All’inizio dell’universo è stata scoperta una galassia simile alla nostra Via Lattea

All’inizio dell’universo è stata scoperta una galassia simile alla nostra Via Lattea

Una galassia a spirale dello stesso tipo della Via Lattea è stata avvistata ai margini dell’universo da un team internazionale di astronomi utilizzando i dati raccolti dal James Webb Space Telescope.

Concretamente, Ceers-2112 è la galassia a spirale barrata più distante mai scoperta. In questo tipo di galassia i bracci a spirale non emergono dal centro della galassia, ma piuttosto da un gruppo di stelle che attraversa questo centro.

Questa scoperta è una grande sorpresa per gli astrofisici che fino ad ora pensavano che ci sarebbero voluti diversi miliardi di anni prima che le galassie diventassero sufficientemente organizzate e progettate per sviluppare barre.

Pertanto, hanno stimato che questo tipo di galassia potrebbe apparire solo quando l’universo avrà raggiunto almeno la metà della sua età, circa 13,8 miliardi di anni.

La scoperta di Ceers-2112 dimostra che ciò potrebbe avvenire molto più velocemente, forse anche in meno di un miliardo di anni.

Il nostro lavoro rivela che galassie simili alla Via Lattea esistevano già 11,7 miliardi di anni fa, quando l’universo aveva solo il 15% della sua età attuale.spiega l’astronomo Luca Costantin, dell’Istituto spagnolo di tecnologia aerospaziale e autore principale dell’articolo pubblicato sulla rivista natura (Una nuova finestra) (in inglese).

La Via Lattea e le Nubi di Magellano.

Immagine: NASA/Nina McCurdy/Nick Reisinger

Punti di riferimento della galassia

  • Una galassia è un insieme di stelle, polvere, gas e materia oscura tenuti insieme dalla forza gravitazionale.
  • Esistono quattro categorie principali classificate in base alla forma e alle proprietà fisiche: elicoidale, ellissoidale, lenticolare e irregolare.
  • Il nostro Sole e il suo sistema planetario si trovano in una galassia a spirale barrata, la Via Lattea, composta da 100 a 400 miliardi di altre stelle.
  • Ci sono almeno 2.000 miliardi di galassie nell’universo osservabile.
READ  "Potrebbe non esserci alcun conflitto dopo tutto" in Expanded Universe Debate

Per comprendere meglio la nostra galassia

Studiando la struttura delle galassie situate a diverse distanze (che corrispondono a diverse ere dell’universo), gli scienziati stanno cercando di ricostruire l’evoluzione della nostra Via Lattea.

Tuttavia, nell’universo vicino, la stragrande maggioranza delle galassie a spirale massicce sono bloccate.

Tuttavia, secondo i modelli teorici, le condizioni fisiche prevalenti nell’universo primordiale non erano favorevoli alla formazione delle barre nelle galassie, poiché queste barre dovrebbero apparire nelle galassie a spirale le cui stelle ruotano in modo ordinato.

La scoperta di CEERS-2112 mostra che le galassie nell’universo primordiale avrebbero potuto essere disposte come la Via Lattea, il che è sorprendenteLo afferma in un comunicato stampa l’astronomo Alexander de la Vega dell’Università della California, Riverside, che ha partecipato al lavoro.

I nostri modelli teorici di formazione ed evoluzione delle galassie devono tenere conto del fatto che alcune galassie sono diventate abbastanza stabili da ospitare barre molto presto nell’evoluzione dell’Universo.

Devi sapere che le barre galattiche svolgono un ruolo importante nell’evoluzione delle galassie, perché favoriscono la mescolanza degli elementi necessari alla formazione stellare (come il Sole).

Caricamento della domanda

Rivoluzione web

L’attuale conoscenza delle galassie primordiali si basa principalmente sui dati ottenuti con il telescopio spaziale Hubble, ma le eccezionali capacità del telescopio spaziale James Webb rivoluzioneranno sicuramente la nostra comprensione dell’universo lontano.

Con James Webb abbiamo per la prima volta la tecnologia e gli strumenti necessari per studiare in dettaglio la morfologia di galassie molto distanti, aiutandoci a capire come le galassie hanno acquisito le strutture che caratterizzano oggi per comprendere l’evoluzione dell’universo.

Il telescopio James Webb è stato lanciato il 25 dicembre 2021 dalla Guyana francese. È in grado di guardare più lontano nell’universo rispetto a tutti gli altri telescopi, grazie al suo enorme specchio principale e a quattro strumenti che ricevono segnali infrarossi, permettendogli di penetrare le nuvole di polvere.

READ  Spazio: detriti spaziali si sono schiantati contro uno dei bracci robotici della Stazione Spaziale Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *