Anche a 300 euro, la multa maschera in Grecia è tra le più alte d’Europa

Risentimento e molte discussioni derivanti dall’annuncio di Kyriakos Mitsotakis di aumentare la multa per trasporti non necessari e di non utilizzare una maschera da 300 a 500 euro.

Lo stesso presidente del Consiglio sembra essersi reso conto del fastidio provocato dalle elezioni, avendo annunciato nella sua introduzione in Parlamento che la multa sarebbe stata aumentata, e infine annunciato nella sua trilogia che la multa sarebbe rimasta a 300 euro per dieci giorni, durante i quali sarebbe stato valutato il rispetto delle misure da parte delle persone.

In questo contesto, è interessante confrontare l’importo della multa per la maschera in altri paesi europei e in Grecia. Pertanto, scopriremo presto che la Grecia ha una delle multe più alte di tutta Europa, nonostante abbia anche uno dei salari minimi più bassi del blocco.

Istruttivamente, alcuni esempi:

  • In Gran Bretagna, dove l’uso della maschera è obbligatorio nei MMM ea casa, gli autori pagano una multa di 200 yen (225 euro), che viene dimezzata se pagata entro i primi 10 giorni. Se c’è un’altra violazione, la multa sale a 400 sterline (450 euro) per la seconda volta, a 800 (9 euro) per la terza volta e può arrivare a 6.400 sterline.
  • In Francia la multa per non aver usato una maschera è di 135 €. Se infrangi nuovamente la legge entro 15 giorni, la multa è fino a 1.500 euro. Se commetti un reato per la terza volta in un mese, la multa è di 3.750 euro e l’autore rischia fino a 6 mesi di reclusione.
  • In Germania, ogni stato decide quanto multa per non aver indossato una maschera. Di regola, in tutto il paese è prevista una multa di almeno 50 euro. Nella Renania-Westfalia, dove si trova Colonia, la multa arriva fino a 150 €.
  • Nei Paesi Bassi la multa arriva fino a 95 €.
  • In Spagna è prevista una multa di 100 euro.
  • In Belgio l’importo “campanello” per mancato utilizzo della maschera e spostamenti non necessari ammonta a 250 euro.
  • Solo in Italia, dove si applicano le stesse misure di blocco draconiane della Grecia, le multe sono così severe. Per la maschera e il movimento inutile, la multa è compresa tra 400 e 1000 euro, e una riduzione del 30% se il pagamento viene effettuato entro cinque giorni.
READ  Grecia e Turchia combattono il caldo e gli incendi durante la dura estate europea

Da questi numeri risulta che più le misure sono restrittive, più elevate sono le ammende. In Italia e in Grecia, che hanno alcune delle misure di blocco più severe in Europa, le multe sono altrettanto severe. È logico che i paesi più pericolosi con il coronavirus penalizzerebbero i trasgressori che mettono in pericolo la salute pubblica.

Ciò che può essere considerato assurdo è il fatto che i paesi dell’Europa meridionale, dove il reddito mensile medio è molto più basso, penalizzano i trasgressori mascherati con somme vicine allo stipendio. Al contrario, i paesi nordici e ricchi sono più “indulgenti” nelle loro regole di mascheramento.

A titolo indicativo, la scala salariale mensile media nell’Unione europea. Nel 2018:

L’obiettivo non sono le multe, ma la conformità

Un altro fatto interessante è che molti paesi impongono multe crescenti ai recidivi. In questo modo, la compliance è ottenuta meglio, poiché la persona che ha violato le procedure la prima volta penserà meglio e farà attenzione la prossima volta a non essere punita con una penalità “pungente”.

Al contrario, in Grecia arrivano i 300 euro “tristi” una volta e poi possono tornare.

Catherine Heimer del dipartimento dell’ordine pubblico municipale di Colonia ha spiegato la multa di 150 euro In Deutsche Welle“Le persone sono arrabbiate perché è una multa molto grande. Tutti possiamo capire la causa del dolore, ma in questo contesto, le persone hanno bisogno di imparare. Facciamo sempre del nostro meglio per spiegarglielo”.

È difficile determinare e confrontare se esiste un impegno a misure in Grecia e in Italia in relazione a una Germania “legittima”. Qualcuno direbbe che le multe potrebbero essere più alte nel nostro Paese a causa della mancanza di ispezioni diffuse, facendo sì che molti fuggano.

READ  Vertice Euromed 9: Vertice mediterraneo con un'agenda fitta

I greci hanno finalmente pagato le loro multe?

Dipendente Articolo di notizie Da novembre l’80% delle multe riconosciute ai cittadini non sono state pagate per non aver utilizzato la maschera, non aver inviato sms e viaggi inutili, mentre molti sono quelli che trasferiscono questi pagamenti – per difficoltà finanziarie – in futuro, quando non sarà più necessario. Dall’ufficio delle imposte.

Inoltre, per il 16% delle violazioni registrate, le contestazioni vengono presentate ai competenti comitati di opposizione, basandosi principalmente su certificati medici, soprattutto su problemi respiratori o malattie gravi.

Allo stesso tempo, il 56% dei manager di società di ristorazione in cui sono state registrate violazioni (da maggio) non ha pagato multe per centinaia di migliaia di euro, sostenendo di non avere il tempo di adeguarsi ai nuovi dati o di difficoltà finanziarie.

Parlando con “NEA”, l’avvocato Evangelos Papagiannis, che si occupa di casi correlati, ha osservato che i proprietari dei negozi spesso invocano l’ignoranza delle procedure correnti, ma invocano anche margini “stretti” per informazioni e aggiustamenti. “Tuttavia, le cattive condizioni finanziarie dei negozianti non vengono prese in considerazione e l’ammenda non è proporzionale al volume delle vendite delle società”, aggiunge.

La questione dell’incapacità dei greci colpiti dalla crisi di pagare le proprie multe ritorna con l’epidemia. Va notato che molte discussioni si sono svolte quando il governo di Syriza ha deciso di ridurre le ammende in tutte le categorie per le violazioni del KOK.

Segui lei Nel Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità
Guarda le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *