negativo inferiore a quarantotto ore, periodo di quarantena all’arrivo in il paese è richiesto anche per i viaggiatori provenienti dalla Francia esclusi i lavoratori frontalieri. Secondo la stampa tedesca, la Germania impone anche un test negativo obbligatorio per i passeggeri degli aerei, soprattutto dell’UE.

READ  Alfa Romeo Giulia, un rinascimento italiano

Arnaud Deltenre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *