Genoma del batterio E. coli di 500 anni ricostruito da mummia italiana

Che provengano dall’Egitto, dal Cile, dall’Italia o da altri paesi, le mummie sono vere e proprie miniere di informazioni per conoscere meglio lo stile di vita delle popolazioni antiche ma anche il loro stato di salute. Grazie alle cure a cui sono stati sottoposti, molti di loro hanno testimoniato la presenza di varie malattie o infezioni nel defunto.

Alcuni hanno persino mostrato tracce di parassiti, funghi o persino batteri. Uno studio pubblicato questa settimana nella recensione Biologia delle comunicazioni oggi offre un nuovo esempio. Da una mummia italiana del XVI secolo, un team internazionale è riuscito a identificare e ricostruire il primo genoma antico di un batterio Escherichia coli.

E.coli è un cosiddetto batterio commensale. Risiede naturalmente nel nostro intestino (e in quello di tutti i mammiferi) senza causare alcun danno. La stragrande maggioranza dei ceppi è quindi considerata non pericolosa. Tuttavia, alcuni possono causare intossicazione alimentare e infezioni gravi, a volte fatali.

Lo è in particolare E.coli che è regolarmente implicato in casi di richiamo di prodotti e avvelenamento come quello che ha recentemente riguardato il marchio Buitoni. Ma cos’era prima? Al momento, secondo gli scienziati, non esiste alcuna registrazione storica di decessi causati da agenti patogeni opportunisti come questo batterio.

I calcoli biliari di un nobile morto nel 1586

Da qui l’importanza dei progressi compiuti dal team composto da ricercatori canadesi, italiani e francesi. Per condurre il loro studio si servirono delle spoglie mummificate di nobili italiani rinvenute nell’Abbazia di San Domenico Maggiore a Napoli nel 1983. Tra loro c’era Giovani d’Avalos, nobile napoletano morto nel 1586 all’età di 48 anni. .

⋙ Sicilia: a Palermo, queste imponenti mummie che fanno rivivere il passato

READ  GustoMassimo Paris, un autentico ristorante italiano di piatti da condividere

Le analisi effettuate sui suoi resti hanno mostrato che l’uomo presentava calcoli biliari intatti che potrebbero essere collegati a un’infiammazione cronica della cistifellea. “Quando abbiamo esaminato questi resti, non c’erano prove che quest’uomo fosse portatore di E. coli“, ha spiegato George Long, ricercatore presso la McMaster University (Canada) e primo autore del rapporto.

I ricercatori hanno condotto le loro analisi dalla mummia di un nobile napoletano morto nel 1586. © Divisione di Paleopatologia dell’Università di Pisa

A differenza di un’infezione come il vaiolo, non c’erano indicatori fisiologici. Nessuno sapeva cosa avesse“, ha proseguito in a comunicato stampa universitario. Fino a quando gli scienziati non si sono interessati ai calcoli biliari umani che hanno rivelato la presenza dei famosi batteri.

Frammenti sono stati estratti da uno dei calcoli e affidati al team del professor Erick Denamur dell’Università di Paris Cité, specialista in genetica delle popolazioni diE.coli. Grazie a un lavoro meticoloso, gli scienziati sono riusciti a isolare porzioni del batterio di 500 anni prima di ricostruirne il genoma e analizzarlo.

È stato così commovente digitare questo antico E. coli e scoprire che era quasi unico ma che faceva parte di un lignaggio filogenetico caratteristico dei commensali umani che oggi causano la colecistite (infiammazione cronica della cistifellea, ndr)”, ha commentato Erick Denamur ripreso in un comunicato stampa.

Un nuovo punto di confronto

Secondo il team, questo è il primo genoma antico diE.coli ricostituito. E apre molte prospettive. Fornendo un punto di confronto con i ceppi moderni, fornisce nuove informazioni per studiare l’evoluzione del batterio e il suo adattamento negli ultimi cinque secoli.

READ  Il ritrovo: Bvlgari Hotel Paris, lusso italiano

Pertanto, la sua analisi ha concluso, ad esempio, l’assenza di alcuni fattori chiave di virulenza osservati negli attuali ceppi considerati molto patogeni come E. coli che producono shigatossine (STEC) o E.coli malattia enteroemorragica (ETEC) in grado di causare diarrea e complicazioni potenzialmente fatali.

Questo genoma offre anche una visione senza precedenti delle malattie di cui un tempo le popolazioni soffrivano e che rimangono meno conosciute delle pandemie ben documentate come la peste nera. “La nostra ricostruzione di questo antico E. coli aiuta a dipingere un quadro più completo del carico di infezioni opportunistiche in passato.“, sottolineano gli autori nella loro relazione.

Tuttavia, questo lavoro potrebbe anche avere implicazioni nel presente aiutando a prevedere le potenziali evoluzioni diE.coli in termini di virulenza e resistenza e anche di altri patogeni opportunisti.

Leggi anche:

Come un feto è rimasto conservato per 2000 anni in una mummia egiziana

Come un feto è rimasto conservato per 2000 anni in una mummia egiziana

Gli scienziati cercheranno di svelare i segreti delle mummie infantili nelle catacombe di Palermo

Gli scienziati cercheranno di svelare i segreti delle mummie infantili nelle catacombe di Palermo

Egitto: gli scienziati

Egitto: gli scienziati “scartano” digitalmente la mummia di Amenhotep I per la prima volta in 3.000 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.