Biomedia inquinamento, la Corsica segue il processo italiano

Sul spiagge, nel Dopo e ora a Tribunale. Il media filtrante, o biomedicale, questi piccoli dischi di plastica fuggito da impianti di trattamento e raccolti da migliaia sulle spiagge di mediterraneo, sono oggetto di a prova che ha aperto questo lunedì a Italia, a Salerno.

LEGGI ANCHE: VIDEO. Mare Vivu combatte l’inquinamento biomedico

Ai piedi della sublime Penisola Amalfitana, un impianto di depurazione aveva liberato, nel febbraio 2018, oltre 130 milioni di biomedia, provocando un vasto inquinamento marino che si è diffuso ben oltre la costa campana: dalla Sicilia alla Costa Azzurra, via Sardegna e Corsica, migliaia di piccoli dischi di plastica avevano invaso le spiagge.

Diverse associazioni italiane di tutela ambientale si sono unite come parte civile. Otto persone responsabili dell’impianto di depurazione difettoso, tra cui un rappresentante dell’azienda francese Veolia che aveva eseguito i lavori nell’impianto di depurazione, sono perseguite per “disastro ambientale” e rischio, secondo la legge italiana, fino a 15 anni in prigione.

“Dobbiamo andare in tribunale”

In Corsica, le prime segnalazioni della presenza di queste biomedie sulle coste sono avvenute nella primavera 2018 a La Marana. L’indagine sulle associazioni locali e nazionali, così come la modellizzazione delle correnti Ifremer, ha permesso di capire cosa fossero questi strani grafici a torta e da dove potessero venire.

Ma il depuratore italiano portato in giudizio non è probabilmente l’unico colpevole: le spiagge della costa orientale della Corsica sono regolarmente invase da queste biomedie. Il 7 febbraio l’associazione Mare Vivu ei suoi volontari ne hanno raccolti più di 50.000 tra la foce dello stagno Biguglia e l’hotel Pineto, a meno di 4 km.

A seguito di questa raccolta, la direzione di Acqua Publica, che gestisce l’impianto di depurazione di Bastia Sud, ha riconosciuto che “L’evidente difetto di progettazione dell’attuale impianto di depurazione di Bastia Sud è all’origine di questo inquinamento.

READ  Il numero di contagi da coronavirus in Italia aumenta notevolmente

Se, per il momento, nessuna associazione insulare intende sporgere denuncia, l’esempio italiano va applaudito. “È ovvio che bisogna andare in tribunale perché altrimenti c’è un clima di impunità il che significa che i responsabili che sono all’origine di disfunzioni e danni alla salute dell’intera popolazione non mettono in atto nemmeno mezzi per ripulire», Dichiara Pierre-Ange Guidicelli, dell’associazione Mare Vivu.

Se risolvono quello che hanno fatto, bene, ma se continua possiamo andare in tribunale“, aggiunge Laurence Constantin, presidente dell’associazione Global Earth Keeper.

Anche se in Francia non è stata ancora intrapresa alcuna azione legale per questo tipo di inquinamento, l’avvocato Gérard Tiberi ritiene che le associazioni sarebbero del tutto giustificate a sporgere denuncia: “Sembra ovvio che questo sia un reato.

“Il fastidio è evidente e gli autori non possono difendersi dicendo che non lo sapevano: può succedere che ci sia un difetto involontario nell’installazione ma i gestori devono individuarlo immediatamente. Le comunità sono responsabili. Garantire la pulizia dei cittadini e strutture, i sindaci hanno persino poteri di polizia che li obbligano a garantire ciò“, spiega Me Tiberio.

Mentre molte associazioni indietreggiano dinanzi all’azione legale per mancanza di conoscenza dell’autore dei fatti, l’avvocato ricorda che una denuncia ha proprio lo scopo di aprire un’indagine per identificare gli autori del reato.

Le biomedie, utilizzate negli impianti di trattamento delle acque reflue per riparare i batteri in grado di purificare l’acqua, vengono rilasciate nell’ambiente naturale durante incidenti, guasti o forti precipitazioni che causano il trabocco delle piscine.

Come tutti gli oggetti in plastica, una volta nell’ambiente e sottoposti a raggi UV, onde, acqua salata, si frammentano e si decompongono in piccoli pezzi che entrano nella catena alimentare “, ricorda Clément Moreno, responsabile per la scienza partecipativa per Surfrider Foundation Europe.

READ  Trump pensa di "perdonare" i suoi figli. E il ministro della Giustizia: "Vota, niente truffe" - Corriere.it

Inquinamento già massiccio intorno alla Corsica: la concentrazione di microplastiche raggiunge i 10,43 kg per chilometro quadrato tra Cap Corse e l’isola di Capraia, venti volte superiore alla media del Mediterraneo occidentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *