Apple pagherà di più agli artisti per l’audio spaziale su Apple Music

Apple pagherà di più agli artisti per l’audio spaziale su Apple Music

Crediti immagine: TechCrunch

Secondo il Daily Mail britannico, a partire da questo mese Apple pagherà una tariffa aggiuntiva agli artisti che dispongono di una versione audio spaziale su Apple Music. parecchi Rapporti.

Secondo un rapporto di 9to5Mac. Ma il denaro extra non dipende dal fatto che gli utenti riproducano la versione con audio spaziale.

In una nota inviata agli artisti (trans La musica agisce in tutto il mondo), il denaro aggiuntivo è calcolato in base al rapporto tra rilascio spaziale disponibile e rilascio non spaziale disponibile.

“Le quote proporzionali per le corse spaziali disponibili saranno calcolate utilizzando un fattore di 1,1 mentre le corse disponibili non spaziali continueranno a utilizzare un fattore di 1”, si legge nella nota. “Questo cambiamento ha lo scopo non solo di premiare contenuti di alta qualità, ma anche di garantire che gli artisti siano ricompensati per il tempo e gli investimenti che investono nel mixaggio spaziale”.

La nota afferma inoltre che da quando Apple ha lanciato l'audio spaziale nel 2021, c'è stato un aumento del 5.000% dei brani disponibili in questo formato senza specificare numeri esatti.

in dicembre, Bloomberg È stato riferito che Apple sta pianificando di offrire incentivi agli artisti per aggiungere brani ad Apple Music mixati con Dolby Atmos.

Anche i concorrenti di Apple Music, tra cui Amazon Prime Music, Tidal e Deezer, offrono offerte spaziali. Sebbene Spotify parli del lancio di un livello Hi-Fi ormai da alcuni anni, deve ancora essere lanciato ufficialmente.

L'annuncio di Apple arriva in un momento in cui l'Unione Europea sta spingendo per norme volte a garantire una migliore distribuzione dei ricavi agli artisti provenienti dai servizi di streaming musicale. La società non ha commentato immediatamente la vicenda.

READ  OnePlus 11 ottiene l'aggiornamento stabile ad Android 14

L'anno scorso, Spotify ha cambiato le sue regole sulle royalty per rendere ammissibili al risarcimento dei danni solo i brani con più di 1.000 stream negli ultimi 12 mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *