Apple ha preso in considerazione la possibilità di sostituire Google con il suo motore di ricerca DuckDuckGo

Apple ha preso in considerazione la possibilità di sostituire Google con il suo motore di ricerca DuckDuckGo

Gabriel Weinberg, amministratore delegato di DuckDuckGo. Drago/Bloomberg tramite Getty Images

Apple Inc. ha condotto Trattative con DuckDuckGo per sostituire Google di Alphabet Inc. come motore di ricerca predefinito in modalità privata sul browser Safari di Apple, ma alla fine ha rifiutato l’idea.

Dettagli di quelle conversazioni e discussioni di Apple sull’acquisto Microsoft CorporationIl motore di ricerca di Bing, Bing, è stato smascherato nel 2018 e nel 2020, mercoledì scorso, nelle trascrizioni rivelate dal giudice che sovrintende al processo antitrust del governo degli Stati Uniti contro Google.

Mercoledì il giudice distrettuale degli Stati Uniti Amit Mehta ha stabilito che avrebbe svelato la testimonianza del CEO di DuckDuckGo Gabriel Weinberg e del CEO di Apple John Giannandrea, entrambi i quali hanno testimoniato nel processo di Washington a porte chiuse.

Weinberg ha testimoniato che DuckDuckGo ha avuto circa 20 incontri e telefonate con i dirigenti Apple, incluso il capo di Safari, nel 2018 e nel 2019 per diventare il motore di ricerca predefinito per la modalità di navigazione privata. In modalità Privata, Safari non tiene traccia dei siti Web visitati da un utente né tiene un registro di ciò a cui una persona ha avuto accesso.

“Ne stavamo parlando e pensavo che l’avrebbero rilasciato”, ha detto Weinberg, sottolineando che Apple ha integrato molte delle altre tecnologie per la privacy di DuckDuckGo in Safari. “Abbiamo ottenuto diverse integrazioni oltre il traguardo. In realtà, praticamente tutto ciò che abbiamo implementato tranne la ricerca.

Ma Giannandrea, che è entrato in Apple come responsabile della ricerca nel 2018, ha affermato che, a sua conoscenza, Apple non aveva preso in considerazione il passaggio a DuckDuckGo. In un’e-mail del febbraio 2019 ad altri dirigenti Apple, Giannandrea ha affermato che passare a DuckDuckGo per la navigazione privata in Safari “è stata probabilmente una cattiva idea”.

READ  LG ULTRAGEEAR presenta il primo monitor da gioco OLED 4K al mondo con funzionalità DUAL-HZ

Giannandrea ha testimoniato che “il fattore motivante per impostare DuckDuckGo come opzione predefinita per la navigazione privata era il presupposto” che sarebbe stata più privata. Poiché DuckDuckGo si affida a Bing per le sue informazioni di ricerca, probabilmente fornisce anche a Microsoft alcune informazioni sull’utente, ha detto, portandolo a credere che “il marketing di DuckDuckGo sulla privacy sia in qualche modo incoerente con i dettagli”.

Se Apple volesse seriamente passare a DuckDuckGo, “probabilmente insisterei per fare più due diligence con DuckDuckGo”, ha detto.

DuckDuckGo ha rifiutato di commentare la sentenza del giudice. Apple non ha risposto a una richiesta di commento.

Il Dipartimento di Giustizia sostiene che Google abbia pagato Apple e altri miliardi di dollari per diventare il motore di ricerca predefinito sui browser web e sugli smartphone. Questi accordi hanno impedito ad altri motori di ricerca, come Bing e DuckDuckGo di Microsoft, di aumentare gli utenti e diventare concorrenti di Google, secondo le autorità antitrust federali e statali.

In contrasto con i suoi commenti su DuckDuckGo, Giannandrea ha detto che il CEO di Apple, Tim Cook, gli ha chiesto di parlare con i dirigenti di Microsoft nel 2018 sulla possibilità di utilizzare il motore di ricerca di Bing per Safari. Ha detto che le due società hanno tenuto una serie di incontri nell’autunno del 2018 e di nuovo a Natale 2020 per discutere di una joint venture o di una possibile vendita di Bing ad Apple.

Nell’ambito dei colloqui, Apple ha studiato i risultati di ricerca di Bing rispetto ai risultati di ricerca di Google. Uno studio del maggio 2021 ha rilevato che Google ha fornito risultati migliori ovunque tranne che per le informazioni di ricerca in inglese su desktop, dove i risultati di Bing sono correlati ai risultati di Google.

READ  Lo studio ha rilevato che il 94% dei collegamenti SGE di Google differiscono dai risultati di ricerca organici

L’amministratore delegato di Microsoft, Satya Nadella Lunedì ha testimoniato Delle trattative della sua azienda per convincere Apple a rendere Bing il motore di ricerca predefinito in Safari invece di Google. Nadella ha affermato che Microsoft è pronta a perdere miliardi di dollari se Apple effettua questo cambiamento.

Mercoledì Mehta ha stabilito che la testimonianza di Weinberg e Gianandrea “va al nocciolo del caso” e dovrebbe essere resa pubblica. Anche alcune testimonianze su discussioni simili tra Microsoft e Apple non sono state rese pubbliche.

“Stai parlando di accordi di partnership – sto parlando di testimonianze riguardanti potenziali accordi tra Microsoft e Apple e DuckDuckGo e Apple – che saranno divulgati”, ha detto Mehta in un’ordinanza del tribunale, aggiungendo che li considerava “critici per la caso.”

Apple e Google hanno richiesto che il certificato rimanesse privato. Mehta ha affermato di aver esaminato le trascrizioni “riga per riga” e di aver rilasciato i commenti dei dirigenti escludendo i segreti commerciali, come i nomi dei progetti all’interno di Apple e gli esatti numeri finanziari in discussione.

    – Con l’assistenza di Mark Gorman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *