7 aziende su 10 manterranno i propri dipendenti

Phosphotos / Alexandros Catsis

Il 60% delle aziende ritiene che gli effetti dell’epidemia siano più gravi degli effetti della crisi economica. Tuttavia, un’impresa su due (45,7%) prevede che gli impatti saranno relativamente a breve termine (entro la fine del 2021).

Questi sono i risultati della scansione MRB (quarta consecutiva) sulla BSE Business Pulse 2020. Le conclusioni principali includono anche quanto segue:

  • La stragrande maggioranza delle aziende (70%) afferma che manterrà stabili i propri dipendenti, mentre meno del 10% afferma che si ridurrà.
  • La digitalizzazione dello Stato è una storia di successo degli interventi di riforma dello scorso anno. I servizi pubblici con identità digitale (KEP, portale digitale gov.gr e businessportal.gr) hanno conquistato la fiducia delle aziende.
  • In particolare, KEP ha ottenuto il primo posto nel 2020, nonostante un calo del punteggio di soddisfazione entro le 15 pm. Per quanto riguarda l’anno 2019 (una possibile spiegazione è la ‘sostituzione’ di molti suoi servizi con il nuovo portale digitale per la pubblica amministrazione (gov.gr), mentre le difficoltà di vita dovute alle condizioni dell’epidemia di coronavirus potrebbero avere un ruolo).
  • Segue al secondo posto il portale digitale gov.gr con solo il 48,3% di aziende soddisfatte nel primo anno di attività e al terzo posto businessportal.gr, il sistema informativo di GEMI, con il 46,7%.
  • Al contrario, c’è ancora insoddisfazione per il lavoro di organi vitali, come tribunali e ministeri. L’amministrazione della giustizia è uno dei principali ostacoli per il 36,2% delle aziende.
  • Nel 2020 si registra un aumento significativo della percentuale di aziende che stimano che la mancanza di risorse umane adeguate causi grandi difficoltà (dal 21% al 38,3%).
  • Le tasse elevate sono il più grande ostacolo nel tempo. Nonostante il miglioramento continuo, 7 aziende su 10 nel 2020 ritengono che stia causando notevoli difficoltà nell’ambiente in cui operano.
  • La corruzione e la mancanza di trasparenza, nonostante il leggero miglioramento nel 2020 entro le 5 del mattino, rimangono il terzo più grande ostacolo nel più ampio contesto economico e politico del paese, che colpisce più piccole imprese.
  • L’impatto delle difficoltà dovute alla situazione macroeconomica del Paese si è ridotto al 30,2% (dal 40% circa), nonostante le pressioni sull’economia dovute all’epidemia.
  • L’incertezza politica non è più vista come un ostacolo importante poiché è scesa al 14,3% (dal 65,7% nel 2017).
READ  Come l'OCSE chiede alla Francia di controllare la sua spesa pubblica

Priorità

Gli imprenditori ritengono che le priorità del governo per recuperare l’economia dalla crisi epidemica dovrebbero essere garantire liquidità a condizioni competitive (44,9%), oltre a garantire la sopravvivenza delle aziende colpite dall’epidemia con tutti i mezzi. Crisi epidemica (36,1%).

Va notato in particolare che Utilizzo del Fondo per il recupero e di altre risorse europee straordinarie Quasi 32 miliardi di euro saranno destinati, in termini rigorosi e vincolati al tempo, all’economia greca, un’opportunità di finanziamento unica da non perdere.

raccomandato per te

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *