Avvio di un ambizioso progetto di ricerca sulle foreste dell'Outaouais

Avvio di un ambizioso progetto di ricerca sulle foreste dell'Outaouais

È Christian Messier, professore di Gestione forestale e biodiversità presso l'Istituto di scienze delle foreste temperate (ISFORT-UQO), a prendere le redini di questo progetto unico che può contare su un finanziamento di 7,5 milioni di dollari da parte del Natural Sciences and Engineering Research Council of Canada (NSERC).

“È divertente, non conosco nessuno che direbbe: non mi piace il legno, ma la maggior parte delle persone dice: non voglio abbattere gli alberi”. “È un paradosso ed è inconciliabile”, ha esclamato la persona che crede che la ricerca futura potrebbe potenzialmente “influenzare le pratiche forestali in tutto il pianeta”.

Più flessibile”

Il progetto di ricerca, implementato attraverso il Programma Alliance in collaborazione con MITACS e numerose aziende forestali, nazioni indigene, partner governativi, proprietari del settore privato e organizzazioni no-profit da costa a costa, mira a trovare modi per diversificare in modo che le nostre foreste diventino più “ resiliente” in un contesto che cambia.

“Stiamo lanciando cose che non accadono abbastanza spesso, riunendo ricercatori, partner, governi provinciali e altri”. non ci sono molte possibilità per progetti nazionali”, dichiara il signor Messier.

La foresta canadese è minacciata da tutti i lati

A questo progetto di ricerca parteciperanno ricercatori provenienti da diversi ambiti, dall’economia alle scienze sociali e alla biologia, senza contare la partecipazione di una ventina di studenti di master, dottorato e post-laurea.

“L’idea alla base del mio progetto è che la foresta canadese è minacciata dalla siccità, dagli incendi, dagli insetti e da malattie sempre più diverse, che provengono da tutto il mondo a causa del nostro commercio. Da molto tempo osservo come si sta evolvendo la foresta. e ci sono sempre più morti e disordini nelle nostre foreste.

Christian Messier, Professore di Gestione forestale e Biodiversità presso l'Istituto di Scienze delle Foreste Temperate (ISFORT-UQO)

Tuttavia, aggiunge l’esperto, il problema è che la natura non riuscirà ad adattarsi abbastanza velocemente a questi cambiamenti, la cui velocità è ormai diventata enorme.

READ  Test della personalità: scegli una famiglia e scopri cosa desideri di più!

“Si dice spesso che la foresta si adatta continuamente. Sì, prima, ma ora non si adatterà più. I cambiamenti sono 10 o 20 volte più rapidi di prima. Dobbiamo aiutarla”, avverte Messier.

Diversificato… come un fondo pensione

Secondo quest’ultimo, quando inizieremo a tagliare gli alberi, dovremo agire più attentamente a monte per garantire una maggiore diversità di specie che renderà la foresta “più resistente, resiliente e meglio adattata ai cambiamenti climatici”. .

“Le foreste, che consideriamo sempre negativamente come distruttrici della foresta, possono diventare un alleato, se cambiamo le cose, e aiutiamo la foresta ad adattarsi, cercando di rigenerare non solo quelle che chiamiamo specie commerciali”, spiega. L'analogia che faccio a chi lo conosce meno è un fondo pensione. Poche persone depositano i soldi della pensione esclusivamente in Tesla, Apple o in una banca. Diversificano dicendosi che accadranno molte cose e, alla fine, avranno un reddito costante. La foresta è la stessa cosa”.

La chiave per realizzare questa trasformazione, secondo il professor Christian Messier, è che tutte le parti interessate della società lavorino insieme e tengano conto di una prospettiva di adattamento.

Christian Messier insiste sul fatto che la scienza ambientale ha fatto molti progressi e ha dimostrato che i sistemi che si adattano meglio sono quelli che hanno “più diversità, con molta interazione”. Aggiunge che questo è esattamente ciò che il progetto vuole testare.

“Se avremo successo, potremmo rendere il disboscamento e la gestione delle foreste meno difficili per i residenti. […] Il legno è un materiale molto interessante e ne avremo ancora bisogno. Inoltre, abbattendo gli alberi, possiamo aiutare la foresta a mantenersi e continuare a fornire altri servizi, come la fissazione del carbonio, la stabilizzazione dell’acqua e la conservazione della biodiversità, afferma il professore. La questione è biologica, ma anche economica, ambientale e sociale.

READ  Venere: il fenomeno RAR che si verifica oggi nell'universo

Errori “incredibili”.

Messier afferma che la chiave per realizzare questa trasformazione è che tutte le parti interessate nella società lavorino insieme e tengano presente una prospettiva di adattamento.

“Crediamo di poter vincere questa sfida. Una soluzione per combattere il cambiamento climatico è usare più legno, meno cemento e meno metalli. Qui questo progetto può conciliare le due cose. Ho l’impressione che se avremo successo, convertiremo di più e più Persone, mostriamo loro il lato positivo.”

Tuttavia, è il primo ad alzare la mano per dire che capisce perché i residenti sono così arrabbiati quando si parla di disboscamento.

“Abbiamo commesso errori incredibili (in passato), abbiamo abbattuto foreste che non si rigeneravano bene, abbiamo causato erosione, e lo facciamo ancora. Quando abbattiamo le foreste tendiamo a semplificarle perché vogliamo favorirne alcune specie commerciali”, insiste l’esperto. […] Come facciamo a sapere che tra 60 anni coltiveremo l'abete bianco e che il tiglio o il pioppo non diventeranno le specie più interessanti? Contiamo su questo per convincere il governo e le industrie a diversificare le foreste.

È molto critico e dice che il Canada è uno studente che ha ancora molto da imparare in termini di gestione delle foreste, senza essere stupido.

“Nel complesso, quello che stiamo facendo non è molto buono, e penso che dobbiamo cambiare, ma ci troviamo nel bene e nel male. Abbiamo l'opportunità di diventare leader migliori. La mia visione è modernizzare e rivoluzionare la pratica in Quebec per avere un impatto sul resto del mondo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *